Dà scandalo quando la Casa di Dio diventa una casa di affari

Dà scandalo quando la Casa di Dio diventa una casa di affari

L’omelia di Papa Francesco nel corso della messa odierna in Casa Santa Marta è stata una dura invettiva contro alcune deviazioni presenti in alcune chiese locali, come quella di fare pagare i sacramenti, che altro non sono che un “peccato di scandalo“, lo stesso peccato che scatenò l’ira di Dio quando Gesù nel tempo si scagliò contro coloro che mercificavano la casa del Padre.

A dare lo spunto per la riflessione odierna, infatti, è stata la Lettura del Vangelo (Lc 19, 45-48) nella quale Gesù caccia i mercanti dal Tempio, che mercificavano la fede del popolo: “il popolo si scandalizza” ha detto il Pontefice, quando vede “quelli che sono nel Tempio – siano sacerdoti, laici, segretari, ma che hanno da gestire nel Tempio la pastorale del Tempio – che divengono affaristi“.

Certamente a sbagliare sono quei ministri che mercificano ma “anche i laici” sono responsabili – ha aggiunto Bergoglio – “perché se io vedo che nella mia parrocchia si fa questo, devo avere il coraggio di dirlo in faccia al parroco“. Il “peccato di scandalo” è un peccato contro tutta la comunità, la quale “soffre quello scandalo” e non lo perdona: “è curioso” ha commentato il Santo Padre “il popolo di Dio sa perdonare i suoi preti, quando hanno una debolezza, scivolano su un peccato … sa perdonare. Ma ci sono due cose che il popolo di Dio non può perdonare: un prete attaccato ai soldi e un prete che maltratta la gente“.

Ma perché Gesù ce l’ha con i soldi, ce l’ha con il denaro?” ha quindi chiesto il Vescovo di Roma ai presenti “Perché la redenzione è gratuita; la gratuità di Dio Lui viene a portarci, la gratuità totale dell’amore di Dio“.

Quando la Chiesa o le chiese diventano affariste – ha quindi concluso il Papa – si dice che … eh, non è tanto gratuita, la salvezza … È per questo che Gesù prende la frusta in mano per fare questo rito di purificazione nel Tempio“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

65 Commenti

marco eddy il 26 Aprile 2015 alle 10:37 pm.

sembra che non vi è posto per le persone buone ,almeno in Italia e specialmente a Roma.io esco poco,perchè sento tanta falsità,cattiveria,e tentativi di truffarti o peggio.tanta ipocrisia nelle amicizie.

Rispondi

teodora il 25 Aprile 2015 alle 11:53 am.

Vedo sempre più commercianti della parola di Dio, che non si fanno più problema neanche di nascondere la loro mondanità, presunzione, vanità, piacere. Come sempre, i validi apostoli sono emarginati e retrocessi perché creano problemi con i detentori dei poteri locali.
Manca completamente qualsiasi controllo e loro ne sono più che consapevoli.
Intervenga Dio misericodioso e onnipotente.

Rispondi

marco eddy il 25 Aprile 2015 alle 6:50 pm.

i deboli,le persone buone,chi dice la verità,chi vorebbe vivere come Dio vorrebbe…vengono sempre emarginati……solo le persone buone li aiutano o li capiscono…..ma li capiscono di più in modo sbagliato come Giuda l?iscariota ,tute e persone false,malvage,cattive,in mala fede,disoneste per approfittarne,solo per approfittarne,perchè credono che le persone buone siano indifese e credono che non devono temere la loro ira o vendetta….ma capiscono che sono buone e per questo li odiano incosciamente.

Rispondi

teodora il 26 Aprile 2015 alle 9:25 pm.

Caro Marco, di ciò si deve fare carico il Papa, anche se immagino quanto sia osteggiato da tutto il clero in carriera, che non intende assolutamente rinunciare ai propri privilegi.
Personalmente so quanto costa essere onesti e attenersi alla verità. E’ una vita che ne pago le conseguenze, anche con il clero in carriera.
C’è soluzione ? Sembra proprio di no.
Anche se, fra tutti i post, questo – Dà scandalo quando la Chiesa diventa una casa d’affari – è sempre il più seguito, anche se non proprio recente.
Il Papa lo legge?

