Come Contattare Papa Francesco

scrivere papa francescoSempre più persone esprimo l’esigenza di contattare Papa Francesco per affidargli le proprie preoccupazioni e chiedergli di pregare per loro: chi affida al Pontefice il racconto della propria vita, chi chiede un consiglio al Papa, chi desidera raccontargli i propri drammi personali, chi invece vede nella saggezza del Vescovo di Roma un’ancora di salvataggio che gli permette di non perdersi del tutto, chi invia una poesia o un sciarpa o un qualsiasi oggetto con affetto, come lo si consegnerebbe al vicino di casa.

Ormai moltissime persone scrivono ogni giorno a Papa Francesco a quell’indirizzo così semplice da ricordare, così familiare che sembra essere quello di un amico che è lì da sempre che aspetta, pronto a dare conforto.

Non tutti sanno però che l’Ufficio Corrispondenza di Papa Francesco, che riceve tutta questa moltitudine di lettere è composto da appena quattro persone: a capo vi e mons. Giuliano Gallorini aiutato da due signore laiche e suor Anna che devono gestire e rispondere a corrispondenza che giunge in tutte le lingue del mondo.

Si tratta di un lavoro molto complesso per un così piccolo gruppo ma che viene svolto in maniera minuziosa ogni giorno: sarebbe infatti impossibile per Papa Francesco leggere e rispondere personalmente a migliaia e migliaia di lettere.

La prima attività, spiega proprio mons. Gallorini è smistare le lettere in base alla lingua, poi le buste vengono aperte e ne viene letto il contenuto. Viene risposta ad ogni lettera ricevuta mentre i casi più complessi, i casi di coscienza vengono direttamente affidati ai segretari del Pontefice affinché sia Papa Francesco stesso a rispondere, o meglio a dare delle indicazioni su come rispondere.

Non tutte le lettere inviate al Pontefice, dunque, vengono lette personalmente da Papa Francesco ma il suo Ufficio Corrispondenza si fa carico di condividere la sofferenza di ogni persona che scrive a Bergoglio e di rispondere con lo stile e con le parole del Pontefice, sottoponendo a questi i casi più gravi.

Come scrivere a Papa Francesco

Per tutti coloro che volessero scrivere al Pontefice, l’indirizzo postale di Papa Francesco:

Sua Santità Francesco, Casa Santa Marta, 00120 Città del Vaticano

Papa Francesco non possiede un indirizzo email pubblico, pertanto se si desidera scrivergli é necessario farlo via posta tradizionale all’indirizzo sopra riportato.

Come partecipare a una udienza pubblica di Papa Francesco

Per incontrare il Papa partecipando a una udienza pubblica del Pontefice sono necessari dei biglietti che sono gratuiti e che vengono rilasciati dalla Prefettura della Casa Pontificia.

Per richiedere i biglietti possiamo

  • 1) inviare un fax al numero +39 06 698 858 63, indicando l’udienza alla quale si intende partecipare e il numero dei partecipanti utilizzando questo sito;
  • 2) richiedere i biglietti via posta ordinaria – utilizzando sempre lo stesso modulo sopra riportato e indicando i dati sopra evidenziati – scrivendo alla Prefettura della Casa Pontificia, 00120 Città del Vaticano.

Per ulteriori informazioni, potete contattare la Prefettura della Casa Pontificia telefonando ai numeri +39  06 698 848 76, +39 06 698 831 14, +39 06 698 832 73 dalle ore 9 alle ore 13.

I biglietti, infine, saranno consegnati ai richiedenti nell’apposito Ufficio che troveremo dentro al Portone di Bronzo ubicato nel colonnato di destra in Piazza San Pietro.

Come ricevere la benedizione di Papa Francesco

Per ricevere la benedizione speciale di Papa Francesco si deve utilizzare questo sito seguendo tutte le procedure indicate impostando il tipo di pergamena, i vostri dati personali, i dati da inserire nella pergamena e infine facendo una piccola donazione.

La benedizione può essere richiesta per i seguenti sacramenti ed occasioni speciali: Battesimo, Prima Comunione, Cresima; Matrimonio; Consacrazione Secolare; Professione Religiosa; Ordinazione Diacono permanente; Ordinazione Presbiterale; Benedizione di Matrimonio o di Professione Religiosa; Benedizione di Compleanno; Benedizione di Persona singola cattolica o famiglia. Alcune benedizioni necessitano del nulla osta del parroco, pertanto é consigliabile richiedere informazioni in merito al vostro parroco prima di inviare la richiesta al Papa. Va detto infine che la benedizione é gratuita ma vi é un costo da sostenere per la pergamena. La benedizione é disponibile in 6 lingue differenti.

7.414 Commenti

HerMan il 4 Ottobre 2019 alle 4:07 pm.

