Gesù bambino ci invita ad abbandonare la nostra logica per entrare nella sua

Gesù bambino ci invita ad abbandonare la nostra logica

Durante l’ultima udienza generale del 2015, Papa Francesco ha voluto sottolineare come la piccolezza di Gesù bambino ci insegna ad essere umili e ci invita a pensare urgentemente a tutti i bambini bisognosi di essere protetti, amati, custoditi, bisognosi di giocare nonché ad “abbandonare la nostra logica per entrare nella sua

In questi giorni di Natale, contempliamo il bambino Gesù, rivivendo nei nostri cuori il mistero dell’Incarnazione con gesti semplici e tradizionali, come mettere il presepe nelle nostre case.  –  ha detto Papa Francesco ai fedeli riuniti in Piazza San Pietro nonostante il freddo – Questa devozione a Gesù Bambino ci permette di meditare, seguendo l’esempio della Vergine Maria, l’umiltà di Dio che si fa piccolo per noi.

Anche se sappiamo poco della infanzia di Gesù, possiamo imparare molto di Lui guardando i bambini. Anche Gesù vuole che lo stringiamo tra le nostre braccia, che gli dimostriamo il nostro amore, il nostro interesse.

Abbandoniamo la nostra pretesa di autonomia e accogliamo la vera forma di libertà, che è quella di riconoscere e servire chi abbiamo davanti. Egli è venuto a rivelare il volto del Padre, ricco di misericordia.

Accogliamo il Signore nei nostri cuori, mostriamo il nostro amore e la gioia di sapere che Egli è sempre in mezzo a noi.

Vi ricordiamo che potete trovare tutte le Udienze di Papa Francesco nella nostra rivista Papa Francesco News che trovate già disponibile dal 23 dicembre in tutte le edicole italiane.

 

 

Queridos hermanos y hermanas:

En estos días de Navidad, contemplamos al Niño Jesús, reviviendo en nuestros corazones el misterio de la Encarnación con gestos sencillos y tradicionales, como poner el pesebre en nuestras casas.

Esta devoción al Niño Jesús nos permite meditar, siguiendo el ejemplo de la Virgen María, la humildad de Dios, que se hace pequeño por nosotros.

A pesar de que sabemos poco de la infancia de Jesús, podemos aprender mucho de Él mirando a los niños. También Jesús quiere que lo estrechemos en nuestros brazos, que le demostremos nuestro amor, nuestro interés.

Que abandonemos nuestra pretensión de autonomía y acojamos la verdadera forma de la libertad, que consiste en reconocer y servir a quien tenemos delante. Él ha venido a revelarnos el rostro del Padre, rico en misericordia.

Acojamos al Señor en nuestros corazones, demostrémosle nuestro amor y el gozo de saber que Él siempre está en medio de nosotros. Muchas gracias.

Share Button

5 Commenti

Antonella il 1 Gennaio 2016 alle 1:37 am.

Buon Anno Papa Francesco che il buon Dio ti guidi sempre

Rispondi

Roberto Rossi il 31 Dicembre 2015 alle 11:42 am.

Papa Francesco non so se riuscirai a cambiare la chiesa che per anni ai suoi vertici ha gestito poteri e ricchezze, cardinali,vescovi,madri badesse appartenenti a famiglie ricche e nobili che gestivano economie e poteri , ancora adesso questi vertici gestiscono ricchezze e poteri a danni dela gente , non tutti ovviamente, ma la chiesa umile e povera, consolatrice è possibile??? Auguri di buon anno e buon lavoro sperando che tu riesca a portare a termine i tuoi progetti.

Rispondi

Maria Maddalena il 31 Dicembre 2015 alle 6:48 am.

Se tutti noi ci facessimo piccoli nel cuore e in umiltà, come il bambin Gesù riusciremmo a vedere nel fratello le debolezze dando amore a tutti. Gesù nato dalla più bella delle mamme é un mistero d’amore per l’intera umanità. Si é fatto uomo per noi per sconfiggere il nostro peccato e per esempio di mitezza. Impariamo dai piccoli e amiamoci tra noi. La Santa famiglia di Nazaret possa esserci di consolazione e modello. Ispiriamoci ad essa per vivere consacrati in Gesù e Maria. Buone feste sia lodato Gesù e Maria. Che il bambin Gesù ci illumini con la sua infinita bontà.

Rispondi

teodora il 31 Dicembre 2015 alle 2:58 am.

“Gesù bambino, nella semplicità ed umiltà di Dio, che si fa piccolo per noi”, vuole la PACE, rimuovendo crescite di disastri nel mutismo di verità e lealtà
Sia fatta la Sua volontà.

Rispondi

teodora il 30 Dicembre 2015 alle 8:35 pm.

Si, nella logica di Gesù c’è anche l’ammonimento a non porgere l’orecchio sordo o ad usare ipocrita “non sapere”, pur di disattendere il dovuto, adempibile sostegno al fratello, nella verità, bisogno e malattia.
Nella logica di Gesù, ciò è gravemente riprovevole, soprattutto se si commetta per abusare di licenziosi profitti personali e, ancor di più, se praticato da “pastori”
E, a causa di ciò, tutto si è disastrosamente aggravato.
Sia fatta la volontà di Dio!

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.