Come Contattare Papa Francesco

scrivere papa francescoSempre più persone esprimo l’esigenza di contattare Papa Francesco per affidargli le proprie preoccupazioni e chiedergli di pregare per loro: chi affida al Pontefice il racconto della propria vita, chi chiede un consiglio al Papa, chi desidera raccontargli i propri drammi personali, chi invece vede nella saggezza del Vescovo di Roma un’ancora di salvataggio che gli permette di non perdersi del tutto, chi invia una poesia o un sciarpa o un qualsiasi oggetto con affetto, come lo si consegnerebbe al vicino di casa.

Ormai moltissime persone scrivono ogni giorno a Papa Francesco a quell’indirizzo così semplice da ricordare, così familiare che sembra essere quello di un amico che è lì da sempre che aspetta, pronto a dare conforto.

Non tutti sanno però che l’Ufficio Corrispondenza di Papa Francesco, che riceve tutta questa moltitudine di lettere è composto da appena quattro persone: a capo vi e mons. Giuliano Gallorini aiutato da due signore laiche e suor Anna che devono gestire e rispondere a corrispondenza che giunge in tutte le lingue del mondo.

Si tratta di un lavoro molto complesso per un così piccolo gruppo ma che viene svolto in maniera minuziosa ogni giorno: sarebbe infatti impossibile per Papa Francesco leggere e rispondere personalmente a migliaia e migliaia di lettere.

La prima attività, spiega proprio mons. Gallorini è smistare le lettere in base alla lingua, poi le buste vengono aperte e ne viene letto il contenuto. Viene risposta ad ogni lettera ricevuta mentre i casi più complessi, i casi di coscienza vengono direttamente affidati ai segretari del Pontefice affinché sia Papa Francesco stesso a rispondere, o meglio a dare delle indicazioni su come rispondere.

Non tutte le lettere inviate al Pontefice, dunque, vengono lette personalmente da Papa Francesco ma il suo Ufficio Corrispondenza si fa carico di condividere la sofferenza di ogni persona che scrive a Bergoglio e di rispondere con lo stile e con le parole del Pontefice, sottoponendo a questi i casi più gravi.

Come scrivere a Papa Francesco

Per tutti coloro che volessero scrivere al Pontefice, l’indirizzo postale di Papa Francesco:

Sua Santità Francesco, Casa Santa Marta, 00120 Città del Vaticano

Papa Francesco non possiede un indirizzo email pubblico, pertanto se si desidera scrivergli é necessario farlo via posta tradizionale all’indirizzo sopra riportato.

Come partecipare a una udienza pubblica di Papa Francesco

Per incontrare il Papa partecipando a una udienza pubblica del Pontefice sono necessari dei biglietti che sono gratuiti e che vengono rilasciati dalla Prefettura della Casa Pontificia.

Per richiedere i biglietti possiamo

  • 1) inviare un fax al numero +39 06 698 858 63, indicando l’udienza alla quale si intende partecipare e il numero dei partecipanti utilizzando questo modulo;
  • 2) richiedere i biglietti via posta ordinaria – utilizzando sempre lo stesso modulo sopra riportato e indicando i dati sopra evidenziati – scrivendo alla Prefettura della Casa Pontificia, 00120 Città del Vaticano.

Per ulteriori informazioni, potete contattare la Prefettura della Casa Pontificia telefonando ai numeri +39  06 698 848 76, +39 06 698 831 14, +39 06 698 832 73 dalle ore 9 alle ore 13.

I biglietti, infine, saranno consegnati ai richiedenti nell’apposito Ufficio che troveremo dentro al Portone di Bronzo ubicato nel colonnato di destra in Piazza San Pietro.

