Essere madri è una scelta di vita: il martirio materno

Essere madri è una scelta di vita: il martirio materno

Mercoledì 7 gennaio 2015, giorno successivo all’Epifania 2015, è stata celebrata la prima Udienza Generale del 2015 di Papa Francesco: il Pontefice, nel corso della propria catechesi avente a tema la Famiglia, ha parlato della figura della madre.

Dobbiamo tutti la vita e tante altre cose alle nostre madri – ha detto il Santo Padre – però spesso queste non sono ascoltate o aiutate nella vita quotidiana, anzi, al contrario, sono spesso sfruttate a causa della loro disponibilità.

Neppure la comunità cristiana le valorizza in modo adeguato, nonostante l’esimio esempio della Madre di Gesù. A volte sembra addirittura che la maternità non completi la vocazione della donna, eppure essere madre è una ricchezza per la vita familiare.

Le madri, invece, nell’amore incondizionato e sacrificale per i loro figli, sono l’antidoto all’individualismo, le più grandi nemiche della guerra. È ciò che l’arcivescovo Oscar Romero definì come il “martirio materno”: una dedizione totale, senza clamore, nel silenzio, con la preghiera, e compiendo il proprio dovere. Vivere donando la vita poco a poco come una madre fa per il figlio.

Nei momenti difficili, non è raro trovare nelle madri la tenerezza, la dedizione, la forza morale. Esse sono coloro che danno i primi rudimenti della fede, quelli che si radicano nel profondo; senza di loro non solo ci sarebbero meno fedeli, ma si perderebbe gran parte del calore intimo della propria fede.

Infine, Papa Francesco, dopo aver cordialmente salutato i pellegrini di lingua spagnola, in particolare i gruppi provenienti da Spagna, Messico, Argentina e altri paesi, ha affidato tutte le madri alla Beata Vergine Maria, ringraziandole per quello che sono e ciò che esse offrono per la famiglia e la Chiesa.

Queridos hermanos y hermanas:

En esta catequesis continuamos con el tema de la familia, meditando la figura de la madre. Todos debemos la vida y tantas otras cosas a nuestras madres, pero no siempre son escuchadas ni ayudadas en la vida cotidiana, al contrario, a menudo son explotadas a causa de su disponibilidad.

Ni siquiera la comunidad cristiana las valora convenientemente, a pesar del eximio ejemplo de la Madre de Jesús. Algunas veces, parece que no completa la vocación de la mujer esta maternidad y sin embargo ser madre es una gran riqueza en la vida familiar.

Las madres, sin embargo, en el amor incondicional y oblativo por sus hijos, son el antídoto al individualismo, las grandes enemigas de la guerra. Es lo que el Arzobispo Óscar Romero definió como “martirio materno”: una entrega total, sin aspavientos, en el silencio, la oración, el cumplimiento del deber. Ir dando la vida poco a poco como hace una madre por su hijo.

En los momentos difíciles no es raro encontrar en ellas la ternura, la dedicación, la fuerza moral. Ellas son quienes frecuentemente dan los primeros rudimentos de la fe, esos que calan más hondo; sin ellas no sólo se perderían fieles sino buena parte del calor más profundo de la propia fe.

Saludo cordialmente a los peregrinos de lengua española, en particular a los grupos provenientes de España, México, Argentina y otros países.

Encomendemos a la Santísima Virgen María, a todas las madres, agradeciéndoles lo que son y lo que ofrecen a la familia y la Iglesia. Dios los bendiga.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

8 Commenti

angelica il 7 Gennaio 2015 alle 9:54 pm.

