La dottrina e lo Spirito Santo uniscono, l’ideologia divide

La dottrina e lo Spirito Santo uniscono, l'ideologia divide

La vera dottrina unisce, l’ideologica invece divide. E’ quanto ha detto Papa Francesco nella Messa a Casa Santa Marta, occasione nella quale sono state fatte molte riflessioni su questo. Partendo da una Lettura contenuta negli Atti degli Apostoli, Francesco ha fatto notare che anche nella prima comunità cristiana c’erano forme di gelosia, di lotte di potere e qualche furbetto che tendeva a conquistare sempre più potere attorno a sé.

Pertanto, di problemi di questo genere ce ne sono sempre stati tra gli uomini. In fondo, così come ha ricordato il Santo Padre, “siamo umani, siamo peccatori” e le difficoltà fanno inevitabilmente parte della vita. Anche l’essere peccatori però ci porta sulla via dell’umiltà e ci induce ad avvicinarci al Signore “come salvatore dei nostri peccati”.

Per una dottrina che unisce bisogna per forza di cose chiedere l’aiuto dello Spirito Santo, una figura utile per “chiarire la dottrina”. E tutti noi sappiamo come “chiarire la dottrina” sia un passo fondamentale per poter poi capire bene ciò che Gesù ha detto nei Vangeli e ciò che Lui vuole dai suoi discepoli.

Insomma, è proprio grazie allo Spirito Santo che gli apostoli sono riusciti a mettere da parte l’ideologia, che per sua natura divide, e ad abbracciare la dottrina, che invece unisce. Loro, gli apostoli, “avevano il cuore aperto a ciò che lo Spirito diceva. E dopo la discussione è parso lo Spirito a noi”.

La Chiesa, ha quindi concluso Francesco, “ha il proprio magistero, il magistero del Papa, dei vescovi e dei concili” e dobbiamo proseguire su questa strada “che è il risultato della predicazione di Gesù e della presenza costante dello Spirito Santo”. Quella dello Spirito, è bene ricordarlo, è un’assistenza “aperta e libera”, un’assistenza che serve a unire la comunità cristiana e a tenerla al riparo dalle ideologie che innalzano solo e soltanto muri.

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

1 Commento

Ivana barbonetti il 20 maggio 2017 alle 8:16 am.

In giovane eta’ ribelle e riformatrice per le cose palesemente distorte, nella politica di sinistra allora emergente (1965), l’allora noi giovani credevamo di avere trovato il rimedio di tutti i mali.
Chi ha letto i vari libri al riguardo, non puo’ che riconoscere che e’ buono, rispetto degli esseri umani indistintamente tra sesso razza stato sociale! ( fermo restando che questo lo predico’ Gesu’ 2000 anni fa,) mi chiesi perché nonostante i belli e validi principi di sinistra, non funziono’?! ideologie, ideologie belle ma’ di difficile applicazione con degli umani pieni di imperfezioni, di emotivita’, UMANI.——-ora con umilta’ riconosciamolo prima della distruzione totale, (e’ un servizio informativo laico l’allarme che gli italiani si stanno estinguendo) riconosciamo che abbiamo bisogno di illuminazione non solo mentale ma anche di cuore, di una dottrina sana chiara come GESU’ porto’ su questa terra 2000 anni fa, intelligente, un’intelligenza illuminata dallo Spirito Santo no dall’orgoglio arrogante e distruttivo, DIO ci vuole SANI INTELLIGENTI, NO STUPIDI ASSERVITORI .—

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>