Come ricevere la benedizione di Papa Francesco

Per ricevere la benedizione speciale di Papa Francesco si deve utilizzare questo modulo che può essere inviato alla Elemosineria Apostolica:

  • 1) consegnandolo di persona entrando dall’Ingresso Sant’Anna, ubicato sulla destra del Colonnato della Piazza San Pietro e con apertura dal lunedì al dabato dalle ore 9 alle 12;
  • 2) a mezzo fax al numero +39 06 698 831 32
  • 3) a mezzo posta ordinaria, indirizzando la richiesta a

Elemosineria Apostolica, Ufficio pergamene – 00120 Città del Vaticano

La benedizione può essere richiesta per i seguenti sacramenti ed occasioni speciali: Battesimo, Prima Comunione, Cresima; Matrimonio; Consacrazione Secolare; Professione Religiosa; Ordinazione Diacono permanente; Ordinazione Presbiterale; Benedizione di Matrimonio o di Professione Religiosa; Benedizione di Compleanno; Benedizione di Persona singola cattolica o famiglia. Alcune benedizioni necessitano del nulla osta del parroco, pertanto é consigliabile richiedere informazioni in merito al vostro parroco prima di inviare la richiesta al Papa. Va detto infine che la benedizione é gratuita ma vi é un costo da sostenere per la pergamena. La benedizione é disponibile in 6 lingue differenti.

chiavi di ricerca:

  • scrivere al papa
  • come scrivere al papa
  • scrivere a papa francesco
  • indirizzo papa francesco
  • come scrivere a papa francesco
  • indirizzo di papa francesco
  • francesco e papa email
  • come contattare il papa
  • indirizzo email papa francesco
  • scrivere al papa francesco

2.820 Commenti

Gianluca Gottardo on ottobre 25, 2014 at 7:31 pm.

La Verità Apostolica nasce dalla Condivisione Fraterna della Speranza nella Parola secondo l’Universalità della Misericordia di Dio in Cristo Risorto.

Rispondi

Giovanni Ioannoni on ottobre 24, 2014 at 5:53 pm.

Amatissima Santità Papa Francesco Bergoglio, lei è veramente grandioso, sicuramente baciato dallo Spirito Santo. Prego per lei, Anima grandiosa in Terra. SANTITA’, preghi anche per noi peccatori.

Rispondi

silvia on ottobre 24, 2014 at 4:28 pm.

Caro papa…
sono una ragazza di 25 anni…io ed il mio ragazzo tre anni fa abbiamo deciso di andare a convivere per diversi motivi e ancora oggi non abbiamo la possibilità di sposarci religiosamente. Per questo motivo veniamo puniti o meglio penalizzati perché ci negano la possibilità di poter fare la cosa più bella e sacra che può esserci, cioè di battezzare una piccola creatura innocente, e per questo motivo ne deve pagare anche lui, noi coppia vorremo capire più precisamente perché ci viene negata questa possibilità?? Noi siamo una coppia stabile e ci assumiamo le stesse responsabilità di una coppia sposata, anzi vorrei farle capire che una coppia convivente ha più responsabilità di una persona fidanzata o non, perché crede nel senso di famiglia e responsabilità. Vorrei che queste cose oggi non esistessero più perché ormai la società è cambiata e non c’è più la purezza di una volta. Vorrei una risposta e anche che lei approvasse che le coppie conviventi possano fare le stesse cose delle coppie sposate. Grazie mille della sua attenzione! un caloroso abbraccio.

Rispondi

anny on ottobre 24, 2014 at 10:45 pm.

le tue responsabilità solo limitate perché senza sacramento del matrimonio tu non hai dato il tuo consenso a vivere in rapporto indissolubile e con promesse di fedeltà ecc ecc non si può chiedere ad un papa di eliminare i sacramenti per il nostro torna conto.Nella vita ci sono delle scelte da fare chi vuole essere cristiano le accetta e si comporta da cristiano fa un suo cammino .Chi non si è impegnato va per la sua strada con tutte le conseguenze che possono arrivare, nessun vincolo ostacola che voi vi lasciate quando volete e questo non è onesto ne per te ne per la società ne per la chiesa .

Rispondi

Gianluca Gottardo on ottobre 24, 2014 at 3:59 pm.

Vivere nella Speranza Apostolica non significa illudersi del Futuro ma costruirlo in Carità e Servizio Apostolico lasciando da parte ogni forma di individualismo e materialismo.

