Dio ti parla silenziosamente al cuore

Dio ti parla silenziosamente al cuore

L’umiltà di Dio, ovvero quel particolare modo di agire, caratteristico di Dio nei sui vari interventi nella storia dell’uomo, è stato al centro della riflessione di Papa Francesco durante l’omelia di oggi nella Santa Messa in Casa Santa Marta: Dio agisce sempre in modo semplice e umile e anche noi se vogliamo giungere a sentire la voce di Dio dobbiamo essere semplici e umili, mettendoci in ascolto nel silenzio.

Dio ama sorprendere ma questo non significa che fa le cose in modo eclatante: infatti “Dio non ama la spettacolarizzazione dei segni – ha detto il Santo Padre – Egli agisce nell’umiltà, nel silenzio, nelle cose piccole“. E la gente dell’epoca rimane stupita per questa semplicità di Dio che viene a parlare loro per mezzo di un falegname: “ma questo di che viene a parlarci? Dove ha studiato per dirci queste cose? – ha detto il Papa – Che ci faccia vedere la laurea! In che Università ha studiato? Questo è il figlio del falegname e ben lo conosciamo“.

Nel corso della storia di Israele più volte vediamo intervenire Dio in questo modo: ad esempio “quando ha voluto liberare il suo popolo, lo ha liberato per la fede e la fiducia di un uomo, Mosè” ha detto Bergoglio alle persone presenti “quando ha voluto far cadere la potente città di Gerico, lo ha fatto tramite una prostituta“. Non solo, continuando a leggere le Scritture vediamo che “anche per la conversione dei samaritani ha chiesto il lavoro di un’altra peccatrice” e ancora “quando Lui ha inviato Davide a lottare contro Golia” lo ha mandato soltanto con “a fionda e le pietre“. Oppure “quando ha detto ai Magi che era nato proprio il Re, il Gran Re, cosa hanno trovato loro? Un bambino, una mangiatoia“.

Pensiamo sempre, quindi, che “così agisce il Signore: fa le cose semplicemente“:  Dio “ti parla silenziosamente al cuore“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

8 Commenti

enza il 11 Marzo 2015 alle 12:54 pm.

grazie Papa Francesco per le tue semplici e chiare parole

Rispondi

rosalba il 10 Marzo 2015 alle 10:59 am.

Gesù resta con me!

Rispondi

francesca il 10 Marzo 2015 alle 8:29 am.

Grazie

Rispondi

luciana serrati il 10 Marzo 2015 alle 12:59 am.

…ed è concedendoci lunghi spazi di silenzio, che noi trascorreremo le 24 ore per Lui e con Lui…perchè desideriamo tanto “ascoltare” il rumore di quella divina cascata d’amore, davanti alla quale, tutti gli altri suoni del mondo, li percepiamo solo, come fastidiosi stridii…Grazie Papa Francesco….anche per questo piccolo spazio che ci concedi, per aprire il nostro cuore a Colui che tanto ci ama e sentiamo, così, sempre più vivo accanto a noi, anche sotto la nostra umile “tenda”. Serena notte, tra le braccia di Maria.

Rispondi

Lucia il 9 Marzo 2015 alle 11:20 pm.

Carissimo Papa Francesco, le Sue parole “Dio ti parla silenziosamente al cuore” mi ricolmano il cuore di immensa gratitudine. Lei mi ha abituato a vivere questi momenti di speranza, di pienezza spirituale che mi danno profonda commozione e il desiderio di levare le braccia e il mio respiro al cielo e di prostrarmi grata a terra.

Rispondi

patrizia zappalà il 9 Marzo 2015 alle 10:04 pm.

Caro Papa Francesco hai sempre parole semplici che arrivano ad ogni uno di noi sia che siamo colti sia che abbiamo la terza media è proprio vero Gesù parla ad ognuno di noi silenziosamente al nostro cuore da quando ho iniziato o per meglio dire ho riscoperto l amore di Gesù buon pastore riesco anche a sentire la sua voce e quindi come un vero amico con la A maiuscola dialogo e mi lascio guidare è un cammino tanto forte che matura da Medjougorie con la Maria Santissima e con un forte dolore arrivai ad sentirlo quando gli chiesi di guidarmi per un intervento che era stato diagnosticato a mia figlia ma non fu mai fatto trovai in una chiesa dove già frequento da quasi due anni una effige lignea di S.GiovanniPaolo 2 mossa da tanta devozione da quella sera ritorno sempre e adesso dallo scorso settembre ne foccio parte integrante e con amore vorrei ricambiarl dando affetto ciao ti voiglio bene

Rispondi

Maria del Carmen Hernandez il 9 Marzo 2015 alle 9:48 pm.

Agradezco encarecidamente me envíen estás publicaciones, en lo personal es de gran ayuda conocer la palabra de Dios atraves del Papa.Dios les siga bendiciendo

Rispondi

Giuseppe il 9 Marzo 2015 alle 7:59 pm.

Ma c’è una cosa più bella di questa? Poter parlare con Dio e… senza laurea! Semplicemente meraviglioso. E, grazie a papa Francesco, conosciamo la semplicità di Dio nella sua quotidianità. Ed allora? Grazie papa Francesco, ti voglio bene e prego sempre per le tue intenzioni. Ciao. Perché qualche volta non mi inviti a Santa Marta con mia moglie? Io vado spessissimo a Messa, lei pochissimo; sicuramente lei ama di più. Vorrei sorprenderla, mi fai questo dono? Tra tempeste e bonacce gli anni di matrimonio sono 28; di fidanzamento 11, per un totale di 39 anni. Grazie.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.