Papa Francesco nell’omelia di oggi: anche oggi Gesù piange

Papa Francesco nell'omelia di oggi: anche oggi Gesù piange

Papa Francesco ha preso spunto dalla Lettura del Vangelo di oggi (Lc 19, 41-44) per una intensa riflessione sulla pace e sulla guerra: ispirato dal pianto di Gesù su Gerusalemme, il Vescovo di Roma ha ricordato come “anche oggi Gesù piange” ogni volta che preferiamo “la strada delle guerre, la strada dell’odio, la strada delle inimicizie“.

Il Santo Padre nella propria omelia ha invitato a non dimenticare come le luci, le feste e i presepi che vedremo adesso a Natale sono un trucco: è “tutto truccato – ha detto Bergoglio – il mondo continua a fare la guerra, a fare le guerre. Il mondo non ha compreso la strada della pace”.

Quando guardiamo alle luci natalizie, alle “feste, alberi luminosi, anche presepi” pensiamo alle “rovine” che generano le tante guerre in atto, alle “migliaia di bambini senza educazione, tanti morti innocenti: tanti!, e tanti soldi nelle tasche dei trafficanti di armi“: questa è la verità che dobbiamo guardare.

Una volta, Gesù ha detto: ‘Non si può servire due padroni: o Dio, o le ricchezze’. – ha ulteriormente ricordato il Vescovo di Roma – La guerra è proprio la scelta per le ricchezze: ‘Facciamo armi, così l’economia si bilancia un po’, e andiamo avanti con il nostro interesse’.. I fabbricatori di armi, coloro che fanno le guerre ricevono la maledizione del Signore e questo è scritto nel Vangelo: “C’è una parola brutta del Signore: ‘Maledetti!’. Perché Lui ha detto: ‘Benedetti gli operatori di pace!’. – ha sottolineato il Santo Padre – Questi che operano la guerra, che fanno le guerre, sono maledetti, sono delinquenti. Una guerra si può giustificare – fra virgolette – con tante, tante ragioni. Ma quando tutto il mondo, come è oggi, è in guerra, tutto il mondo!: è una guerra mondiale – a pezzi: qui, là, là, dappertutto … – non c’è giustificazione. E Dio piange. Gesù piange”.

Ci farà bene anche a noi chiedere la grazia del pianto, per questo mondo che non riconosce la strada della pace. Che vive per fare la guerra, con il cinismo di dire di non farla. – ha dunque concluso Papa Francesco – Chiediamo la conversione del cuore. Proprio alla porta di questo Giubileo della Misericordia, che il nostro giubilo, la nostra gioia sia la grazia che il mondo ritrovi la capacità di piangere per i suoi crimini, per quello che fa con le guerre”.

vangelo di oggi

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

17 Commenti

Olga Maria il 20 Novembre 2015 alle 3:49 pm.

E il diritto di una paese alla proria difesa? ci vogliono sempre le armi… I trafficanti di armi salvano anche tante vite quando forniscono armi, per esempio al popolo vittima dello sterminio nazista in Ukraina attuato a mano del governo illegale – in questo caso i trafficanti d’armi sono benedetti perche’ difendono bambini, donne, anziani? Lo sterminio del popolo ” superfluo” in Ukrana non e’ stato portato a fondo proprio perche’ qualcuno ha fornito le armi al popolo completamente disarmato. Magari c’e’ senso parlare non di trafficanti di armi ma di ufficiali venditori e ufficiali finanziatori di guerre: il governa nazisto Ukraino e’ finanziato dall’UE, dalla Nato e dagli USA, le guerre in Medio Oriente sono tutte a mano degli USA/Nato, in Africa sempre Nato/USA s i questi casi i trafficanti d’armi che forniscono armi alle vittime indifese aggredite e sterminate dalle forze militari armate sono la benedizione del Signore per le vittime..