Rispondi

Giovanni Ioannoni on ottobre 24, 2014 at 1:32 pm.

‘Se poteste guarire le vostre credenze, portare le vostre credenze in allineamento con la vera Intenzione del ‘Padre’ per voi, le vostre false credenze si dissolverebbero come la foschia al sole.‘Ogni vostra circostanza ritornerebbe immediatamente all’Intenzione Divina dietro tutta la creazione. Scoprireste che per ogni difficoltà, per ogni mancanza di qualsiasi genere, c’è sempre un mezzo per porre fine alla difficoltà, il vostro cesto viene sempre riempito per provvedere alla vostra necessità: Tratto da, il Cristo è tornato davvero. Ricordatevi che io, il Cristo, sono soltanto Coscienza – ma riuscite a percepirmi ora dentro la vostra mente, la vostra coscienza?
Vi rendete conto che io, il Cristo, mi sto rivelando a voi come non ho mai potuto rivelarmi prima – perché ero ancora avvolto nei MITI della crocifissione: Tratto da, il Cristo è tornato davvero.” (Tratto da Got Questions?org ).

Rispondi

Giovanni Ioannoni on ottobre 24, 2014 at 1:25 pm.

«…Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo… l’uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo.» (Giordano Bruno ).

Rispondi

Giovanni Ioannoni on ottobre 24, 2014 at 11:21 am.

“ Giacobbe e tutta la gente ch’era con lui arrivarono a Luz, cioè Betel, che è nella terra di Canaan. Qui egli costruì un altare e chiamò quel luogo “El-Betel”. Durante la notte Giacobbe fece uno strano sogno e vide una scala lunga la quale gli angeli salivano e scendevano e sulla cui sommità era posto Dio. Svegliatosi esclamò ‘ questa è la casa di Dio ’ e ribattezzò il luogo Bet-El ( casa di Dio ). (Genesi 35,6) Tratto dal libro Geometria del male, di Sigismondo Panvini.

Rispondi

MARCO on ottobre 24, 2014 at 10:34 am.

Buongiorno vorrei se fosse possibile che il Papa si possa interessare dei bambini malti dove per colpa della burocrazia non si riesce a salvarli

Rispondi

Giovanni Ioannoni on ottobre 23, 2014 at 8:23 pm.

Sarà forse l’inizio di un nuovo inizio?

Citazione : “La contraddizione, che tanto sconcerta il modo di pensare ordinario, deriva dal fatto che dobbiamo usare il linguaggio per comunicare la nostra esperienza interiore, la quale per sua stessa natura trascende le possibilità della lingua.” — Daisetz Teitaro Suzuki 道

23 Considerazioni di: Giovanni Ioannoni (alias) JURM Ben ISman
1.
Forza di amore infinito, di pace infinita da contrapporre alla forza
stridente di reazione estrema di un guerra infinita.

2.
Il pensiero genera la parola, esprime la volontà, attiva la scelta,
mette in moto l’azione che in concreto apporta co-creazione sul
piano sensibile, dove il tutto viene animato dall’amore e dalla vita.

3.
Oggi il potere mondiale vuole imporre il tutto globale,
in una cosa possiamo accontentarlo apportando la rivoluzione
del risveglio dell’essere in senso globale così che dando
loro ragione, li scontenteremo di sicuro.
4.
Il libero arbitrio è assoluto e limitato
all’individuale presa di consapevolezza
presente nell’essere.
5.
Si ha il dovere di salvaguardare comunque
in ogni circostanza l’identità integra
interiore di ognuno.
Sia che si tratti di un santo
che di un criminale.

6.
Coloro che si credono avversari e nemici
nell’incoscienza saranno alleati ed amici
nella cosciente consapevolezza.

7.
In presenza di incomprensioni,consiglio di non
prendersela non è il caso in fondo si dovrà
solo capire.
Si sia sempre colei e colui che rispetta,
ascolta e capisce il punto di vista di ognuno.
Rispetto che non significa necessariamente condivisione.
8.
Immagino un mondo in cui le
conquiste tecnologiche siano
poste al servizio gratuito
della vita, dell’amore, della
libertà e del libero pensiero.
Ricordo che il miracolo accade adesso.

