Eliminiamo il commercio delle armi: così otterremo la pace

Eliminiamo il commercio delle armi: così otterremo la pace

Oggetto dell’intenzione di preghiera di giugno è il commercio di armi. Papa Francesco (e la Chiesa tutta) si è scagliato più e più volte contro l’uso e il commercio delle armi, ultimamente diventato fuori controllo in alcune parti del mondo.

Le armi sono motivo di offesa alla persona, sono causa di conflitti e di morte. Già solo vederle scatena in ognuno di noi delle sensazioni di angoscia, un velo di tristezza e un sentimento di ribellione. Ecco perché secondo Francesco bisogna porre fine al commercio di questi strumenti. E che non si dica che non lo si può fare: bandire le armi si può e si deve farlo!

“E’ un’assurda contraddizione parlare di pace, negoziare la pace e, allo stesso tempo, promuovere o consentire l’uso delle armi”, ha detto il Papa. Francesco tra l’altro ha fatto notare come in realtà le guerre che vengono fatte in varie parti del mondo, e che vengono “vendute” al popolo come guerre giuste, come guerre volte a portare pace e democrazia, in realtà siano solo e soltanto figlie del business delle armi.

“Nel mondo vengono fatte guerre che in realtà non hanno altro scopo se non quello di vendere armeria affinché i mercanti di morte ne possano uscire arricchiti”, ha denunciato il Papa. “Risolviamo questa situazione. Preghiamo insieme per i responsabili delle nazioni perché si impegnino per porre fine al commercio delle armi, che causa tante vittime innocenti”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.