Papa Francesco invita ad aiutare i giovani a trovare un futuro

orizzonti concreti di un futuro da costruire

Durante la propria riflessione in occasione del Te Deum di fine anno, Papa Francesco ha posto i giovani al centro dell’attenzione dei fedeli, indicando come abbiamo una vera e propria responsabilità verso questi, una responsabilità che è un vero e proprio debito che ognuno di noi ha con loro: il nostro debito consiste nel consegnare a questi una società giusta, una società equa.

È per questo che, in questo concludersi dell’anno, ci farà bene “pensare a come ci stiamo interessando al posto che i giovani hanno nella nostra società“: “abbiamo creato una cultura che, da una parte, idolatra la giovinezza cercando di renderla eterna – ha espresso Bergoglio – ma, paradossalmente, abbiamo condannato i nostri giovani a non avere uno spazio di reale inserimento, perché lentamente li abbiamo emarginati dalla vita pubblica obbligandoli a emigrare o a mendicare occupazioni che non esistono o che non permettono loro di proiettarsi in un domani“.

Abbiamo privilegiato la speculazione invece di lavori dignitosi e genuini che permettano loro di essere protagonisti attivi nella vita della nostra società – ha poi proseguito il Papa – Ci aspettiamo da loro ed esigiamo che siano fermento di futuro, ma li discriminiamo e li “condanniamo” a bussare a porte che per lo più rimangono chiuse“.

Questo non è effetto solo e soltanto di scelte politiche: ogni fedele contribuisce alla creazione della società e, pertanto, ogni fedele può contribuire a cambiare questo stato di cose, iniziando a operare per una società più giusta.

Siamo invitati a non essere come il locandiere di Betlemme che davanti alla giovane coppia diceva: qui non c’è posto“, ha infatti spiegato il Vescovo di Roma, “Non c’era posto per la vita, non c’era posto per il futuro. Ci è chiesto di prendere ciascuno il proprio impegno, per poco che possa sembrare, di aiutare i nostri giovani a ritrovare, qui nella loro terra, nella loro patria, orizzonti concreti di un futuro da costruire“.

Non priviamoci della forza delle loro mani, delle loro menti, delle loro capacità di profetizzare i sogni dei loro anziani – ha dunque concluso Papa Francesco – Se vogliamo puntare a un futuro che sia degno di loro, potremo raggiungerlo solo scommettendo su una vera inclusione: quella che dà il lavoro dignitoso, libero, creativo, partecipativo e solidale“.

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

1 Commento

Luca il 1 gennaio 2017 alle 11:11 pm.

Sono uno di quei giovani che si sono sentiti costretti ad emigrare per potersi mantenere. Quanto vorrei tornare nella mia dolce Patria e creare li il mio futuro ma sembra un sogno destinato a non realizzarsi. Grazie Papa Francesco per aver portato all’ attenzione questo tema.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.