Riflessioni di Papa Francesco

Papa Francesco invita ad aiutare i giovani a trovare un futuro

orizzonti concreti di un futuro da costruire

orizzonti concreti di un futuro da costruire

Durante la propria riflessione in occasione del Te Deum di fine anno, Papa Francesco ha posto i giovani al centro dell’attenzione dei fedeli, indicando come abbiamo una vera e propria responsabilità verso questi, una responsabilità che è un vero e proprio debito che ognuno di noi ha con loro: il nostro debito consiste nel consegnare a questi una società giusta, una società equa.

È per questo che, in questo concludersi dell’anno, ci farà bene “pensare a come ci stiamo interessando al posto che i giovani hanno nella nostra società“: “abbiamo creato una cultura che, da una parte, idolatra la giovinezza cercando di renderla eterna – ha espresso Bergoglio – ma, paradossalmente, abbiamo condannato i nostri giovani a non avere uno spazio di reale inserimento, perché lentamente li abbiamo emarginati dalla vita pubblica obbligandoli a emigrare o a mendicare occupazioni che non esistono o che non permettono loro di proiettarsi in un domani“.

Abbiamo privilegiato la speculazione invece di lavori dignitosi e genuini che permettano loro di essere protagonisti attivi nella vita della nostra società – ha poi proseguito il Papa – Ci aspettiamo da loro ed esigiamo che siano fermento di futuro, ma li discriminiamo e li “condanniamo” a bussare a porte che per lo più rimangono chiuse“.

Questo non è effetto solo e soltanto di scelte politiche: ogni fedele contribuisce alla creazione della società e, pertanto, ogni fedele può contribuire a cambiare questo stato di cose, iniziando a operare per una società più giusta.

Siamo invitati a non essere come il locandiere di Betlemme che davanti alla giovane coppia diceva: qui non c’è posto“, ha infatti spiegato il Vescovo di Roma, “Non c’era posto per la vita, non c’era posto per il futuro. Ci è chiesto di prendere ciascuno il proprio impegno, per poco che possa sembrare, di aiutare i nostri giovani a ritrovare, qui nella loro terra, nella loro patria, orizzonti concreti di un futuro da costruire“.

Non priviamoci della forza delle loro mani, delle loro menti, delle loro capacità di profetizzare i sogni dei loro anziani – ha dunque concluso Papa Francesco – Se vogliamo puntare a un futuro che sia degno di loro, potremo raggiungerlo solo scommettendo su una vera inclusione: quella che dà il lavoro dignitoso, libero, creativo, partecipativo e solidale“.

Taggato , ,

Informazioni su Redazione

1 pensato per “Papa Francesco invita ad aiutare i giovani a trovare un futuro

  1. Sono uno di quei giovani che si sono sentiti costretti ad emigrare per potersi mantenere. Quanto vorrei tornare nella mia dolce Patria e creare li il mio futuro ma sembra un sogno destinato a non realizzarsi. Grazie Papa Francesco per aver portato all’ attenzione questo tema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.