Angelus Domini 19 ottobre 2014

Compassione e condivisione per trovarsi bene con Gesù

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

4 Commenti

Giacommo il 20 Ottobre 2014 alle 12:17 pm.

Mia sorella Ana Vidmar ,Io Umile Giacommo Ti Ringrazio ,per che hai Letto quelli gli miei Messagi,e anche hai Analizatto qualche Mio Messagio per Te e anche per altri che Io Transmetto verso questo Site,ho sulle Pagine di Faceboc di altre Persone,ho anche sulla mia pagina,ho altri Site degli altre Persone ,,
Ma gli miei Messagi Anna mia Sorella ,non voglio Criticare,Giudicare,ho di pensare solo ha me ,come altri lo fa ,,
Voglio prima di Tutto quando uno lo legi quello che Io scrivo ,di cercare un po la volta cambiare anche la Sua Vita,di Imparare che si Puo AMARE e Rispetare prima di Tutto ,,Il Nostro Padre Buono DIO,e puoi cominciare se stesso ha cambiarsi ,non come lo fai Tu mia Sorella Anna ,Giudichi ,Critichi ….quello che altri lo fa ,Ho per che non fa quello che vuoi Tu Anna???
Non deve pensare cosi ,ragionare cosi ,cosa fa gli altri,ho per che Non fa come ti sembra ha Te ,per che cosi si fa( per che ,cosi Tu credi solo che va benne) .

Prima di caminare su una Via,ho Rinunci ha tante cose male per te ,ho benne per te Anna ,ma male per gli altri quello che fai, chiedi ha qualcuno di Aiutarti cosa e BENNE ,e cosa Non va Benne???per viverre da Ogi in puoi ( doppo che Legi questo Messagio) ,chiedi prima cosa vuoi saperre di piu,cosa fa gli altri e una cosa Buona in Verita,ho lo fa per che cosi hanno Imparato ,dagli Lorro parenti di Sangue.
Un essempio,ho una Ideea per Te Anna :

Un Sacerdote,non lo puoi Giudicare ,ho Criticare per quello che Fa ,,chiede ha uno di lorro Anna ,per che fa…. ( Acceta quello che fa, E ascolta, …..,ma non Giudicarlo,ho Criticare che fa) questa cosa lo fa le persone Egoiste!!! Aiutagli quando uno non lo sa una cosa, se Tu lo sai la Problema che ha una Persona ,ho un Sacerdote Aiutalo,senza aspetare qualcosa ,ho di Criticare,ho di Giudicare prima,, non si fa cosi mia Sorella Ana.
Prega sempre Nostro Padre Buono Dio, di essere Tu la SOLUZIONE ,,degli Tuoi Problemi materiale,sociale,Religiose…etc, e anche di altre persone che ha problemi ,ho sonno in dificulta ,Aiutagli ,senza Giudicare ho Criticare,ho volerre qualcosa Indietro per BENNE che fai!!!
Anna mia Sorella ,Io Umile Giacommo chiedo Perdono ha Te ,se non hai capitto in VERITA il Mio Messagio di Educazione ,e pieno con Amore dall Mio Padre BUONO DIO per Te mia Sorella Anna Vidmar.
Ti salutto Anna mia sorella,,

Rispondi

Petra Rodriguez Toledo il 20 Ottobre 2014 alle 10:05 am.

PLEASE HELP
This group are Cubans who fled to the Bahamas City Nassau , One of them is the brother of my husband and my brother-in-law Jorge Rodriguez Toledo All prisoners are there lower very poor living conditions,, no water or food and almost no bad .One of them is the brother of my husband and my brother in law Jorge Rodriguez Toledo We, are very concerned and surely they will be deported to Cuba and there awaits the prison for a very very very long time or it happens something much worse .,He needs political asyl so as to inhibit the worst
BITTE HELFT SIE UNS !Eine Gruppe Kubaner ,sind nach den Bahamas Stadt Nassau geflüchtet . Einer von ihnen ist der Bruder von meinem Mann und mein Schwager Jorge Rodriguez Toledo Alle Gefangenen sind dort untere sehr schlechten Lebensbedingungen,,kaum Wasser oder fast keine Möglichkeit sich zu waschen und dazu auch kaum Essen .Einer von ihnen ist der Bruder von meinem Mann und mein Schwager Jorge Rodriguez Toledo .Wir sind sehr besorgt und sicher werden sie nach Kuba abgeschoben und dort wartet das Gefängnis für sehr sehr sehr lange Zeit ,
oder es passiert noch etwas viel schlimmeres .Er braucht politisches Asyl und hoffen dadurch das schlimmste zu verhindern.

