Come Contattare Papa Francesco

scrivere papa francescoSempre più persone esprimo l’esigenza di contattare Papa Francesco per affidargli le proprie preoccupazioni e chiedergli di pregare per loro: chi affida al Pontefice il racconto della propria vita, chi chiede un consiglio al Papa, chi desidera raccontargli i propri drammi personali, chi invece vede nella saggezza del Vescovo di Roma un’ancora di salvataggio che gli permette di non perdersi del tutto, chi invia una poesia o un sciarpa o un qualsiasi oggetto con affetto, come lo si consegnerebbe al vicino di casa.

Ormai moltissime persone scrivono ogni giorno a Papa Francesco a quell’indirizzo così semplice da ricordare, così familiare che sembra essere quello di un amico che è lì da sempre che aspetta, pronto a dare conforto.

Non tutti sanno però che l’Ufficio Corrispondenza di Papa Francesco, che riceve tutta questa moltitudine di lettere è composto da appena quattro persone: a capo vi è mons. Giuliano Gallorini aiutato da due signore laiche e suor Anna che devono gestire e rispondere a corrispondenza che giunge in tutte le lingue del mondo.

Si tratta di un lavoro molto complesso per un così piccolo gruppo ma che viene svolto in maniera minuziosa ogni giorno: sarebbe infatti impossibile per Papa Francesco leggere e rispondere personalmente a migliaia e migliaia di lettere.

La prima attività, spiega proprio mons. Gallorini è smistare le lettere in base alla lingua, poi le buste vengono aperte e ne viene letto il contenuto. Viene risposta ad ogni lettera ricevuta mentre i casi più complessi, i casi di coscienza vengono direttamente affidati ai segretari del Pontefice affinché sia Papa Francesco stesso a rispondere, o meglio a dare delle indicazioni su come rispondere.

Non tutte le lettere inviate al Pontefice, dunque, vengono lette personalmente da Papa Francesco ma il suo Ufficio Corrispondenza si fa carico di condividere la sofferenza di ogni persona che scrive a Bergoglio e di rispondere con lo stile e con le parole del Pontefice, sottoponendo a questi i casi più gravi.

Come scrivere a Papa Francesco

Per tutti coloro che volessero scrivere al Pontefice, l’indirizzo postale di Papa Francesco:

Sua Santità Francesco, Casa Santa Marta, 00120 Città del Vaticano

Papa Francesco non possiede un indirizzo email pubblico, pertanto se si desidera scrivergli é necessario farlo via posta tradizionale all’indirizzo sopra riportato.

Come partecipare a una udienza pubblica di Papa Francesco

Per incontrare il Papa partecipando a una udienza pubblica del Pontefice sono necessari dei biglietti che sono gratuiti e che vengono rilasciati dalla Prefettura della Casa Pontificia.

Per richiedere i biglietti possiamo

  • 1) inviare un fax al numero +39 06 698 858 63, indicando l’udienza alla quale si intende partecipare e il numero dei partecipanti utilizzando questo sito;
  • 2) richiedere i biglietti via posta ordinaria – utilizzando sempre lo stesso modulo sopra riportato e indicando i dati sopra evidenziati – scrivendo alla Prefettura della Casa Pontificia, 00120 Città del Vaticano.

Per ulteriori informazioni, potete contattare la Prefettura della Casa Pontificia telefonando ai numeri +39  06 698 848 76, +39 06 698 831 14, +39 06 698 832 73 dalle ore 9 alle ore 13.

I biglietti, infine, saranno consegnati ai richiedenti nell’apposito Ufficio che troveremo dentro al Portone di Bronzo ubicato nel colonnato di destra in Piazza San Pietro.

Come ricevere la benedizione di Papa Francesco

Per ricevere la benedizione speciale di Papa Francesco si deve utilizzare questo sito seguendo tutte le procedure indicate impostando il tipo di pergamena, i vostri dati personali, i dati da inserire nella pergamena e infine facendo una piccola donazione.