Rispondi

marco antonio andolfi il 20 Novembre 2015 alle 11:41 am.

certo che Gesù piange veramente ,perchè oltre che Dio,Spirito è anche uomo con tutti i sentimenti.piange a vedere le persone prostituirsi al male,prostituirsi al potere,prostituirsi al sesso,prostituirsi all’utile e al denaro.

Rispondi

Nella il 20 Novembre 2015 alle 10:32 am.

Quanto dolore per tutto il mondo ,quante famiglie soffrono per la morte dei loto cari. E siamo noi tutti colpevoli di tante sofferenze,con il nostro silezi ed ipocrisie,rimettiamo in croce chi a dato la vita per noi in rimessione dei nostri peccati:fino a quando uomini di poca fede. Quante volte dobbiamo ancora crocifiggere il nostro salvatore Gesù benedetto nei secoli.Attenzione uomini e donne la giustizia di Dio non sonnichia sta a guardare dove finisce tutto questo, per noi fedeli aspettiamo e temiamo il suo giudizio, ma per chi non lo temete guai a voi,il suo giudizio sarà molto duro, vi siete saziati del sangue innocente e di questo Dio vi ripoghera con lo stesso sangue che avete versato poveri voi ,Che Dio vi perdoni. Papa Francesco ti voglio bene Dio ti protegga dai tuoi nemici.

Rispondi

Santa Arre il 20 Novembre 2015 alle 9:59 am.

…se IL TESTO inviato non vi risulta…e credete che debba tornare a scriverlo, …mi dispongo allo STATO dell’Anima come EGLI VUOLE …!!!

Rispondi

Santa Arre il 20 Novembre 2015 alle 9:49 am.

…ho scritto un commento , spero sia pervenuto al Santo Padre…!!!

Rispondi

Rocco Messina il 20 Novembre 2015 alle 6:22 am.

Il nostro Dio, con qualunque nome lo si chiami, è più Grande e Misericordioso di quell’Allah che invocano i violenti, gli spietati e gli assassini dell’Isis. Ma ci sono anche assassinii culturali, che vengono perpetrati ogni giorno con la diffusione di falsità, mondanità e per sete senza limite di denaro. Per questi Gesù disse che era meglio, per chi li commetteva, legarsi una pietra da macina al collo e gettarsi in mare.

Rispondi

teodora il 19 Novembre 2015 alle 11:02 pm.

Nella realtà di caos generale che stiamo vivendo, Dio ci deve mostrare i percorsi e le modalità da seguire.
I soggetti inermi ed esposti devono essere tutelati. Di fronte al male devastante l’uomo in buona fede diventa impotente e facile bersaglio.
Penso particolarmente ai bambini che devono essere salvaguardati.

Rispondi

giovanna portanova il 19 Novembre 2015 alle 8:31 pm.

quanto pesano le lacrime degli innocenti ??quanto valgono le lacrime degli emarginati ?e guardando questo mondo attraverso le mie lacrime di mamma mi chiedo ..a che mi serve questo mio libero arbitrio se..ad ogni angolo c’è qualcuno ..qualcosa che mi priva della mia libertà di scelta ??Il Signore dei giusti degli innocenti non può lasciarci in balia di u n’umanità che non è più capace di distinguere il bene dal male …non possono essere sempre i più fragili ..i miti a soccombere …almeno per Natale ..Quel Bambinello dovrebbe intenerire quei cuori coriacei ..almeno a Natale

Rispondi

RENEE FABBIOCCHI il 19 Novembre 2015 alle 5:10 pm.

Manca l’Altezza Culturale ! Illustre Pontefice Vorrei aiutare almeno i Bambini e i Giovani a entrare nellhttp://kunst.creative.arte.tv/de/gallery/users/2351/renee-fabbi-occhi
nelle mie Ricerche di Armonia!

ho biSogno di uno Sponsor per la mia Scuola del Cuore vedi FB! Ne vale la Pena! Aiutatemi ad Aiutare

Rispondi

massimo il 19 Novembre 2015 alle 4:58 pm.

Viva Papa Francesco unica speranza di vera pace

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.