Non cedete alle lusinghe di facili guadagni o di redditi disonesti

Non cedete alle lusinghe di facili guadagni o di redditi disonesti

Non lasciatevi rubare la speranza” è stato l’auspicio che Papa Francesco ha fatto a tutti i napoletani, durante la visita pastorale a Napoli: “Non cedete alle lusinghe di facili guadagni o di redditi disonesti” ha aggiunti il Santo Padre facendo espresso riferimento alla criminalità organizzata, “questo è pane per oggi e fame per domani“.

Durante la riflessione dell’omelia nel Duomo di Napoli, il Vescovo di Roma, ha invitato tutti gli uomini di buona volontà a reagire “con fermezza alle organizzazioni che sfruttano e corrompono i giovani, i poveri e i deboli, con il cinico commercio della droga e altri crimini“.

Questi non solo non sono cristiani ma rubano la speranza alle persone poiché proliferano proprio nelle situazioni in cui manca il lavoro, mancano le opportunità, manca la sicurezza: l’obbiettivo della criminalità non è dare un futuro alle persone, ma rubare a questi la speranza e il futuro, mantenendo inalterata la situazione di malessere attuale.

Non lasciate che la vostra gioventù sia sfruttata da questa gente!” ha quindi aggiunto Papa Francesco rivolgendosi ai giovani, “La corruzione e la delinquenza non sfigurino il volto di questa bella città! E di più: non sfigurino la gioia del vostro cuore napoletano!“.

È questa l’alternativa che il Pontefice ha proposta a Napoli, cammino sempre aperto e percorribile anche per chi non ha già aderito alla criminalità e a chi li aiuta: “ai criminali e a tutti i loro complici oggi io umilmente, come fratello, ripeto: convertitevi all’amore e alla giustizia! – ha esclamato Papa Francesco – Lasciatevi trovare dalla misericordia di Dio! Siate consapevoli che Gesù vi sta cercando per abbracciarvi, per baciarvi, per amarvi di più…sempre è possibile ritornare a una vita onesta!

Oggi incomincia la primavera e la primavera porta speranza: tempo di speranza. E l’oggi di Napoli è tempo di riscatto per Napoli – ha concluso Papa Francesco – questo è il mio augurio e la mia preghiera per una città che ha in sé tante potenzialità spirituali, culturali e umane, e soprattutto tanta capacità di amare”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

6 Commenti

maria farina il 22 Marzo 2015 alle 9:00 pm.

Carissimo Santo Padre.
Come vorrei,che le Sue sante parole,giungessero ai cuori e alle coscienze,di quei “presunti”servitori di Dio e della Chiesa,che hanno paura di sporcarsi le mani ( come dice Lei ).Le porte delle Chiese sono chiuse,i sacerdoti ricevono per appuntamento,la confessione nella mia parrocchia e’solo il sabato dalle 4 alle 4.30.Si fa’presto a cadere nella rete,dei mercanti di vite umane,quando si bussa,alla porta della casa di Dio,e non trovi ad aprirti,”Sorella Speranza e Sorella lCompassione:bensi’l’arroganza,l’onnipotentismo e la totale mancanza di Carita’Spirituale.La disperazione uccide la Speranza,la corruzione,sporca la “Casa di Dio”,e l’omerta’toglie la vista,l’udito e la parola a chi si fa comprare,dalle “donazioni facili e senza sacrificio”.
Santo Padre,offro le mie preghiere secondo le Sue intenzioni e per la Pace nel mondo,e chiedo umilmente la Sua Santa Benedizione.

.

Rispondi

marco eddy il 22 Marzo 2015 alle 10:19 am.

spero che il Papa Francesco viva ALMENO 20 ANNI E CHE Gesù gli dia forza fisica e lo spirito Santo la forza Spirituale.

Rispondi

Chiara il 22 Marzo 2015 alle 7:55 am.

Buona domenica papa Francesco,preghiamo sempre il Signore perché ci conduca sempre sulla strada giusta..

Rispondi

Marilena il 22 Marzo 2015 alle 4:37 am.

I facili guadagni e la disonesta’ sono pula che il vento disperde. Ricerchiamo l’amore di Dio e viviamo seguendo i comandamenti, e fonderemo la nostra casa sulla roccia.

Rispondi

Marilena il 22 Marzo 2015 alle 4:34 am.

La redenzione e il seguire la strada dell’onesta e’ pulizia per se stessi e per la propria vita. Il malaffare se non corretto porta l’uomo a sostituirsi alle leggi di Dio, che ama noi figli. Ritornate a Dio uomini di Dio e siate speranzosi nel credere in un futuro migliore, senza violenza, senza guerre di potere ma pieno di pace e amore. Sono lasciando morire l’uomo vecchio e iniquo e aprendo il cuore alla luce del Cristo Risorto e uomo nuovo nella storia saremo tutti conformi al suo amore con atti di reale carità gli uni verso gli altri. Non ascoltiamo gli vuole distruggere la speranza nei cuori ma restiamo saldi nell’amore dl Padre. Maria nostra Madre Celeste interceda per noi per un mondo dove regni la fede in Dio e L’affidamento totale dell’uomo al progetto di salvezza che il messaggio cristiano deve trasmettere. Tutti possiamo essere salvati se ci lasciamo amare da Gesù e guidare dallo Spirito Santo. Amen. Buona giornata in Cristo.

Rispondi

Franca il 21 Marzo 2015 alle 10:04 pm.

Non sono i poveri Papa Francesco che corrono dietro al denaro. Se sono po- veri è chiaro che non si sono venduti, né ladri, ne corrotti.
Chi ha la responsabilità di questo paese si dovrebbe prendere cura più seriamente di mettere fine a questo caos di ingiustizie e distruzione.
Politica significa governare non distruggere un paese. Non c’è la volontà di dare lavoro e fare il proprio dovere di conduttieri come Dio comanda, e qui Lei lo sa bene che è di tutti coloro che governano la colpa.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.