La benedizione può essere richiesta per i seguenti sacramenti ed occasioni speciali: Battesimo, Prima Comunione, Cresima; Matrimonio; Consacrazione Secolare; Professione Religiosa; Ordinazione Diacono permanente; Ordinazione Presbiterale; Benedizione di Matrimonio o di Professione Religiosa; Benedizione di Compleanno; Benedizione di Persona singola cattolica o famiglia. Alcune benedizioni necessitano del nulla osta del parroco, pertanto é consigliabile richiedere informazioni in merito al vostro parroco prima di inviare la richiesta al Papa. Va detto infine che la benedizione é gratuita ma vi é un costo da sostenere per la pergamena. La benedizione é disponibile in 6 lingue differenti.

7.673 Commenti

giampietro il 28 Marzo 2020 alle 4:38 am.

vorrei sapere quando come e scritto nel vangelo di giovanni 14 versetto 12 crederete in gesù?
siete voi ch dovete guarire i malati come fece gesù e pietro siete dei falsi profeti
[12] In verità, in verità vi dico: anche chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perché io vado al Padre.

Rispondi

Cesare Capri il 27 Marzo 2020 alle 10:41 pm.

Santo Padre,
Mi chiamo Cesare, figlio di Leonardo, nipote di Padre Pio Capri,
Oggi mi trovo nella stessa tempera…
ho tanta gente che dipende da me e non so cosa dire a loro… ho perso la fede tanto tempo fa ma rimango attento ai grandi insegnamenti che mio Zio mi ha dato…. vivo in Inghilterra da 4 anni e sono stato un infermiere ed oggi sono un manager che gestisce infermieri… sono proto all’emergenza che sta per arrivare e farò il massimo per aiutare i miei cari pazienti… ma ho paura… paura di non dire la cosa giusta a tutti quei papà e mamme che con me andranno in contro a questo calvario… ho solo bisogno di una parola…
Grazie Santo Padre…
Ps… tutte le sere chiamo mio padre… una persona davvero umile ma più grande di tutti i colti chiedendo consiglio…
non merito nulla ma in speranza chiedo…
grazie.

Grazie per tutto ciò che sei.

Cesare

Rispondi

Annarita il 27 Marzo 2020 alle 2:33 pm.

Sua santità Reverendissima, sono Sorrento Marina da Altamura provincia di Bari,La saluto caramente.

Santità la disturbo a causa di un mio sogno che mi ha molto turbata perché mi si chiede di farle conoscere una preghiera, cioè di consacrare al cuore addolorato di Maria l’Italia è tutto il mondo .

Per alcuni giorni sono stata combattuta da questo sogno, ma sentendo che questo virus miete vite umane senza pietà nel mondo, presa da scrupoli le scrivo questa email, nella speranza che possa servire.

Più che mai adesso prego che la Misericordia di Dio attraverso il cuore addolorato di Maria cada su noi tutti che in unità ribattezzati a nuova vita sappiamo chiedere perdono e cercare solo l’amore di Dio, unica cosa necessaria .

Prego anche per lei e con affetto La saluto Marina Sorrento.

Rispondi

vittorio conti il 27 Marzo 2020 alle 12:08 pm.

I 7 miliardi di uomini, donne e bambini che popolano la terra hanno bisogno di pensare e credere che siamo essere umani: ” a gloria di colui che tutto muove per l’universo penetra e risplende in una parte più e meno altrove”. La preghiera deve essere in mondo visione ed ogni primo religioso e non ne legga un periodo. Oppure tutti i presenti, mano nella mano e un interprete di ciascuno, ne legga un periodo e poi un mondiale silenzio. Il momento lo richiede e questo passo troverà l’umanità più solidale e fraterna contro il grande male del mondo l’egoismo e la mancanza di amore.

Rispondi

vittorio conti il 27 Marzo 2020 alle 12:06 pm.

E’ giunta l’ora di far capire al mondo che il male che lo investe non fa distinzioni di razza, sesso o religione. Tutti sono nati eguali, Fedeli, Infedeli, Atei o Agnostici. E’ necessario che Papa Francesco scriva ai responsabili delle religioni di tutto il mondo di unirsi in una grande condivisa comune preghiera per superare l’attuale momento.
segue

Rispondi

SABINA il 27 Marzo 2020 alle 9:17 am.

