Come Contattare Papa Francesco

scrivere papa francescoSempre più persone esprimo l’esigenza di contattare Papa Francesco per affidargli le proprie preoccupazioni e chiedergli di pregare per loro: chi affida al Pontefice il racconto della propria vita, chi chiede un consiglio al Papa, chi desidera raccontargli i propri drammi personali, chi invece vede nella saggezza del Vescovo di Roma un’ancora di salvataggio che gli permette di non perdersi del tutto, chi invia una poesia o un sciarpa o un qualsiasi oggetto con affetto, come lo si consegnerebbe al vicino di casa.

Ormai moltissime persone scrivono ogni giorno a Papa Francesco a quell’indirizzo così semplice da ricordare, così familiare che sembra essere quello di un amico che è lì da sempre che aspetta, pronto a dare conforto.

Non tutti sanno però che l’Ufficio Corrispondenza di Papa Francesco, che riceve tutta questa moltitudine di lettere è composto da appena quattro persone: a capo vi e mons. Giuliano Gallorini aiutato da due signore laiche e suor Anna che devono gestire e rispondere a corrispondenza che giunge in tutte le lingue del mondo.

Si tratta di un lavoro molto complesso per un così piccolo gruppo ma che viene svolto in maniera minuziosa ogni giorno: sarebbe infatti impossibile per Papa Francesco leggere e rispondere personalmente a migliaia e migliaia di lettere.

La prima attività, spiega proprio mons. Gallorini è smistare le lettere in base alla lingua, poi le buste vengono aperte e ne viene letto il contenuto. Viene risposta ad ogni lettera ricevuta mentre i casi più complessi, i casi di coscienza vengono direttamente affidati ai segretari del Pontefice affinché sia Papa Francesco stesso a rispondere, o meglio a dare delle indicazioni su come rispondere.

Non tutte le lettere inviate al Pontefice, dunque, vengono lette personalmente da Papa Francesco ma il suo Ufficio Corrispondenza si fa carico di condividere la sofferenza di ogni persona che scrive a Bergoglio e di rispondere con lo stile e con le parole del Pontefice, sottoponendo a questi i casi più gravi.

Come scrivere a Papa Francesco

Per tutti coloro che volessero scrivere al Pontefice, l’indirizzo postale di Papa Francesco:

Sua Santità Francesco, Casa Santa Marta, 00120 Città del Vaticano

Papa Francesco non possiede un indirizzo email pubblico, pertanto se si desidera scrivergli é necessario farlo via posta tradizionale all’indirizzo sopra riportato.

Come partecipare a una udienza pubblica di Papa Francesco

Per incontrare il Papa partecipando a una udienza pubblica del Pontefice sono necessari dei biglietti che sono gratuiti e che vengono rilasciati dalla Prefettura della Casa Pontificia.

Per richiedere i biglietti possiamo

  • 1) inviare un fax al numero +39 06 698 858 63, indicando l’udienza alla quale si intende partecipare e il numero dei partecipanti utilizzando questo sito;
  • 2) richiedere i biglietti via posta ordinaria – utilizzando sempre lo stesso modulo sopra riportato e indicando i dati sopra evidenziati – scrivendo alla Prefettura della Casa Pontificia, 00120 Città del Vaticano.

Per ulteriori informazioni, potete contattare la Prefettura della Casa Pontificia telefonando ai numeri +39  06 698 848 76, +39 06 698 831 14, +39 06 698 832 73 dalle ore 9 alle ore 13.

I biglietti, infine, saranno consegnati ai richiedenti nell’apposito Ufficio che troveremo dentro al Portone di Bronzo ubicato nel colonnato di destra in Piazza San Pietro.

Come ricevere la benedizione di Papa Francesco

Per ricevere la benedizione speciale di Papa Francesco si deve utilizzare questo sito seguendo tutte le procedure indicate impostando il tipo di pergamena, i vostri dati personali, i dati da inserire nella pergamena e infine facendo una piccola donazione.

