Papa in Bolivia: non è necessario escludere nessuno!

Papa in Bolivia: non è necessario escludere nessuno!

Prendere, benedire e consegnare sono i tre punti chiavi della riflessione di Papa Francesco nel corso della Santa Messa di apertura del V Congresso Eucaristico Nazionale, concelebrata dal Pontefice nella Piazza di Cristo Redentore a Santa Cruz, nel corso del Viaggio Apostolico di Papa Francesco in Bolivia.

Il Santo Padre, prendendo spunto dalla Lettura del Vangelo (Mc 8, 1-10), che raccontava il miracolo della moltiplicazione dei pani e dei pesci, ha fatto notare come la logica umana dei discepoli, che invitavano Gesù a mandare a casa tutte le persone che lo seguivano, quindi a scartarle, venga capovolta da Gesù stesso, il quale insegna invece a non scartare alcuna persona.

Quella umana è “una logica che cerca di trasformare tutto in oggetto di scambio, tutto in oggetto di consumo, tutto negoziabile. – ha fatto notare il Pontefice – Una logica che pretende di lasciare spazio a pochi, scartando tutti quelli che non “producono”, che non sono considerati idonei e degni perché apparentemente “i conti non tornano”.

Gesù interviene a indicarci un’altra via: Egli, per mezzo della Parola di oggi, “ci parla e ci dice: “No, non è necessario escluderli, non è necessario che se ne vadano, date loro voi stessi da mangiare” – ha sottolineato Papa Francesco – E’ un invito che oggi risuona con forza per noi: “Non è necessario escludere nessuno, non è necessario che alcuno se ne vada; basta con gli scarti, date loro voi stessi da mangiare”.”

Il messaggio del Vangelo non è fermo a duemila anni fa, è attuale, anzi è drammaticamente attuale: “Gesù continua a dircelo in questa piazza. – ha detto il successore di Pietro – La visione di Gesù non accetta una logica, una visione che sempre “taglia il filo” a chi è più debole, a chi ha più bisogno. Accettando la “scommessa”, Lui stesso ci dà l’esempio, ci indica la strada. Un’indicazione racchiusa in tre parole: prende un po’ di pane e qualche pesce, li benedice, li divide e li consegna perché i discepoli lo condividano con gli altri“.

Questa è la strada del miracolo“, ha dunque concluso Papa Francesco, “Gesù, per mezzo di queste tre azioni, riesce a trasformare una logica dello scarto in una logica di comunione, in una logica di comunità“.

L’Eucaristia è Sacramento di comunione, che ci fa uscire dall’individualismo per vivere insieme la sequela e ci dà la certezza che ciò che possediamo e ciò che siamo, se è accolto, se è benedetto e se è offerto, mediante il potere di Dio, con il potere del suo amore, diventa pane di vita per gli altri“.

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

1 Commento

Ivana Barbonetti il Notice: Undefined variable: comment_ID in /var/www/clients/client182/web3515/web/wp-content/themes/undedicated/functions.php on line 209 10 luglio 2015 alle 6:52 am.

DIO TI BENEDICA SANTO PADRE FRANCESCO, mi impegnero’ in modo particolare a pregare che DIO PADRE CI INVII LO SPIRITO SANTO, ci apra cuori e menti a questa parte del vangelo, VIVERLO tutti per il bene di tutti. DIO ABBIA MISERICORDIA DI NOI. Ivana Barbonetti.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>