Rispondi

anna vidmar il 19 Ottobre 2014 alle 5:14 pm.

Caro Papa Francesco
forse il problema della comunione sì o no al popolo di Dio è un falso problema: scusa ma Gesù ha detto, spezzando il pane nell’ultima cena “fate questo in memoria di me” non “fate questo per poter comandare meglio”. Ben hai detto “Chi sono io per giudicare” ma è proprio questo che fanno da secoli quelli che dovrebbero essere i nostri pastori. I sacerdoti non dovrebbero essere dei “maghi” che trasformano del comune pane e vino nel corpo di Cristo per poi farne una specie di idolo che giustifichi i loro pregiudizi ed idiosincrasie. Il pane e vino SONO GIA’ il corpo di Cristo e i sacerdoti dovrebbero solo RICORDARCELO: esistono per grazia di Dio e per il lavoro dell’uomo che è figlio di Dio e ognuno di noi dovrebbe rendere grazie durante la Santa Messa per questi doni che ogni giorno riceve e lo tengono in vita. La comunione, come dice la parola stessa, dovrebbe darci il senso di essere uniti tra noi e con Dio e la nostra fede farci gioire per questo incommensurabile dono tanto da guarire la nostra anima ed aprirci all’amore che ci viene offerto. Negare la comunione a persone già di per sé in difficoltà mi sembra, scusa il paragone, voler chiudere la stalla dopo che le vacche sono scappate…
Ti prego, papa Francesco, insegna ai tuoi sacerdoti a non “far scappare le vacche” (o le pecorelle, se preferisci) e a smettere di pensare che, per il fatto che sono sacerdoti, hanno il potere(ahi che brutta tentazione!) di escludere qualcuno dall’amore di Dio e sono esentati dall’essere misericordiosi nei confronti dei loro fratelli. Grazie per l’attenzione e un abbraccio da una peccatrice che non vuole proprio uscire dalla stalla!

Rispondi

Gemisto Rete il 19 Ottobre 2014 alle 8:59 pm.

Cara Anna Vidmar, Lei é a un passo dal “traguardo”, ma non lo sa. Ha ragione a dire che i sacerdoti abusano del proprio potere, se il gesto della condivisione eucaristica avesse un senso comunitario, così come sarebbe stato deciso da Gesù secondo la stessa esegesi cattolica. Se la ‘comunione’ viene utilizzata come medicina o terapia, e allo stesso tempo come arma di ricatto dal Clero una ragione ci sarà! E qual è? La risposta è insita nella storia stessa della Chiesa, che nessuno si vuol prendere la briga di scoprire e studiare. Una volta feci una domanda a un sacerdote (oggi vescovo), gli chiesi: ma la Chiesa, perché fa quello che fa? Cioè, perché esiste, perché “evangelizza”, ecc.? Non mi diede una risposta, rimase ammutolito, perché sapeva da altre cose che io ragionavo autonomamente, non poteva mentire. La Chiesa ha un potere enorme, e se ha necessità di mantenerlo lo fa proprio attraverso degli strumenti che le consentono di rimanere in forza e di espandersi. Condiziona la crescita degli individui, agendo e interferendo nell’educazione (scuole e catechesi); si è arrogata il diritto di essere un ente moralizzatore; crea il senso del peccato, il senso di colpa e quindi la dipendenza da Essa per concedere il perdono e l’assoluzione. Le categorie che vengono ricattate maggiormente sono quelle minoranze, rese precarie dal senso etico comune (generato da chi?), che scelgono liberamente e responsabilmente della propria vita, nonostante siano ancora attaccate al concetto di dipendenza dalla religione cristiana (perché battezzati alla nascita), dalla quale credono o sperano di ottenere una eventuale “salvezza”. Questo li rende ricattabili, perché la loro libertà di scegliere li mette allo stesso livello del Clero, ed esso, per dimostrare di essere a un livello superiore non dà l’eucarestia. E’ inutile farsi prendere in giro, allora, quando si sente dire da loro che abbiamo il libero arbitrio, perché non vi è una vera libertà se essa è condizionata. Se Lei si ritiene una “peccatrice che non vuole proprio uscire dalla stalla” non può pretendere di avere un libero arbitrio, né lo può rivendicare per gli altri. Ma una scelta c’é sempre: o si fa di tutto per Vivere, o si fa di tutto per soccombere.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.