La benedizione può essere richiesta per i seguenti sacramenti ed occasioni speciali: Battesimo, Prima Comunione, Cresima; Matrimonio; Consacrazione Secolare; Professione Religiosa; Ordinazione Diacono permanente; Ordinazione Presbiterale; Benedizione di Matrimonio o di Professione Religiosa; Benedizione di Compleanno; Benedizione di Persona singola cattolica o famiglia. Alcune benedizioni necessitano del nulla osta del parroco, pertanto é consigliabile richiedere informazioni in merito al vostro parroco prima di inviare la richiesta al Papa. Va detto infine che la benedizione é gratuita ma vi é un costo da sostenere per la pergamena. La benedizione é disponibile in 6 lingue differenti.

7.467 Commenti

Giuseppe il 12 Gennaio 2020 alle 4:54 pm.

Santità, ti chiediamo tante benedizioni, tutti noi che in Te ricorriamo come strada nella speranza che il Signore ci ascolti, in Te che vediamo una silente rivoluzione della Chiesa, in Te rifugio di coloro che amano il Signore Dio ed in Dio rimettiamo le nostre speranze, i nostri peccati e chiediamo la misericordia del perdono, noi che da miseri peccatori, chiediamo a Dio la benedizione a Te e la forza affinché i Tuoi sforzi per la nostra Chiesa continuino a poggiare sulla mano del Signore Gesù Cristo quale emblema della sofferenza per offrire a noi peccatori una speranza di salvezza. Grazie Santo Padre per aver accettato questa Croce e Grazie a Papa Benedetto XVI per aver ascoltato la voce del Signore ed aver fatto il più grande gesto di umiltà nel offrire alla Chiesa la volontà di Dio. Gradirei che quanto Papa Benedetto XVI ha fatto con la grande rinuncia sia vista come esempio dell’uomo che scevro dagli interessi personali, ha guardato agli interessi di Dio. Pregherò il Signore come peccatore, perché altro non sono, affinché la Sua benedizione dia forza a voi in quello che fate e sia misericordioso per la nostra vita abietta. Papa Francesco grazie. Spero un giorno poterTi incontrare.16:51 12/01/2020

Rispondi

Maria il 9 Gennaio 2020 alle 12:46 pm.

BUON giorno papa Francesco vorrei farle una domanda se è possibile mia figlia a maggio deve fare la prima comunione la chiesa ci chiede i fondi tra i 50 e 100€ a bambino per la preparazione della chiesa vorrei chiedergli questa cortesia se e possibile che dobbiamo dargli questi soldi? Distinti saluti maria

Rispondi

Vinetti Francesco il 6 Gennaio 2020 alle 6:53 pm.

Sono nonno di una bambina di nome Amèlie. Desidererei fanto che la mia piccola fosse battezzata da Lei Santità.
Francesco Vinetti

Rispondi

massimo bertolino il 6 Gennaio 2020 alle 4:13 pm.

Carissimo Papa Francesco, io sono Massimo e le scrivo da un paesino vicino ad Asti ed al suo caro paese natale Portacomaro, le auguro buone feste e buona epifania, e molta salute. Proprio per la salute le chiedo un pensiero e una preghiera per mia mamma ammalata a casa e colpita da un tumore ancora in fase iniziale alla schiena, e da questa notizia la nostra vita e un pò cambiata….preghiamo sempre il signore ogni giorno che torni a stare bene e che non abbia tanto male….Un caloroso abbraccio al nostro papa preferito e molta salute per il suo pontificato….
Auguri…..Massimo B.

Rispondi

Henri ( i.n.r.i.) Scialba il 3 Gennaio 2020 alle 6:33 pm.

