Come Contattare Papa Francesco

scrivere papa francescoSempre più persone esprimo l’esigenza di contattare Papa Francesco per affidargli le proprie preoccupazioni e chiedergli di pregare per loro: chi affida al Pontefice il racconto della propria vita, chi chiede un consiglio al Papa, chi desidera raccontargli i propri drammi personali, chi invece vede nella saggezza del Vescovo di Roma un’ancora di salvataggio che gli permette di non perdersi del tutto, chi invia una poesia o un sciarpa o un qualsiasi oggetto con affetto, come lo si consegnerebbe al vicino di casa.

Ormai moltissime persone scrivono ogni giorno a Papa Francesco a quell’indirizzo così semplice da ricordare, così familiare che sembra essere quello di un amico che è lì da sempre che aspetta, pronto a dare conforto.

Non tutti sanno però che l’Ufficio Corrispondenza di Papa Francesco, che riceve tutta questa moltitudine di lettere è composto da appena quattro persone: a capo vi e mons. Giuliano Gallorini aiutato da due signore laiche e suor Anna che devono gestire e rispondere a corrispondenza che giunge in tutte le lingue del mondo.

Si tratta di un lavoro molto complesso per un così piccolo gruppo ma che viene svolto in maniera minuziosa ogni giorno: sarebbe infatti impossibile per Papa Francesco leggere e rispondere personalmente a migliaia e migliaia di lettere.

La prima attività, spiega proprio mons. Gallorini è smistare le lettere in base alla lingua, poi le buste vengono aperte e ne viene letto il contenuto. Viene risposta ad ogni lettera ricevuta mentre i casi più complessi, i casi di coscienza vengono direttamente affidati ai segretari del Pontefice affinché sia Papa Francesco stesso a rispondere, o meglio a dare delle indicazioni su come rispondere.

Non tutte le lettere inviate al Pontefice, dunque, vengono lette personalmente da Papa Francesco ma il suo Ufficio Corrispondenza si fa carico di condividere la sofferenza di ogni persona che scrive a Bergoglio e di rispondere con lo stile e con le parole del Pontefice, sottoponendo a questi i casi più gravi.

Come scrivere a Papa Francesco

Per tutti coloro che volessero scrivere al Pontefice, l’indirizzo postale di Papa Francesco:

Sua Santità Francesco, Casa Santa Marta, 00120 Città del Vaticano

Papa Francesco non possiede un indirizzo email pubblico, pertanto se si desidera scrivergli é necessario farlo via posta tradizionale all’indirizzo sopra riportato.

Come partecipare a una udienza pubblica di Papa Francesco

Per incontrare il Papa partecipando a una udienza pubblica del Pontefice sono necessari dei biglietti che sono gratuiti e che vengono rilasciati dalla Prefettura della Casa Pontificia.

Per richiedere i biglietti possiamo

  • 1) inviare un fax al numero +39 06 698 858 63, indicando l’udienza alla quale si intende partecipare e il numero dei partecipanti utilizzando questo modulo;
  • 2) richiedere i biglietti via posta ordinaria – utilizzando sempre lo stesso modulo sopra riportato e indicando i dati sopra evidenziati – scrivendo alla Prefettura della Casa Pontificia, 00120 Città del Vaticano.

Per ulteriori informazioni, potete contattare la Prefettura della Casa Pontificia telefonando ai numeri +39  06 698 848 76, +39 06 698 831 14, +39 06 698 832 73 dalle ore 9 alle ore 13.

I biglietti, infine, saranno consegnati ai richiedenti nell’apposito Ufficio che troveremo dentro al Portone di Bronzo ubicato nel colonnato di destra in Piazza San Pietro.

Come ricevere la benedizione di Papa Francesco

Per ricevere la benedizione speciale di Papa Francesco si deve utilizzare questo modulo che può essere inviato alla Elemosineria Apostolica:

  • 1) consegnandolo di persona entrando dall’Ingresso Sant’Anna, ubicato sulla destra del Colonnato della Piazza San Pietro e con apertura dal lunedì al dabato dalle ore 9 alle 12;
  • 2) a mezzo fax al numero +39 06 698 831 32
  • 3) a mezzo posta ordinaria, indirizzando la richiesta a

Elemosineria Apostolica, Ufficio pergamene – 00120 Città del Vaticano

La benedizione può essere richiesta per i seguenti sacramenti ed occasioni speciali: Battesimo, Prima Comunione, Cresima; Matrimonio; Consacrazione Secolare; Professione Religiosa; Ordinazione Diacono permanente; Ordinazione Presbiterale; Benedizione di Matrimonio o di Professione Religiosa; Benedizione di Compleanno; Benedizione di Persona singola cattolica o famiglia. Alcune benedizioni necessitano del nulla osta del parroco, pertanto é consigliabile richiedere informazioni in merito al vostro parroco prima di inviare la richiesta al Papa. Va detto infine che la benedizione é gratuita ma vi é un costo da sostenere per la pergamena. La benedizione é disponibile in 6 lingue differenti.

chiavi di ricerca:

  • scrivere al papa
  • come scrivere al papa
  • scrivere a papa francesco
  • come scrivere a papa francesco
  • indirizzo papa francesco
  • francesco e papa email
  • indirizzo di papa francesco
  • come contattare il papa
  • scrivere una lettera al papa
  • indirizzo email papa francesco

4.072 Commenti

MARCELLA on giugno 29, 2015 at 5:47 pm.

