I cattivi non hanno un nome agli occhi di Dio

I cattivi non hanno un nome agli occhi di Dio

Perché chi sceglie la via del male ottiene più successo nella vita rispetto a chi sceglie il bene? Papa Francesco risponde a questa domanda durante la propria omelia di oggi: prendendo spunto dalla Prima Lettura del giorno (Ml 3, 13-20a), il Santo Padre ha sottolineato come questa “vittoria” dei malvagi sia solamente apparente e fugace.

Quante volte noi vediamo questa realtà in gente cattiva, in gente che fa del male e che sembra che nella vita le vada bene“, ha commentato il Vescovo di Roma, riferendosi a quelle persone che accumulano ricchezze e potere a discapito dei propri fratelli. È naturale domandarsi “Perché Signore?“, ha aggiunto, vedento queste persone malvagie che “sono felici, hanno tutto quello che vogliono, non manca loro niente“.

Perché a questo che è uno sfacciato al quale non importa niente né di Dio né degli altri, che è una persona ingiusta pure cattiva – ha rincarato il Santo Padre – gli va bene tutto nella sua vita, ha tutto quello che vuole e noi che vogliamo fare del bene abbiamo tanti problemi?”.

Ebbene, ha risposto il Pontefice parafrasando la Prima Lettura, “adesso non vediamo i frutti di questa gente che soffre, di questa gente che porta la croce, come quel Venerdì Santo e quel Sabato Santo non si vedevano i frutti del Figlio di Dio Crocifisso, delle sue sofferenze“.

Gesù ha sofferto nel corso della propria vita, e non poco e questo è il destino che spetta al cristiano: un destino che comprende la sofferenza; una sofferenza, però, che non sarà inutile perché il nostro nome entrerà nel “Libro della Memoria di Dio“.

Guardiamo ai Vangeli, guardiamo alle Sacre Scritture: i malvagi vengono descritti sempre e solo con aggettivi, “non c’è nome: è un malvagio, è un truffatore, è uno sfruttatore…“, ha concluso Papa Francesco “Invece, tutti quelli che cercano di andare sulla strada del Signore, saranno con suo Figlio, che ha il nome, Gesù Salvatore“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

5 Commenti

tiberio il 9 Ottobre 2015 alle 8:13 pm.

non si senta solo Santo Padre , si rafforzi nello Spirito Santo coinvolgendo le parole di Gesù con quelle del Padre . siamo vicini ai suoi sforzi che giornalmente fà per questo. buona notte Sereno Padre

Rispondi

eliana il 9 Ottobre 2015 alle 3:06 pm.

Gentile Sommo Padre ,sono la signora Morrone ho letto queste righe e trovo difficile attribuire il tutto se non che ad un adolescente. Gesu’ é il chiaro esempio della manipolazione della mente della gente da parte di potenti temevano il potere e il rispetto che questo semplice uomo aveva ottenuto, la storia del male a volte si repete . Inoltre é il chiaro esempio del fallimento e della corruzione della giustizia.
Distinti Saluti
Eliana

Rispondi

Nino il 9 Ottobre 2015 alle 11:44 am.

Grazie Papa Francesco per la tua consolazione! Che io possa sempre avere fiducia…

Rispondi

Ivana Barbonetti il 9 Ottobre 2015 alle 7:56 am.

I truffatori ì, i malvagi, vanno bene avanti perche’ gli rendiamo il percorso facile, tutti quelli che non contrastano, non usano tutti i mezzi legali per contrastarli li stanno aiutando. DIO non scende personalmente a far rispettare le regole, la legge, l’etica che serve affinche’ una comunita’ di persone possa vivere bene, nelle differenze e necessita’ di vita personale. Nell’anarchia c’e’ il caos, disagio che sfocia con gesti di prepotenza e maleducazione disperata per “difendersi”. DIO chiede a noi, noi siamo sue mani, suoi piedi, nella Bibbia e’ scritto; cerca accordo con il tuo nemico, se necessita cerca terze persone che aiutino , se fatto questo non ci si capisce ancora, andare dal giudice.—-Noi umani non vogliamo perdere questo tempo, preferiamo il lamento incostruttivo al bar con gli amici, la sala del medico per ammazzare l’attesa, e intanto le cose non cambiano, come una ferita infetta diventa purulenta e incancrenisce.—-Ivana Barbonetti.

Rispondi

LENNY WOYNOSKI il 8 Ottobre 2015 alle 11:00 pm.

the evil ones need to BE HELP ACCOUntable on this earth too. with on this earth too.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.