Bruno, la chiesa aiuta gia le popolazioni povere nei loro paesi, lei si preoccupa di 4 migranti che fuggono dal loro paese (rischiando la vita) per motivi ovviamente seri e non si preoccupa ad esempio di altre etnie o popolazioni straniere che pian piano, e probabilmente ci metteranno a noi con i canotti in mare.
Guardi un po in giro e si faccia un idea di chi molto probabilmente ci sta (diciamo) invadendo e occupando realmente.
Mentre per i migranti che sbarcano, fornite le prime cure, gli si potrebbe dare in cambio di vitto e alloggio, un qualche lavoro sociale dignitoso, come ad esempio, cura dei parchi strade muri urbani imbarattati argini e in sostegno, la dove i servizi da noi pagati non risultano eccellenti, a quel punto inseriti nel sociale dignitosamente potrebbero trovare in seguito un lavoro onesto e contribuire regolarmente al pil e a socializzare da oneste persone con noi tutti Italiani o cittadini del mondo, perchè i confini e muri li abbiam messi noi!! sia in terra che nella nostra mente.
Concordo sull’aiutare al loro paese ma se in tal paese scappano per orrori e povertà inacettabile (con quanto il consumismo dei giorni nostri sperpera), meglio dargli una mano anche qui.
In fondo son certo che anche lei se vede qualcuno che sta per affogare o morire di stenti e realmente di fame lo aiuterebbe.
Mi creda, si preoccupi delle nazioni che han preso agli italiani (ad esempio) la quasi totalità della grande distribuzione alimentare e di chi silenziosamente sta occupando ogni attività quali bar parrucchieri ristoranti lavanderie massaggi centri benessere hot ecc ecc
ecco non saranno quattro africani (depredati di ogni bene prezioso nelle loro terre) a crearci futuri problemi a noi italiani, ma molto probabilmente chi silenziosamente ci metterà se non a noi ma a chi verrà, su quel canotto o barcone, a quel punto speri vi sia una chiesa da qualche parte che ci aiuterà e non un qualcuno che ci faccia direttamente o indirettamente annegare e morire in mare, perchè è di questo che si tratta.
Dal bene nasce il bene dal male il male.
Inferno purgatorio e Paradiso, descritti dal sommo poeta, possono essere o meno su questa terra e a noi determinate quel che verrà.
A noi prender realmente posizione, decidere se servire il bene o il male.. se uscire dall’inferno dei nostri pensieri e azioni attravversando il purgatorio e da li raggiungere il paradiso interiore e reale su questa terra.
Un Uomo se Uomo non aiutando il suo prossimo, non puo ritenersi tale.
Esiste il Bene e il male
e come vasi comunicanti bene e male ci vien travasato, siamo acqua di sorgente che si sporca nella Vita..
a noi mantenerci puri.
Non si nasce ne Buoni ne cattivi, è quanto aporendiamo e come e cosa ci virne spiegato, il Bene non vi ingannera mai il male SI.
Il Bene alla lunga vi dara solo cose buone, il male un contentino per ingannarvi ma alla lunga si prendera indietro tutto con gli interessi e pregate Dio che questo non accada, Voi appartenete al bene e a Voi difenderlo. Siate guerrieri di buone azioni e del bene.
Si nasce puri e si diventa a causa di insegnamenti ed esperienze,persone animate dal Bene o altre animate dal male, tutto dipende da quel che decidiamo appartenga a noi e alla nostra mente.
Persone Buone e cattive:
mettete le une e le altre in due isole uguali.
L’isola dove vi sono solo persone animate dal Bene diventerà un prospero Paradiso, gente che lavora quanto basta, che si aiuta, un mondo equo dove tutti stanno bene e dove regna il Bene comune, una vita tanto bella da non trovar parole.
L’isola dove vi sono solo persone animate dal male, diventerà un inferno, morte distruzione terre bruciate e orrori dove nessuno aiuta nessuno.
Or bene, non vi sono due Mondi dove Vivere e dividere il Bene o il male.
Abitiamo tutti in questo pianeta chiamato Terra.
Occorre decidere da che parte stare e non solo a parole ma con tangibili fatti, anche piccole e a noi non costose azioni, perche anche un sassolino in un lago muove intorno a se quel che lo circonda.
Unico modo per sconfiggere il male, non è replicarlo ma annullarlo riempendo quel lago o vita col Bene.
Se a un male fate un male, non vi vendicherete, ma rafforzerete ancor di più la scuola di pensiero che vi ha causato un danno.
(in pratica renderete piu forte chi all’origine diffonde il male)
volete vendicarvi di un male subito?
fate del BENE solo in questo modo vi vendicherete, solo in questo modo aiutando il prossimo e facendo buone azioni che ovviamente non vi techino danni pottete contribuire a trasformare questa terra in un Paradiso.
E gia che ci siamo, esiste il problema plastica? si ritorni al vetro.
Le pile inquinano? si aboliscano quelle non ricaricabili.
ecc ecc
A volte mi sembra che l’ovvio a causa di interessi di pochi non emerga..
Siate Buoni, non fatevi fregare da ingannevoli promesse..
Voi appartenete al Bene e a noi tutti contribuire a far si che questa terra sia un Paradiso..
Chi vi dice non è possibile, lo dice in mala fede oppure ha appena toccato il limite della sua fantasia.
perchè..
Fatti non foste a viver come bruti..
ma per seguir virtute e canoscenza.
Un saluto a tutti
Con Stima alla chiesa che opera nel bene silenziosa.
Fierezza e buona vita a chi ama il suo prossimo.
In particolare Buon San Francesco.

