Di fronte al peccato Dio non si spaventa, cammina!

Di fronte al peccato Dio non si spaventa, cammina!

La riflessione di Papa Francesco, durante la Santa Messa di oggi, 8 settembre 2015, giornata nella quale la Chiesa Cattolica celebra la Natività della Beata Vergine Maria, è stata focalizzata sul cammino di pace e pacificazione che Dio ha fatto con il suo popolo, durante i secoli.

È in questo senso che va letto il brano del Vangelo di oggi (Mt 1,1-16.18-23), che a prima vosta potrebbe sembrare un poco noioso perché trattasi di un elenco che ricorda le generazioni precedenti Gesù. Eppure questo elenco ha proprio lo scopo di insegnarci che Gesù non ha preso la “bacchetta magica” e risolto i problemi all’istante, ma ha camminato con il suo popolo.

Il Signore non ha voluto pacificare e riconciliare con la bacchetta magica – ha commentato il Santo Padre – Si è messo a camminare con il suo popolo“. E lungo questo cammino ha incontrato tanti uomini buoni, e anche tanti peccatori. Eppure, anche di fronte al peccato, “Dio non si spaventa: cammina. Cammina con il suo popolo”.

Questo elenco, ci da dunque un secondo messaggio, un messaggio di speranza, e ci dice che anche davanti al più grande dei peccato, Dio non smette mai di camminare con noi, Dio non smette mai di sognare.

Dio sogna. Il nostro Padre Dio ha dei sogni, e sogna cose belle per il suo popolo, per ognuno di noi – ha sottolineato il Vescovo di Roma – perché è Padre e essendo Padre pensa e sogna il meglio per i suoi figli” e questo lo fa rimanendo “sempre in cammino, in vicinanza con gli altri, come ci insegnano le Beatitudini e Matteo 25″.

Infine questo elenco della genealogia di Cristo ci dice una terza cosa, ha concluso Papa Francesco, che Dio non interviene con grandi atti, con atti plateali, ma interviene “nel piccolo“. Così noi oggi facciamo memoriale con “un piccolo pezzo di pane, un po’ di vino … nel ‘piccolo’. Ma in questo piccolo c’è tutto. – ha detto Bergoglio – C’è il sogno di Dio, c’è il suo amore, c’è la sua pace, c’è la sua riconciliazione, c’è Gesù: Lui è tutto quello“.

Share Button

15 Commenti

Ann-Christin Kristiansson il 9 Settembre 2015 alle 10:08 am.

Molto bello. E non solo quello. È anche assolutamente vero.

Rispondi

Filomena Ciavarella il 9 Settembre 2015 alle 8:49 am.

La Madonna di Costantinopoli di San Nicandro Garganico durante la peoceessione

Rispondi

Ivana Barbonetti il 9 Settembre 2015 alle 8:32 am.

Prego che la misericordia di DIO ci doni la speranza, la forza di conservare i “sogni” e la forza di realizzarli anche se tutto ci dice il contrario. Ivana Barbonetti

Rispondi

marcello ricci il 9 Settembre 2015 alle 7:29 am.

Il peccatore può essere perdonato, ma non basta il pentimento, serve che sia stata espiata la pena commisurata alla gravità del peccato. Il perdono facile è un incoraggiamento a peccare.

Rispondi

Ivana Barbonetti il 10 Settembre 2015 alle 12:28 pm.

Condivido quanto scritto da Marcello, spieghiamo a chi non lo sa che GESU’ poteva donare il perdono ” facile” perche’ leggeva il cuore, sapeva se quel pentimento scaturiva dal cuore o no, per questo noi cristiani chiediamo il dono di un cuore contrito, per riconoscerci peccatori con il cuore e avere la vera conversione e perdono. Ivana Barbonetti

Rispondi

Ivana Barbonetti il 10 Settembre 2015 alle 2:37 pm.

preciso, il cuore contrito, dono di DIO, ci permette di vedere il nostro peccato, azioni di chiedere perdono prima a DIO, poi riparare al peccato commesso, a chi abbiamo fatto del male ,l’ambiente danneggiato ecc. ecc. Se non e’ possibile riparare, pregare per il bene delle persone da noi offese,danneggiate,l’ambiente ecc. ecc. Per quanto volontariamente o involontariamento . Pregare cosi e’ un’alta azione misericordiosa, lo scrisse S.Faustina nel suo diario.

