Accogliamo la Parola con docilità per non trovarci a perdere la fede

Accogliamo la Parola con docilità per non trovarci a perdere la fede

Puoi recitare il Credo e avere perso la fede“! Con queste parole Papa Francesco, nel corso della cosueta riflessione mattutina in Santa Marta ha descritto uno dei due cammini che l’uomo può trovarsi a percorrere nel corso della propria vita: un cammino che porta verso Dio e uno che allontana da Dio.

Lo spunto per questa riflessione viene dalla lettura del Vangelo di Marco (Mc 7, 24-30) nel quale vediamo avvicinarsi a Gesù una donna “di lingua greca e di origine siro-fenicia” per chiedere la grazia di scacciare il demonio che possedeva la figlia.

L’origine della donna, all’interno del racconto, non è irrilevante: esso descrive la lontananza della donna, per cultura e religione, da Gesù. Tanto che la prima risposta del Signore, alla richiesta di grazia, non è una risposta farevole né tantomeno confortante: “Lascia prima che si sazino i figli, perché non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini“.

Eppure nonostante il cammino di fede della donna parta da lontanissimo arriva diretto al cuore di Dio grazie alla insistenza e al coraggio dimostrato dalla donna stessa, che vengono alla luce quando ella risponde “Ma anche i cagnolini mangiano quello che cade dalla mensa; dà a me, queste briciole a me!’“. Ella, precisa il Pontefice, si espone “al rischio di fare una brutta figura” e insiste così tanto che “dal paganesimo e dall’idolatria ha trovato la salute per sua figlia e per lei ha trovato il Dio vivente“.

Il cammino di fede di questa donna diventa quindi, continua Bergoglio, un esempio per ogni cristiano: “questo è il cammino di una persona di buona volontà, che cerca Dio e lo trova. Il Signore la benedice“.

È invece dalla prima lettura (1 Re 11, 4-13) che Papa Francesco prende spunto per parlare del cammino opposto, quello dell’uomo di fede che si allontana da Dio. “Quando Salomone fu vecchio, le sue donne gli fecero deviare il cuore” narra infatti la lettura “per seguire altri dèi e il suo cuore non restò integro con il Signore, suo Dio, come il cuore di Davide, suo padre

L’uomo più saggio del mondo si è lasciato portare avanti per un amore indiscreto, senza discrezione” commenta quindi il Pontefice “‘Ma padre, Salomone non ha perso la fede, lui credeva in Dio ed era capace di recitare la Bibbia!’. Sì, è vero, ma avere fede non significa essere capaci di recitare il Credo. Ma tu puoi recitare il Credo e avere perso la fede“.

Bergoglio conclude quindi la sua omelia con un consiglio “Accogliete con docilità la Parola“: è questa la via che permette alla “Parola che è stata piantata in voi può portarvi alla salvezza“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

15 Commenti

franceco il 8 marzo 2014 alle 7:12 am.

Papà Francesco avviami una risposta

Rispondi

franceco il 8 marzo 2014 alle 7:08 am.

Buongiorno papà Francesco ti kiedo un favore ho bisogno delle preghiere x mia mamma ke sta male tutte le malattie c.e la ecc e in valida fa dialsi non cammina ecc…
Siamo soli amici non abbiamo simo pure fuori paese x ke simo alluvionati da 2009 da messina provincia .. la sistenza sociale non ciauta io son solo e non c’è la faccio più mio padre a 81anni e non raggiona di mente cade a terra ma non e in valido. Io voglio un’auto affettivo mia mamma e sempre sola 1/ ci sono tanti cose … mia mamma vorrebbe andare dalla Madonna di lord in Francia a ki mi devo rivolgere? Se non ciauta nessuno. Poi dove abito ora ci sono le scale sensa ascensore e non puo iscire di casa pure devo cercare pure persone.

Rispondi

Vincenza Buscio il 16 febbraio 2014 alle 10:13 pm.

Aiutaci o Madre ad interiorizzare la Parola per vivere nella pienezza della volontà del Padre. Amen.

Rispondi

Barone Carolina il 16 febbraio 2014 alle 6:47 pm.

Ho tanto apprezzato il messaggio del nostro caro Papa. vivere una vita cristiana senza tristezza, senza lamentele, senza fiducia verso Dio; ciò mi ha scrollato da brutti pensieri. Spero nel Signore , il Signore mi aiuti ad accettare e superare con gioia tutto ciò che la vita ci riserva. Prego il Signore che aiuti mia madre a stare bene, domani deve fare una TAC diagnostica.Amen.

Rispondi

eleonora il 16 febbraio 2014 alle 10:18 am.

Caro Papa Francesco,
Ogni giorno esco da casa e cerco di far tesoro dei tuoi insegnamenti, delle tue parole. Cerco di andare per la mia strada non facendomi vincere da desiderio di rivalsa, ma seguendo i tuoi consigli. Mi sforzo di vedere negli altri qualcuno dal quale ho qualcosa da imparare. Quanto è difficile!!! La mancanza di onestà e le ingiustizie ( quelle che mi paiono tali) mi fanno male. Ma ci provo e sempre meglio. Quanto cammino devo ancora compiere, a volte mi abbatto, però penso che la gioia della vera fede e dell’amicizia con Dio sarà anche per me. Papa prego per te, tu prega per noi. Grazie buon Dio per il dono di un Papa che sa entrare nei nostri cuori.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.