Come Contattare Papa Francesco

scrivere papa francescoSempre più persone esprimo l’esigenza di contattare Papa Francesco per affidargli le proprie preoccupazioni e chiedergli di pregare per loro: chi affida al Pontefice il racconto della propria vita, chi chiede un consiglio al Papa, chi desidera raccontargli i propri drammi personali, chi invece vede nella saggezza del Vescovo di Roma un’ancora di salvataggio che gli permette di non perdersi del tutto, chi invia una poesia o un sciarpa o un qualsiasi oggetto con affetto, come lo si consegnerebbe al vicino di casa.

Ormai moltissime persone scrivono ogni giorno a Papa Francesco a quell’indirizzo così semplice da ricordare, così familiare che sembra essere quello di un amico che è lì da sempre che aspetta, pronto a dare conforto.

Non tutti sanno però che l’Ufficio Corrispondenza di Papa Francesco, che riceve tutta questa moltitudine di lettere è composto da appena quattro persone: a capo vi e mons. Giuliano Gallorini aiutato da due signore laiche e suor Anna che devono gestire e rispondere a corrispondenza che giunge in tutte le lingue del mondo.

Si tratta di un lavoro molto complesso per un così piccolo gruppo ma che viene svolto in maniera minuziosa ogni giorno: sarebbe infatti impossibile per Papa Francesco leggere e rispondere personalmente a migliaia e migliaia di lettere.

La prima attività, spiega proprio mons. Gallorini è smistare le lettere in base alla lingua, poi le buste vengono aperte e ne viene letto il contenuto. Viene risposta ad ogni lettera ricevuta mentre i casi più complessi, i casi di coscienza vengono direttamente affidati ai segretari del Pontefice affinché sia Papa Francesco stesso a rispondere, o meglio a dare delle indicazioni su come rispondere.

Non tutte le lettere inviate al Pontefice, dunque, vengono lette personalmente da Papa Francesco ma il suo Ufficio Corrispondenza si fa carico di condividere la sofferenza di ogni persona che scrive a Bergoglio e di rispondere con lo stile e con le parole del Pontefice, sottoponendo a questi i casi più gravi.

Come scrivere a Papa Francesco

Per tutti coloro che volessero scrivere al Pontefice, l’indirizzo postale di Papa Francesco:

Sua Santità Francesco, Casa Santa Marta, 00120 Città del Vaticano

Papa Francesco non possiede un indirizzo email pubblico, pertanto se si desidera scrivergli é necessario farlo via posta tradizionale all’indirizzo sopra riportato.

Come partecipare a una udienza pubblica di Papa Francesco

Per incontrare il Papa partecipando a una udienza pubblica del Pontefice sono necessari dei biglietti che sono gratuiti e che vengono rilasciati dalla Prefettura della Casa Pontificia.

Per richiedere i biglietti possiamo

  • 1) inviare un fax al numero +39 06 698 858 63, indicando l’udienza alla quale si intende partecipare e il numero dei partecipanti utilizzando questo modulo;
  • 2) richiedere i biglietti via posta ordinaria – utilizzando sempre lo stesso modulo sopra riportato e indicando i dati sopra evidenziati – scrivendo alla Prefettura della Casa Pontificia, 00120 Città del Vaticano.

Per ulteriori informazioni, potete contattare la Prefettura della Casa Pontificia telefonando ai numeri +39  06 698 848 76, +39 06 698 831 14, +39 06 698 832 73 dalle ore 9 alle ore 13.

I biglietti, infine, saranno consegnati ai richiedenti nell’apposito Ufficio che troveremo dentro al Portone di Bronzo ubicato nel colonnato di destra in Piazza San Pietro.