Grazie Santo Padre per il suo pensiero per noi madri, è vero, spesso diamo tutto per scontato e rischiamo di cadere nella routine quotidiana, per cui di tutto si occuperà la mamma….Ma certe volte il fardello da portare è pesante e anche se non lo diamo a vedere, per non far preoccupare i nostri cari, sono tanti i momenti di fragilità e di caduta…La fede è lo strumento principe per rialzarsi e l’ amore quello per non sentire la fatica. Grazie per aver pensato anche a noi mamme

Rispondi

Marco Eddy Endolf il 8 Gennaio 2015 alle 8:34 pm.

vi sono molte madri ,che sono cattive,uccidono i loro figli,abortiscono,danno esempi cattivi e distruggono famiglie e fanno soffrire uomini e figli….e così la disperazione e i cattivi esempi e il caos aumenta,cioè il giogo di Satana.

Rispondi

luciana serrati il 7 Gennaio 2015 alle 9:44 pm.

Sono una mamma…ora di tutti quelli che non ce l’hanno, da quando tre anni fa, il mio unico figlio è andato in cielo, per una brutta malattia. Non smetto, comunque, di sentirmi mamma…ne sono fiera, perchè è la missione più bella per una donna, a prescindere dal fatto che il Signore ti conceda questo dono meraviglioso, oppure no, perchè su di te ha altri progetti…Da giovane volevo diventare suora, per offrire la mia povera vita al Signore…Sono tornata a casa, dal probandato, perchè un’auto mi ha investita e sembrava che non avrei camminato più. Con grande dolore ho dovuto desistere dal mio sogno…Poi mi sono sposata e ho avuto Luca…il mio grande amore! Ora lui è tra gli angeli e io, lo ripeto, mi sento ancora profondamente mamma…per tutti, con tutti e a tutti…Grazie, Santo Padre, per la tenerezza e il profondo rispetto, che trapelano dalle Sue parole, per noi mamme.

Rispondi

Dora Susana Montes de Oca il 7 Gennaio 2015 alle 9:17 pm.

Me Alegro Mucho.

Rispondi

Rosa Dalmiglio il 7 Gennaio 2015 alle 6:55 pm.

ancora una volta Papa Francesco sottolinea che il lavoro della donna,sopratutto se madre sia fondamentale se si vuole costruire una società solidale.
serve amore, mi piace ricordare una suora del Santuario del Divino Amore, che desiderava una Madonna Cinese da inserire nel loro Museo, voleva riunire tutte le Madonne madri del mondo
io prego per Papa Francesco, la Madonna Cinese che ho portato dalla Cina
grazie al Ministero della Cultura Cinese, in cambio ho offerto un video di Papa Francesco e Papa Benedetto XVI, anche la Chiesa è madre

Rispondi

Marco Eddy Endolf il 8 Gennaio 2015 alle 8:37 pm.

siate madri come lo è stato e lo è la Santissima Maria Vergine Immacolata concezione,che visse facendo il proprio dovere e in povertà senza mai lamentarsi né con gli uomini e né con Dio Javè,come spesso facciamo quasi tutti,compreso io.

Rispondi

dina il 7 Gennaio 2015 alle 6:35 pm.

Grazie, Santo Padre, belle e vere le Sue parole, sono la mamma di quattro figli e tutta la mia vita e dedicata a loro. Ora mia fglia in attesa del secondo figlio sta facendo lo stesso, visto che gia dal concrpomento ci da molte preoccupazioni, ora finalmente siamo giunti alla35 settomana , speriamo che tutto vada bene,,anzi caro Padre, dica una preghiera per mia figlia Elena e la sua bimba Angelica, che se va tutto bene nascera il 30 gennaio
Ti vogloo bene.

Rispondi

toñi lopez il 7 Gennaio 2015 alle 4:14 pm.

Hola amado Papa Francisco, gracias por recordarnos a nosotras, las madres de esta generación, yo tengo 7 hijos, y lo que más me importa en la vida es el alma y la espiritualidad de cada uno de ellos, mi gran ayuda y modelo, sostén las tribulaciones … es nuestra Madre la Virgen Maria, siempre ella , el rezo del rosario la visita al sagrario y la comunión frecuente. Rece por mi, me llamo ToÑi soy española.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.