Rispondi

teodora il 24 Aprile 2015 alle 8:43 pm.

condivido

Rispondi

marco eddy il 24 Aprile 2015 alle 2:22 pm.

certo che i Santi e le Sante sono degli eroi e dei colossi nella fede e nella volontà e facendo la volontà di Dio. Dio Padre chiama e loro hanno risposto, come molti di noi siamo stati chiamati ma non abbiamo risposto.

Rispondi

maria farina. il 23 Aprile 2015 alle 10:19 pm.

Santo Padre ,le chiese non sono piu luoghi di culto,case di Dio.Sono banche,salotti,ritrovi con balli musiche e pasticcini.I poveri?Non sono piu neanche all,ultimo posto.Le confessioni,solo mezz,ora al sabato.Non ci resta altro che pregare e confidare nel Grande Misericordioso Onnipotente.Prego per Lei. Le voglio bene.

Rispondi

marco eddy il 24 Aprile 2015 alle 2:11 pm.

già molte parrocchie fano la confessione su appuntamento o 1 o 2 volte alla settimana e non vicino all’ora di messa,mi sembra molto stupido questo

Rispondi

teodora il 24 Aprile 2015 alle 8:46 pm.

condivido Maria. La risposta era per te
Ma da un po’ di tempo il PC fa brutti scherzi

Rispondi

ANTONIO il 13 Dicembre 2014 alle 12:51 am.

il demonio si serve sempre di persone vicine a chi deve tormentare, e di solito i Giuda maledetti sono sempre vicino alla persona da perseguitare fisicamente e spiritualmente.si serve sempre di persone meschine e piene di peccati che gli stessi tanto incrostati dal peccato,è lecito far del male a chi Lucifero odia.spero che verrà il giorno e spero presto della venuta di Cristo.

Rispondi

marco eddy il 24 Aprile 2015 alle 2:10 pm.

è vero quello che dici

Rispondi

luigi il 12 Dicembre 2014 alle 2:14 pm.

Santo Padre , sono sempre del parere che Lei debba far girare ad osservare in incognito , quello che avviene in varie Parrocchie , da Sue persone fidate.
Le riporteranno di sicuro i misfatti e gli SCANDALI che alcuni preti untuosi e non unti compiono quasi ogni giorno. Prego sempre per Lei, che possa vivere sempre in pace e coerenza.

Rispondi

marco eddy il 24 Aprile 2015 alle 2:13 pm.

c’era un prete in una parrocchia di S.Rita a tor Bella Monaca,che si portava a letto la mia compagna che ho cacciato e un’altra sua amica separata circa nel 2003-4-5

Rispondi

teodora il 26 Aprile 2015 alle 11:31 am.

Luigi, ma tu pensi che il Santo Padre non sappia già?!
Per quanto in ambito clericale non si voglia far pervenire al Papa le verità scomode, pensi che Papa Francesco ignori il comportamento di questi signori?!
C’è da chiedersi cosa può fare il Papa.
Anche i mass media cominciano a chiedersi se ci sono regole, anche sanzionatorie, che debbano essere rispettate all’interno della gerarchia clericale (vedi caso del prete arrestato in questi giorni)
Sento spesso:”date a Cesare quel ch’è di Cesare”: Ma suona tanto come un escomatage per rimanere indifferenti.
Cesare opera nel suo ambito con le proprie leggi, il Clero non ha regole e procedure?!
Nel mio piccolo, vedo penalizzati quei sacerdoti dissenzienti da tale modus operandi e premiati in carriera chi opera in senso opposto.
Dunque?!

Rispondi

ANTONIO il 9 Dicembre 2014 alle 9:09 am.

certo perché chi vive nella verità subisce attacchi dal demonio e da persone viventi.tanti traditori come giuda e persone che con la verità li mette a disagio e pertanto odiano chi la segue e la pronuncia,io ne ho avuto una prova MOLTO concreta.il Papa ha bisogno di preghiere per gli attacchi di persone e spirituali di Lucifero che subisce,per questo

Rispondi

mauro il 8 Dicembre 2014 alle 12:11 pm.

il santo padre non ha paura e vive Dio . preghiamo per lui.

Rispondi

marco eddy il 24 Aprile 2015 alle 2:16 pm.

di PADRE vi è uno solo: DIO(Padre Nostro che sei nei cieli….)………il Papa Francesco è il Papa e il rappresentante o che rappresenta Gesù sulla terra

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.