Come ricevere la benedizione di Papa Francesco

Per ricevere la benedizione speciale di Papa Francesco si deve utilizzare questo modulo che può essere inviato alla Elemosineria Apostolica:

  • 1) consegnandolo di persona entrando dall’Ingresso Sant’Anna, ubicato sulla destra del Colonnato della Piazza San Pietro e con apertura dal lunedì al dabato dalle ore 9 alle 12;
  • 2) a mezzo fax al numero +39 06 698 831 32
  • 3) a mezzo posta ordinaria, indirizzando la richiesta a

Elemosineria Apostolica, Ufficio pergamene – 00120 Città del Vaticano

La benedizione può essere richiesta per i seguenti sacramenti ed occasioni speciali: Battesimo, Prima Comunione, Cresima; Matrimonio; Consacrazione Secolare; Professione Religiosa; Ordinazione Diacono permanente; Ordinazione Presbiterale; Benedizione di Matrimonio o di Professione Religiosa; Benedizione di Compleanno; Benedizione di Persona singola cattolica o famiglia. Alcune benedizioni necessitano del nulla osta del parroco, pertanto é consigliabile richiedere informazioni in merito al vostro parroco prima di inviare la richiesta al Papa. Va detto infine che la benedizione é gratuita ma vi é un costo da sostenere per la pergamena. La benedizione é disponibile in 6 lingue differenti.

chiavi di ricerca:

  • scrivere al papa
  • come scrivere al papa
  • scrivere a papa francesco
  • indirizzo papa francesco
  • come scrivere a papa francesco
  • francesco e papa email
  • indirizzo di papa francesco
  • come contattare il papa
  • indirizzo email papa francesco
  • scrivere al papa francesco

3.332 Commenti

Gianluca Gottardo on gennaio 26, 2015 at 6:32 pm.

La Logica della Carità nasce dalla Accettazione dell’Altro tramite la Condivisione Fraterna ed Universale in Cristo.

Rispondi

Giacomo Fasone on gennaio 26, 2015 at 5:38 pm.

Buonasera nonno Luciano la ringrazio tanto dei suoi preziosi consigli, ma quello che dice lei l’ho sempre fatto, io sono diplomato ma ho sempre fatto l’operaio e non ho avuto mai vergogna a sporcarmi le mani perche’ ho fatto dei lavori umili. L’unica cosa adesso e’ che, anche con tutta la buona volonta’, nessuno ti un lavoro perche’ ci sono tanti extracomunitari sottopagati che arrivamo prima di noi poveri italiani. Dico poveri perche’ questa crisi ci ha ridotti alla poverta. Prima alcuni lavori, quando c’era il benessere, e’ vero non si degnavano di farli, ma adesso mi ci metto pure io, puliremmo anche i vetri alle macchine purche’ portiamo i soldi a casa.
Per quanto rigurda il comune e i servizi sociali e’ la stessa cosa noi italiani siamo messi in secondo piano, perche’ prima vengono loro che hanno tanti figli, come ci hanno detto. Il lavoro, quel po’ che c’e’ lo danno a chi sanno loro. Con questo non voglio dire che sono un razzista, perche’ ho lavorato con loro ed anche qualche amico extracomunitario. Il mio problema piu’ grande adesso e che non mi fa dormire piu’ la notte e’ che oltre il lavoro non abbiamo piu’ una casa perche’ il tribunale ce la sta mettendo all’asta. Quindi speriamo che Dio ci aiuti.

Grazie tanto per gli auguri.

Un abbraccio.

Giacomo Fasone

Rispondi

marzio on gennaio 26, 2015 at 4:17 pm.

SANTO PADRE SONO MARZIO DA CHIETI LE CHIEDO DI AIUTARMI SPIRITUALMENTE PERCHE’ SONO PERSEGUITATO DAI PENSIERI MALIGNI PREGATE PER ME

Rispondi

Gianluca Gottardo on gennaio 25, 2015 at 2:46 pm.

La Voce dello Spirito è come una Brezza Soave che ci porta verso la Strada del Dialogo e della Tolleranza secondo la Volontà e la Misericordia di Dio che ci rendono Figli Liberi nella Luce.

Rispondi

Nicola on gennaio 25, 2015 at 1:21 pm.