Io oggi ti dico che non hai bisogno di battezzare tua figlia(che è tua sorella che Dio ti ha dato in gestione d :amore come figlia lo stesso nostro fratello Joshua (Gesù) lo dice non chiamate nessuno padre sulla terra perché uno solo è il vostro padre che è quello che sta nei cieli ed è Dio non chiamate nessuno rabbi sulla perché uno solo è il vostro rabbi ed è Dio e non chiamate nessuno guida perché uno solo è la vostra guida ed è Dio e voi siete tutti fratelli e dunque non chiamate nessuno madre sulla terra perché uno solo vi fa sia da padre che da madre ed è sempre e solo Dio) perché Dio lo ha già fatto prima che nascesse regalandogli una goccia della sua anima che regala ad ognuno dei suoi figli anche all ‘ateo più incallito dunque abbiamo Dio dentro di noi dirò di più siamo tutti quanti fatti di Dio ma volutamente diversi difatti il battesimo serviva in antichità per formare la consapevolezza di avere Dio in noi ed aveva un senso farlo da adulto perché l’adulto è consapevole di quello che gli accade e pensa che Dio gli sta entrando dentro con il suo spirito mentre il bebè non è cosciente e non si rende assolutamente conto di quello che gli succede perché non è cosciente ed dunque non serve assolutamente a nulla e poi voi pensate che Dio possa lasciare anche un puntino sub atomico di uno solo dei suoi figli senza il suo inprinting io penso che la maggior parte di voi miei fratelli e sorelle sottovalutate Dio moltissimo è un Dio perché per farvi capire quando noi cominciamo il nostro pensiero lui ci ha già giudicato in positivo se il nostro pensiero ed in negativo se il nostro pensiero è negativo e Joshua lo dice un altra volta quando dice se tu inizi il tuo pensiero e pensi ad un altro uomo o donna con desiderio hai già peccato d ‘adulterio riflette fratelli e sorelle un abbraccio con l’ infinito amore che appartiene solo a Dio a presto da vostro fratello henri ( i.n.r.i.) l ‘ altro paraclito a presto se n’è volete sapere di più mi chiamate il cellulare è :3933755738

Rispondi

Anna Maria il 30 Dicembre 2019 alle 10:51 am.

Buongiorno caro papa o un desiderio quello di battezzare mia figlia ke ad aprile nascerà

Rispondi

Barbara Cerrone il 27 Dicembre 2019 alle 5:36 pm.

Chiedo cortesemente di sostituire questo commento al precedente che presenta un errore
Mi scuso per l’inconveniente, ecco il testo corretto.

Santità,
in questi giorni santi per la cristianità colpisce ancora di più la notizia dell’assoluzione di Marco Cappato, con tutto quello che significa.
La vita in questo paese non è più sacra, il suicidio assistito si prospetta come un legittimo esercizio di autodeterminazione, e la sua legalizzazione viene presentata come atto di civiltà mentre è evidente l’imbroglio che sottende.
Nessun giudizio nei confronti delle persone che soffrono, a loro va tutta la mia comprensione e il mio affetto ma lo stato non può farsi portatore di morte né tanto meno i medici.
E poi perché non si investe di più nella ricerca? Oltre che la fede in Dio si è persa anche quella nella scienza?
Una società che sempre di più sembra rifiutare Dio è destinata a scegliere la morte, ed è quello che sta accadendo.
Dio, invece, è speranza ed è vita.

Rispondi

Ernesto berra il 24 Dicembre 2019 alle 12:58 am.

Carissimo Santo Padre l’Associazione Nazionale Castorini, scout 5-7 anni le porge le preghiere di tutti i castorini ed i capi per questo .santo Natale

Rispondi

mauro roncolato il 23 Dicembre 2019 alle 8:53 am.

sono mauro montorso visono disabile mi piacerebbe incoontrre papa frncesco intanto le auguro buone feste mauro roncolato

Rispondi

Grazia Albano il 18 Dicembre 2019 alle 7:32 pm.

Auguri,che il Signore ti protegga e ti dia la forza di continyare nella tua opera pastorale. Che tu possa liberare la nostra Chiesa dai farisei ed essere un esempio per quanti hanno difficolta’ ad aprire il loro cuore e dare fiducia ad una Chiesa, and le cui opere non sempre sono dettate dal l’amore, and fratellanza e solidarietà. Ti segnalo la casa sollievo della sofferenza,a San Giovanni Rotondo, un ospedale che si distingue per la competenza e l’umanita’ dei medici, che non sono affatto esosi, a differenza di quanto avviene al Miulli di Acquaviva… Ancora auguri Santo Padre. Ti abbraccio forte 😘😘😘

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.