9.
Il nostro sulla terra sia un intervento
responsabile costante di una fortissima
volontà di voler essere nella consapevolezza
di vivere per proiettare il se cosciente.

10.
Tutto di tutto nel tutto trova
motivazione e collocazione d’essere.
11.
Il coraggio ne si vende ne’ si compra,
si auto produce con l’energia della
scelta compiuta portata all’azione.

12.
Il diritto assurge a diritto miliare quando
i più si sollevano per difendere il diritto
del singolo andando anche oltre qualsiasi
struttura preposta.
E’ allora che si diviene l’uni-respiro umano
che tutela e dona garanzie a tutti.

13
Provocare un poderoso scossone e
disorientamento all’interno dell’uomo
per scardinarlo dalla falsità e menzogna
dove è stato relegato, confinato e
ridonarlo alla verità, a se stesso.

14
Il senso del progresso tecnologico
esasperato dovrebbe essere
alimentato o circoscritto?

15.
Nell’idea di donare se stessi al prossimo
il pensiero trova felicità genera se stesso e
nell’incontenibilità d’amore infinito, l’animo
gioisce e trova divina realizzazione in terra.
16.
Egoismo, presunzione della umana
illusione ricercata di una
una prigione trovata.

17.
Il pensiero poggi oltre che sull’elemento
logico razionale della ragione anche su
quello visionario creatore.
18.
Ridonare, consentire ad ogni individuo
la possibilità, la scelta, la libertà,
l’opportunità della propria realizzazione
nella differenzazione delle diversità.

19.
Non attirare a sé pensieri e scritti
che fomentano odio, razzismo e che si
adoperano in modo subdolo per una
guerra globalizzata di religioni e civiltà.

20.
Unità non uniformità, unità nella diversità,
non uniformità nell’appiattimento ma,
unità e forza da cogliere nelle diversità,
è ciò che cimenta l’universo al singolo,
è ciò che pone in sinergia il singolo con
l’universo degli universi.

21.
La mondialità globalista economica tendente ad
oscurare, escludere l’operosità singola creatrice
porta inesorabilmente ed ineluttabilmente
all’autanasia del pensiero autonomo creatore ed
all’oblio del risveglio delle coscienze.

22.
Diviene consequenziale l’uso di scorciatoie come
autodifesa verso un’opprimente violenza di un
potere dittatoriale mondiale, burocratico ed
economico che prima ti crea il bisogno e poi
ti usa con palesi vincoli ritorsivi di
sfruttamento accrescendo sempre e sempre piu’
lo schiavismo economico impositivo?
Il bacino globale umano no ci sta, non ci sta,
non ci sta.

23.
Il sistema globale mondialista basato
sui sensi di colpa e sulla paura, sta
collassando su se stesso ridonando la
piena libertà di pensiero, di giustizia
e d’azione all’intera umanità in
espressione totale di amore.
Ricordo che il miracolo accade
adesso, adesso, adesso.
Giovanni Ioannoni ( alias ) JURM Ben ISman

Rispondi

Giovanni Ioannoni on ottobre 23, 2014 at 8:12 pm.

Sarà forse l’inizio di un nuovo inizio?

Citazione : “La contraddizione, che tanto sconcerta il modo di pensare ordinario, deriva dal fatto che dobbiamo usare il linguaggio per comunicare la nostra esperienza interiore, la quale per sua stessa natura trascende le possibilità della lingua.” — Daisetz Teitaro Suzuki 道