Rispondi

Maria Maddalena Minneci il 9 Settembre 2015 alle 6:53 am.

Proteggiamo il creato il mare non diventi cimitero ma micro cosmo per le creature da Dio create. Salviamo il pianeta dal dal’egoismo dell’uomo ma prima cerchiamo l’umiltà e non l’abuso nello sfruttare cio che ci è stato affidato dal Padre. Noi siamo i custodi del pianeta.

Rispondi

Maria Maddalena Minneci il 9 Settembre 2015 alle 6:49 am.

Dio Padre guida sempre i nostri passi e non si stanca mai di camminare con noi. Rialza chi cade e sana ciò che sanguina. Guarisce lenisce le pene dei figli suoi con misericordia infinita si pone ad ascoltare le afflizioni del cuore e dana pace. Noi ugualmente facciamo? È ora di mettersi accanto a Gesù per la salvezza di tutte le anime e proclamare a coloro che non conoscono Gesù che esso è risorto per la salvezza del mondo. Abbiamo il coraggio di ricoscerci tutti fiigli di Dio. E di camminare con Cristo nella vita terrena per essere con Dio nella gloria del paradiso promesso.Dio ci guidi e sia per noi il compagno noi amiamo e basta perché sull’ amore saremo giudicati. Chiediamoci tutti io amo? Buona giornata. Gesù e Maria vi amo salvate tutte le anime.

Rispondi

María Julia Spiritelli il 9 Settembre 2015 alle 1:54 am.

Tenemos un paciente MARFAN de 24 anos, que necesita cardiocirugia urgente, esta internado en el Hospital Arzobispo Loayza en Lima, Peru. Diagnostico: aneurisma disecante con Insuficiencia Valvular Aortica severa. El seguro con que cuenta el paciente SIS no tiene los insumos necesarios para la cirugia, y si los tendria demorarian 2 a 3 meses en llegar….. Se esta haciendo los tramites para transferirlo a una clinica privada cuyos gastos de corugia tienen que salir del SIS….. pero la burocracia es tan complicada en nuestro pais que estamos luchando para que se de rapido…. PIDO AYUDA!!!!!! a todo aquel que pueda agilizar dichos tramites. Comunicarse con MARITA WATERS al 988895415…

Rispondi

Filomena Ciavarella il 8 Settembre 2015 alle 11:29 pm.

Nelle piccole cose c’e il cielo. Nel giorno che va dormire dopo il tramonto nella notte, nella luna che si adagia nell’aurora quando il sole sorge, c’e’ la bellezza celeste del Bambin Gesu`che sorride e si riflette nel creato.

Rispondi

teodora il 8 Settembre 2015 alle 9:47 pm.

AMEN all’amore, alla pace, alla riconciliazione.
Che i sogni diventino realtà anche “senza bacchetta magica”, ma per volontà di Dio MISERICORDIOSO E ONNIPOTENTE (sia fatta la Tua volontà, come in cielo, così in terra), Padre che ama, tutela e salva tutti suoi figli dal Male, dal quale vorrà liberarci.

Rispondi

Francesco de Pascale il 8 Settembre 2015 alle 8:12 pm.

“Ti sentirai turbato e pieno d’angoscia, avrai freddo e fame e la tua coscienza sarà confusa, frenetica, indecisa. Allora penserai: ‘Sono morto. Che posso fare?’.Questo pensiero ti gelerà nel cuore con infinita tristezza.non desiderare alcun luogo, non lo desiderare perché non vi potrai restare.non ricordare nulla, non pensare ma lascia che la mente torni al suo stato primordiale”

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.