Gesù preferisce il peccatore, sempre, per perdonarlo, per amarlo

peccatore perdonare amare“Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti cercheranno di entrare, ma non ci riusciranno”, un passo del Vangelo di oggi che apre a vari interrogativi: come può essere difficile entrare nella porta del Regno di Dio se Dio stesso sempre perdona?

Ebbene Papa Francesco, con la semplicità che lo caratterizza, ci spiega che vi é un solo modo per entrare nel Regno dei cieli, ed é Gesù. Cristo é la sola porta che ci porta alla Salvezza, il Suo cammino deve diventare il nostro percorso per giungere a Dio.

Ed é una porta sempre aperta: “la porta che è Gesù non è mai chiusa, questa porta non è mai chiusa” dice il Pontefice nell’Angelus di oggi “è aperta sempre e a tutti, senza distinzione, senza esclusioni, senza privilegi”. E’ questa l’essenza del perdono di Dio, nessuno é escluso dal suo Amore né tanto meno dalla possibilità di ravvedersi per i peccati commessi.

Anzi, al contrario “Ma, Padre, sicuramente io sono escluso, perché sono un gran peccatore ragiona Papa Francesco e al contempo offre la risposta di Gesù “No, non sei escluso! Precisamente per questo sei il preferito, perché Gesù preferisce il peccatore, sempre, per perdonarlo, per amarlo”.

E’ l’inversione dell’ottica umana cui tante volte Gesù ci invita e il messaggio del Pontefice é ben chiaro in tal senso “Gesù ti sta aspettando per abbracciarti, per perdonarti”.

Ma cosa ci ferma nel nostro cammino verso la salvezza? Le tante porte che troviamo lungo il cammino, tutte che sembrano offrirci la felicità immediata, spiccia. E’ questa é la difficoltà che incontra l’uomo cui fa riferimento Gesù nel Vangelo: le tante porte che offrono una felicità istantanea ci allontanano dalla Vera Porta, ci fanno distrarre in una ricerca di per sé inutile rischiando così di sprecare i doni che Dio ci ha affidato.

Non avere paura: Lui ti aspetta. Animati, fatti coraggio per entrare per la sua porta” esorta Papa Francesco “non abbiamo paura di varcare la porta della fede in Gesù, di lasciarlo entrare sempre di più nella nostra vita, di uscire dai nostri egoismi, dalle nostre chiusure, dalle nostre indifferenze verso gli altri.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

5 Commenti

roberto il 20 Settembre 2014 alle 3:33 pm.

merci mon chèr père et salut
il tuo sorriso ci accompagni sempre
<> d bonhoeffer.
<>
Matteo 5,48

Rispondi

Chiapperini Angela il 1 Aprile 2014 alle 7:31 pm.

Papa Francesco, spiegami perchè se Dio perdona tutti, ha perdonato la maddalena, noi poveri sfortunati che nella vita non solo abbiamo dovuto subire un divorzio perchè il proprio marito decide di cambiare strada non possiamo avvicinarci alla Santa Comunione, è siamo sempre più peccatori solo per aver voluto rimettere sù famiglia dimmi se è giusto. Tutto questo mi fà male Dio solo sa quanto ti prego rispondimi.
Ti abbraccio forte prega per la mia famiglia ,io pregherò per te.

Rispondi

rosanna il 29 Agosto 2013 alle 12:26 pm.

SANTITA’ IO TI HO SCRITTO TI PREGO RISPONDIMI HO FIDUCIA IN TE E SPERO TANTO CHE TU MI TELEFONI,COSI’ D’AZZITTIRE QUELLI CHE NON CREDONO IN TE. ASPETTO CON ANSIA

Rispondi

Giuseppe il 26 Agosto 2013 alle 7:32 am.

E meno male che ho peccato. E meno male che mi si da’ SEMPRE la possibilità di ricucire gli strappi. E meno male che c’è chi ci parla tutti i giorni della insondabile, imperscrutabile, infinita, inimmaginabile Misericordia di Dio. E meno male che ci sono i figli prediletti di Gesù, cioè i sacerdoti ed i religiosi.

E’ Gesù stesso che parla \secondo giorno novena Divina Misericordia / “Oggi conduciMi le anime dei sacerdoti e le anime dei religiosi e immergile nella Mia insondabile Misericordia. Essi Mi hanno dato la forza:) si superare l’amara Passione. 🙁 Per mezzo loro come per mezzo di canali, la Mia Misericordia scende sull’umanità.

Detto questo, l’angelo ribelle è servito e cotto. Tu sei un bravo Papa e fai bene a parlare del “cosaccio”. Così anche i sacerdoti increduli inizino a pensarci un po’.

Detto questo, è un piacere ed un dovere pregare per te e per la Chiesa che guidi con sorridente e sapiente cautela.

Detto questo non mi resta che chiedere a Gesù di darti quotidiano riparo all’ombra dei suoi due raggi misericordiosi. Liberarti dai nemici che si nascondono dietro i sorrisi falsi ed ipocriti. Donarti e donarci la quiete nell’anima per ascoltare la dolce voce del nostro Signore e Maestro.

Ciao guagljù 🙂

Rispondi

luana il 25 Agosto 2013 alle 10:24 pm.

Caro papa il vangelo di oggi 25agosto20013 in verità mi ha rattristata forse perché mi sono sentita rimproverata da Gesù e in quel momento non lo accettavo dato che lo amo troppo e per me è la mia guida la mia forza e conforto nei momenti difficili poi mi sono detta forse per entrare nella porta stretta Gesù mi chiede più sacrifici devo essere più aperta verso il prossimo più generosa meno egoista cosi mi sono data forza e fiducia nel dare di più e stasera ho letto la sua spiegazione del vangelo e mi sono ritrovata più forte e credente che Gesù ha mandato lei tra noi come una benedizione dal cielo grazie per la sua saggezza e fede che ci trasmette tutti i giorni un forte abbraccio papa Francesco da Luana e famiglia

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.