Domenica, 28/06/2015.
Caro Papa Francesco,
sono Marcella, ti scrivo da Perugia e come ogni Domenica, da quando Tu sei il nostro Papa, ho ascoltato l’ Angelus in diretta televisiva.
Il Vangelo di oggi sembra parlare ai nostri cuori di famiglia disperata.
Abbiamo perso Roberto 4 giorni fa;
un ragazzo di soli anni 40, padre di un bimbo (Cristian) di soli 5 anni, sposato con Silvia, mia nipote, a causa di arresto cardiaco durante il sonno.
Ma, purtroppo, c’è di più…
Silvia, la notte successiva al giorno del funerale, è stata colpita da emorragia celebrale! Ora si trova al reparto rianimazione, del Policlinico Santa Maria della Misericordia di Perugia, che versa in condizioni disperate e sta lottando tra la vita e la morte.
TI SUPPLICCO!!!
Papa Francesco prega, per noi e con noi, Gesù, affinché richiami Silvia alla vita come ha richiamato la fanciulla nel Vangelo di oggi.
Cristian non può fare a meno di mamma e papà….
Ti voglio tanto bene Papa Francesco,
vedo in te una forte SPERANZA PER IL MONDO!!!
HO FIDUCIA, TI ABBRACCIO….

MARCELLA.

Rispondi

PAULO C GRISOTTO on giugno 29, 2015 at 4:14 am.

BOM DIA!
SUA SANTIDADE, NÃO GOSTARIA DE VER O SENHOR MASCANDO FOLHAS DE COCA NA SUA VISITA A AMÉRICA DO SUL. ME DEIXARIA MUITO TRISTE, POIS ESTA DROGA É MOTIVO DA DESGRAÇA DE MUITAS FAMILIAS.

OBRIGADO

Rispondi

massimiliano on giugno 28, 2015 at 4:00 pm.

cara francesca hai ragione le leggi non le fanno loro ma qui a napoli si dice che se hai un santo in paradiso cioe una raccomandazione tutto e più semplice io sono andato avanti sempre con le mie forze senza chiedere niente a nessuno e tutto ora che ho avuto un ictus continuo nella mia strada ho sentito tanto di quelle volte persone che sei ricco un futuro ce l hai assicurato ma se sei povero hai voglia di fare la fame in poche parole carissima francesca se non conosci qualcuno di importante non andrai mai avanti ma solo indietro

Rispondi

massimiliano on giugno 27, 2015 at 2:32 pm.

e inutile che cancellate tutti i miei commenti perché vi scrivero tutti i giorni oggi vi voglio raccontare la storia dei migranti questi arrivano in italia mangiano bevono rubano e trovano pure lavoro invece io che sono un invalido devo stare in mezzo a una strada a vedere loro come lavorano che vergogna contattatemi 3337013036

Rispondi

Francesca on giugno 28, 2015 at 10:50 am.

Ma che colpa ne hanno loro???? le fanno loro le leggi??

Rispondi

massimiliano on giugno 26, 2015 at 7:08 pm.

padre paolo sono sempre io aspettavo una vostra telefonata ma avete fatto come li mio parroco don ciro ignorato della mia situazione gravissima e questo perché gesu disse bussa e ti sara aperto ho visto le porte si sono solo chiuse vergogna

Rispondi

massimiliano on giugno 26, 2015 at 6:46 pm.

sono un invalido iscritto alle categorie protette ho bisogno di lavorare ma nessuno mi aiuta perfino il mio parroco don ciro mi ha chiuso la porta in faccia e questa e la seconda volta dopo l episodio di mio fratello caduto in depressione con la perdita del lavoro contattatemi al 3337013036

Rispondi

Carlo Calistri on giugno 26, 2015 at 3:00 pm.

Sua Santità Papa Francesco Bergoglio,
sto attraversando un momento molto difficile della vita, in un contesto sociale altrettanto difficile. Ho due cose che mi rallegrano la Fede in Dio e la mia famiglia. Sono ormai da 18 mesi che sono disoccupato e alla continua ricerca di nuove opportunità lavorative.
Ho una lunga esperienza maturata in 35 anni di attività nel credit management, come auditor, analisi dei processi, revisione degli stessi e stesura delle procedure. Ho ricoperto vari ruoli e lavorato in Italia, Brasile e Africa.
E’ veramente avvilente e non degno per una persona trovarsi alla soglia dei 60 anni e non essere più in grado di mantenere la propria famiglia con tutte le conseguenze che questo comporta. La signora Fornero mi ha precluso anche la possibilità di andare in pensione.
Mi chiedo, se non riesco a ricollocarmi o a trovare soluzioni che per il momento non ho, cosa accadrà una volta terminati i pochi risparmi ?
Purtroppo, nella mia situazione si trovano molte persone ormai over 50 è possibile che non si possa trovare una soluzione ?
Mi creda a me non farebbe che un immenso piacere rientrare nel mondo del lavoro e poter dare agli altri quello che ho acquisito in tanti anni di esperienza.
Preghi per me. Un grande abbraccio, con profonda stima e devozione Carlo Calistri

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *


2 + = undici

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Aggiungi una immagine