Salve,
sono Nicola ed ho 28 anni. Nel 2014 ho partecipato al concorso per 650 allievi agenti della polizia di stato. Purtroppo sono tra i 250 ragazzi che siamo rimasti fuori graduatoria pur avendo dei punteggi altissimi. Basti pensare che fino a 2 anni fa, per lo stesso concorso, con il nostro punteggio saremmo stati tra i primi 50, invece adesso siamo dopo i 650. Dato che proprio in questo periodo siamo a rischio terrorismo, soprattutto il Vaticano dopo le minacce che ha ricevuto, e dato che la polizia di stato ha una carenza di 18.000 uomini, vorrei chiedere al Santo Padre se può spendere una piccola parola nei nostri confronti con il ministro dell’interno Alfano e con il presidente del consiglio Renzi. Oltre al fatto di avere più sicurezza con la nostra assunzione, c’è anche il fatto che 250 ragazzi non saranno più disoccupati e coroneranno il loro sogno. Spero che accogliate la mia richiesta.
Vi ringrazio

Nicola

Rispondi

Gianluca Gottardo on gennaio 24, 2015 at 8:37 pm.

Cercare Dio significa fare spazio alla Voce dello Spirito nel proprio Cuore per lasciarsi guidare dolcemente lungo la Via della Pace e della Carità secondo la Parola e la Misericordia di Dio.

Rispondi

Domenico on gennaio 24, 2015 at 5:48 pm.

Sono rimasto dispiaciuto quando il papa non ha ricevuto il Dalai Lama Ora sono deluso e preoccupato per la sua remissività mentre tanti Cristaini muoiono per non fare “politica” Questo papa non lo sento come il difensore della Cristianità

Rispondi

Giacomo Fasone on gennaio 24, 2015 at 5:34 pm.

Buonasera nonno Luciano la ringrazio tantissimo di aver risposto alla mia lettera. Non so quanti anni ha pero’ prendo il suo consiglio come se fosse mio papa’ che purtroppo non c’e’ piu’ e che mi manca tantissimo perche’ non avuto nella mia vita la possibilita’ di potermelo godere. Prima perche’ era un marittimo e per la vita che faceva, stava pochissimo con la famiglia. Poi perche’, per motivi di lavoro, a 23 anni mi sono trasferito in Lombardia e sempre per motivi familiari non potuto godermi mio papa’ proprio quando ne avevo piu’ bisogno, perche’ dopo qualche anno che era in pensione si ammalato di Alzaimer. Adesso mi e’ rimasta la mamma a Palermo che ha 77 anni ed uguale, non ho la possibilita’ di andarla a trovare perche’ la nostra condizione e’ molto disagiata. Quindi caro nonno Luciano faro’ come ha detto lei anche se sara’ fiato e tempo sprecato perche’ sono proprio le istituzione che invece di sostenerti scaricano tutto sulle parrocchie e ti abbandonano.

Grazie tanto.

Una buona serata.

Giacomo Fasone.

Rispondi

Luciano on gennaio 25, 2015 at 7:17 pm.

Caro Giacomo, ti ringrazio del tuo commento e sono veramente dispiaciuto della Tua situazione. Però ci devi credere e con forza a risolvere la situazione, il comune con i sevizi sociali, deve aiutarti almeno con un minimo di sussistenza. Chiaramente è un periodo difficile, ma al costo di legarti con una catena alla porta del municipio. Tu hai diritto ad un lavoro, non stai chiedendo l’elemosina, sono nonno ho circa 20 anni più di Te, ne ho viste tante, dove abito alcuni sono nella tua stessa situazione, a 50 anni è difficile trovare un nuovo lavoro però non bisogna disperare, le possibilità sono infinite.Un Ingeniere elettrotecnico si è messo a fare il giardiniere ed è contento, alcuni nelle tue condizioni, il comune li impegna al mattino con la ramazza a pulire le strade, un mio amico pulisce i vetri ai negozi per recuperare qualche soldo, ecc ecc Tutti i lavori sono utili e nobilitano la persona, l’importante è lavorare. Devi avere fiducia in Te stesso, la vita è dura ma anche un dono meraviglioso non arrenderti, magari inizia con delle piccole manutenzioni, non fermarti al lavoro che facevi, ma cerca nei tuoi sogni un piccolo impiego anche artigianale. Caro Giacomo le vie del Signore sono infinite, percorribili, cerca con forza una nuova via. Con un forte abbraccio Ti faccio tanti auguri sperando che la Tua famiglia ritrovi la serenità che merita. ciaoo. nonno Luciano.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Aggiungi una immagine