La tenerezza del perdono di Dio ci fa sentire accolti e amati

San Giuseppe padre nella tenerezza, questo il fulcro della catechesi del mercoledì odierno, che rivede il lui la figura del Padre che guida il suo popolo.

Continua »
Share Button

Siamo in grado di riconoscere i segni che mostrano l’amore di Dio?

Cos’è un segno secondo il Vangelo? Questa la domanda a cui cerca di rispondere il Pontefice all’Angelus, parlando del noto episodio delle nozze di Cana, quando Gesù trasformò l’acqua in vino.

Continua »
Share Button

Attraverso la dignità del lavoro esprimiamo noi stessi

Il mestiere di Giuseppe, padre putativo di Gesù, offre lo spunto per la riflessione all’Udienza che prosegue con la catechesi su questa importante figura.

Continua »
Share Button

Oggi molte minoranze religiose subiscono discriminazioni o persecuzioni

Come può essere che attualmente molte minoranze religiose subiscano discriminazioni o persecuzioni? Questo è il tema delle intenzioni di preghiera di gennaio 2022

Continua »
Share Button

Coltiviamo l’intimità con il Signore attraverso la preghiera quotidiana

In Piazza San Pietro all’Angelus si riflette sul momento del Battesimo di Gesù, in umiltà e in preghiera nonostante fosse il Figlio di Dio. Nella folla assieme agli altri, come una qualunque persona.

Continua »
Share Button

Siate umili per poter riconoscere e accogliere il Signore

Si festeggia l’Epifania del Signore e all’Angelus non si può non parlare dell’episodio dei Magi, i sapienti giunti da tanto lontano per adorare il Signore che si ritrovano davanti un neonato.

Continua »
Share Button

L’adozione è una grande forma d’amore, non un ripiego

Alla consueta catechesi del mercoledì si medita sulla figura di Giuseppe come padre di Gesù, così come indicato dai Vangeli che lo descrivono padre putativo, cosa consueta ai tempi in cui l’adozione era molto comune.

Continua »
Share Button

Invitiamo Gesù a portare la luce nelle nostre oscurità

All’Angelus il Vangelo su cui si medita è incentrato sulla frase “il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi ”, che è poi il senso stesso del Natale. Verbo e carne, due parole che benché opposte hanno un grande significato.

Continua »
Share Button