Rispondi

Alessandro Civelli il 4 Ottobre 2019 alle 2:48 pm.

Estimado Padre Santo, hoy celebramos el dia de San Francisco, le deseamos un dia sereno acompañado de nuestras oraciones. Con mucho afecto de la famiglia Civelli Alessandro
Valmorea – CO

Rispondi

Francesco Baldoni il 4 Ottobre 2019 alle 10:34 am.

Buon onomastico Papa Francesco! Che lo Spirito Santo la protegga e la guidi nel suo percorso cristiano!

Rispondi

Friello Angelo il 4 Ottobre 2019 alle 9:28 am.

Carissimo Papa Francesco, mi chiamo Angelo Friello è vivo in Svizzera.
Il 25 settembre di questo anno io è la mia famiglia eravamo presenti alla tua udienza, ed è stata una bellissima esperienza.
Io ti chiedo solo due cose, la prima aiuta le persone che nella vita hanno subito qualsiasi tipo di violenza, da quella sessuale á quella spirituale, in particolare donne-bambini-anziani-ammalati e disabili. Fa che lo spirito santo possa scendere nei cuori di tutti noi, ma in particolare in quello di molte persone che nel loro cuore hanno solo l’oscurità, fa che in loro si possa accendere una fiamma nei loro cuori e possa indicare la via della fede.
La mia seconda richiesta una tua benedizione alla mia famiglia in particolare per mio figlio Davide che è un disabile.
Grazie per tutto ciò che fai, ti auguro un buon onomastico da parte mia e famiglia.🙏

Rispondi

ANTONIO ILDEMBERGUE CALDAS BORBA il 2 Ottobre 2019 alle 10:01 pm.

Yo gustaria de ayuda financeira para llegar a la ciudad de Roma-Italya.
Yo quiero volver al Seminario Oblati Figli del Divino Amore – Roma.
Pues yo fue un seminarista en el año 1996, en este Seminario. y me gustaria volver. Alguén puede ayudarme?
Este es mi contacto: Emeil: antonio_a-c-b@hotmail.com
Yo vivo en Brasil.

Rispondi

gianluigi Consolatore Paraclito imperatore del Mondo nel nome del Signore il 22 Settembre 2019 alle 2:29 pm.

AUTO E MOTO ELETTRICHE ELETTRONICHE SECONDO L’ECOLOGIA DEL SIGNORE. Ciao Santo Padre Francesco.

Rispondi

Bruno il 14 Settembre 2019 alle 12:50 pm.

Sono un cattolico. Ma giorno dopo giorno mi devo ricredere. La storia delle crociate per cristianizzare il popolo non cattolico viene ricambiato oggi con l’immigrazione incontrollata e favorita dal Vaticano.
Per quale motivo? Sono convinto che la chiesa niente abbia di cristianità ma solo l,opportunità di fare soldi. La chiesa ha vissuto con il popolo ignorante e povero così vuole i migranti.
Perché non aiutare i migranti nel proprio paese di origine , i soldi raccolti per le org potrebbero bastare a finanziare pozzi acqua scuole corsi di formazione e coltivazione del loro territorio.

Rispondi

andrea il 11 Settembre 2019 alle 3:42 pm.

Buongiorno Papa Francesco,
sono uno dei tanti cittadini italiani e credenti che la prega sentitamente di esprimersi pubblicamente sugli affidi illeciti tra cui il caso di Bibbiano, a sostegno dei bambini e delle famiglie che hanno subito gravi ingiustizie e patito indicibili sofferenze inflitte delle istituzioni e da una moltitudine di falsi maestri.
Grazie.
Andrea

Rispondi

ANNA il 9 Settembre 2019 alle 10:31 am.

Buonasera,

Scrivo per comunicarvi che sono rimasta molto amareggiata, come turista milanese, venuta a visitare la Chiesa di Santa Croce a Lecce.

Infatti volevo semplicemente accendere un cero e fare una preghiera, ma sono stata bloccata all’ingresso della chiesa, dove due persone mi informavano che avrei dovuto pagare 5 euro a testa per l”ingresso. Noi eravamo in 3 persone.

Ma da quando si deve pagare per recitare una preghiera in chiesa?
Neppure al Duomo di Milano si paga per entrare.

Non mi riferisco alle visite guidate che in questo caso e’ corretto pagare, in quanto ci sono guide preposte a tale servizio.
Mi riferisco solo e semplicemente al fatto che mi è stato negato l’ingresso per recitare una preghiera ed accendere una candela!

Da notare anche la poca simpatia delle due persone preposte alla richiesta di denaro, che oserei dire essere anche maleducati.

Grazie per l’attenzione e spero di ricevere una risposta.

Distintamente.

Anna Della Torre

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.