Considerazioni di: JURM Ben ISman (alias) Giovanni Ioannoni, libero pensatore.
Forza di amore infinito, di pace infinita da contrapporre alla forza
stridente di reazione estrema di un guerra infinita.
Il pensiero genera la parola, esprime la volontà, attiva la scelta,
mette in moto l’azione che in concreto apporta co-creazione sul
piano sensibile, dove il tutto viene animato dall’amore e dalla vita.
Oggi il potere mondiale vuole imporre il tutto globale,
in una cosa possiamo accontentarlo apportando la rivoluzione
del risveglio dell’essere in senso globale così che dando
loro ragione, li scontenteremo di sicuro.
Il libero arbitrio è assoluto e limitato
all’individuale presa di consapevolezza
presente nell’essere.
Si ha il dovere di salvaguardare comunque
in ogni circostanza l’identità integra
interiore di ognuno.
Sia che si tratti di un santo
che di un criminale.
Coloro che si credono avversari e nemici
nell’incoscienza saranno alleati ed amici
nella cosciente consapevolezza.
In presenza di incomprensioni,consiglio di no
prendersela non è il caso in fondo si dovrà
solo capire.

Si sia sempre colei e colui che rispetta,
ascolta e capisce il punto di vista di ognuno.
Rispetto che non significa necessariamente condivisione.
Immagino un mondo in cui le
conquiste tecnologiche siano
poste al servizio gratuito
della vita, dell’amore, della
libertà e del libero pensiero.
Ricordo che il miracolo accade adesso.
Il nostro sulla terra sia un intervento
responsabile costante di una fortissima
volontà di voler essere nella consapevolezza
di vivere per proiettare il se cosciente.
Tutto di tutto nel tutto trova
motivazione e collocazione d’essere.
Il coraggio ne si vende ne’ si compra,
si auto produce con l’energia della
scelta compiuta portata all’azione.
Il diritto assurge a diritto miliare quando
i più si sollevano per difendere il diritto
del singolo andando anche oltre qualsiasi
struttura preposta.
E’ allora che si diviene l’uni-respiro umano
che tutela e dona garanzie a tutti.
Provocare un poderoso scossone e
disorientamento all’interno dell’uomo
per scardinarlo dalla falsità e menzogna
dove è stato relegato, confinato e
ridonarlo alla verità, a se stesso.
Il senso del progresso tecnologico
esasperato dovrebbe essere
alimentato o circoscritto?
Nell’idea di donare se stessi al prossimo
il pensiero trova felicità genera se stesso e
nell’incontenibilità d’amore infinito, l’animo
gioisce e trova divina realizzazione in terra.
Egoismo, presunzione della umana
illusione ricercata di una
una prigione trovata.
Il pensiero poggi oltre che sull’elemento
logico razionale della ragione anche su
quello visionario creatore.
Ridonare, consentire ad ogni individuo
la possibilità, la scelta, la libertà,
l’opportunità della propria realizzazione
nella differenzazione delle diversità.
Non attirare a sé pensieri e scritti
che fomentano odio, razzismo e che si
adoperano in modo subdolo per una
guerra globalizzata di religioni e civiltà.
Unità non uniformità, unità nella diversità,
non uniformità nell’appiattimento ma,
unità e forza da cogliere nelle diversità,
è ciò che cimenta l’universo al singolo,
è ciò che pone in sinergia il singolo con
l’universo degli universi.
La mondialità globalista economica tendente ad
oscurare, escludere l’operosità singola creatrice
porta inesorabilmente ed ineluttabilmente
all’autanasia del pensiero autonomo creatore ed
all’oblio del risveglio delle coscienze.
Diviene consequenziale l’uso di scorciatoie come
autodifesa verso un’opprimente violenza di un
potere dittatoriale mondiale, burocratico ed
economico che prima ti crea il bisogno e poi
ti usa con palesi vincoli ritorsivi di
sfruttamento accrescendo sempre e sempre piu’
lo schiavismo economico impositivo?
Il bacino globale umano no ci sta, non ci sta,
non ci sta.
Il sistema globale mondialista basato
sui sensi di colpa e sulla paura, sta
collassando su se stesso ridonando la
piena libertà di pensiero, di giustizia
e d’azione all’intera umanità in
espressione totale di amore.
Ricordo che il miracolo accade
adesso, adesso, adesso.
Giovanni Ioannoni ( alias ) JURM Ben ISman

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Aggiungi una immagine