Vostra Santità Papa Francesco, buongiorno, le scrivo in estrema umiltà. Sentirla rincuorare tutto il Mondo in questo momento così difficile è per tutti noi di Grande Aiuto. Lei è il nostro Papa e in Lei tutti noi confidiamo e crediamo. Ma ho una domanda delicata da porle, e la risposta è importante per chi crede davvero nel ruolo della Chiesa nel mondo. Gli aiuti ‘materiali’ in questo momento Mondiale così critico sono tantissimi ( tanti i Donatori a tutti i livelli) che stanno cercando di aiutare il Mondo Intero per cercare di superare questo momento delicato. Mi chiedo: la Chiesa sta facendo qualcosa da questo punto di vista? L aiuto per la ricerca sul virus per esempio, o l acquisto dei respiratori e macchinari che servirà sicuramente a tutti i Paesi. Tanti se lo chiedono Papa Francesco .. Molti dei miei amici e conoscenti mi fanno la stessa domanda e vorrei tanto rispondergli che la Chiesa è presente anche in questo! chiedo aiuto a Lei, il mio Papa, nel spingere il Vaticano a fare qualcosa. Questo gesto aiuterebbe tutti i Fedeli (anche quelli che si sono ‘allontanati’) a vedere la Chiesa ancora piu’ vicina alle Popolazioni, anche materialmente. La preghiera è fondamentale (prego anch’io ogni sera) ma oggi la gente muore ed ha bisogno anche di altro. Io credo in Lei Papa Francesco, e spero tanto nel suo riscontro e mi scusi se le ho tolto del tempo .. il SUO tempo così prezioso per tutti noi. Sabina

Rispondi

veronika il 26 Marzo 2020 alle 7:40 pm.

Santo Padre consacri l’Italia al sacro cuore di Maria ! supplichevole chiedo questo atto con tutto il mio cuore a nome di tantissimi credenti.

Rispondi

Mattio Davide il 26 Marzo 2020 alle 6:23 pm.

Caro Papa Francesco non so Lei ha letto la mia e-mail ma sono felice di sapere che il mio desiderio l’ho sta esaudendo domani alle ore 18.00.
La mia richiesta era quella che Lei effettuasse un discorso in mondovisione di modo che tutti si possano inginocchiare e chiedere perdono dei propri peccati davanti a Dio. Grazie Grazie Grazie siamo ormai giunti al punto di non ritorno per una nuova rinascita nella TERRA DI DIO. Sia lodato Gesù Cristo.
Davide da Cuneo il mio cell 335 56 54 885 e-mail matieu2912@gmail.com

Rispondi

luciano morisco il 25 Marzo 2020 alle 10:24 pm.

Vorrei chiedere al Santo Padre se per Lui è possibile portare in processione il Crocifisso della Chiesa di S. Marcellina con la Papamobile in processione per un breve tragitto simbolico per liberare l’Italia dal l’orrendo virus.
grazie per l’ATTENZIONE, in attesa di un Vostro riscontro

Luciano Morisco
luciano.morisco@alice.it
cell 3477041708

Rispondi

Giuseppe il 25 Marzo 2020 alle 1:46 pm.

Sono persuaso che mai come in questo tempo la preghiera sia l’unica speranza per ci cerca la speranza e per chi non la cerca, se preghiamo anche per loro. Occorre però che ci si metta d’accordo su cosa vuol dire pregare senza scivolare nella balbettazione. Se pregare vuol dire chiedere/implorare, cosa dobbiamo chiedere e implorare? La prima cosa da chiedere è il perdono, per aver il perdono, se non siamo santi, occorre riconoscere con pentimento i nostri peccati. E’ scritto che non cade un capello dalla nostra testa senza la di Lui volontà, per cui quello che sta succedendo è quantomeno permesso se non voluto da Lui. Concludo dicendo che, se con la nostra preghiera chiediamo di fermare il virus che ci ha mandato, senza riconoscere le nostre colpe equivale a chiederGli di lasciarci fare quello che abbiamo sempre fatto sbagliando. Se poi la nostra preghiera fosse una pura balbettazione di preghiere già scritte, finiremo per non essere mai ascoltati.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.