Portiamo a tutti speranza e consolazione, pace e carità

Portiamo a tutti speranza e consolazione, pace e carità

La riflessione all’ora dell’Angelus di oggi, domenica 3 luglio 2016, è stata dedicata da Papa Francesco ai missionari, sia quelli consacrati che quelli laici, sia quelli che vivono la propria missione nell’andare in terre lontane che i tanti “cristiani che diciamo una buona parola di salvezza”.

Il Vescovo di Roma, infatti, partendo dalle Letture del giorno, tratte dal capitolo decimo del Vangelo di Luca (vv. 1-12.17-20), ha sottolineato come “il dono che ci dà Gesù con lo Spirito Santo“, a tutti i battezzati e non solamente a coloro che hanno ricevuto l’Ordine sacro, è quello di mandarci in missione nel mondo, ad annunciare che “«È vicino a voi il Regno di Dio», perché Gesù ha “avvicinato” Dio a noi – ha spiegato Francesco – Dio si è fatto uno di noi; in Gesù, Dio regna in mezzo a noi, il suo amore misericordioso vince il peccato e la miseria umana“.

E questa è la Buona Notizia che gli “operai” devono portare a tutti” nella quotidianità di ogni giorno, perché, ha ulteriormente indicato il Papa, “il Regno di Dio si costruisce giorno per giorno“. Ogni cristiano, dunque, è chiamato a essere costruttore del Regno di Dio: “Non distruggere, ma costruire“.

Quella del cristiano nel mondo è una missione stupenda, è una missione destinata a tutti, è una missione di servizio, nessuno escluso – ha commentato Bergoglio – essa richiede tanta generosità e soprattutto lo sguardo e il cuore rivolti in alto, per invocare l’aiuto del Signore. C’è tanto bisogno di cristiani che testimoniano con gioia il Vangelo nella vita di ogni giorno“.

Non è certo una missione semplice, chiaro, come Gesù stesso ha detto “«Vi mando come agnelli in mezzo a lupi». Chiarissimo. L’ostilità è sempre all’inizio delle persecuzioni dei cristiani; perché Gesù sa che la missione è ostacolata dall’opera del maligno“. Ma in questa sfida costante abbiamo al nostro fianco l’arma più potente, la “potenza della Croce di Cristo“. Cosa vuol dire affidarsi alla potenza della Croce di Cristo? “Questo significa abbandonare ogni motivo di vanto personale, di carrierismo o fame di potere, e farsi umilmente strumenti della salvezza operata dal sacrificio di Gesù“.

Infine, il Santo Padre ha invitato a riflettere su come termina il racconto evangelico del giorno: «tornarono pieni di gioia». Quando noi ci rendiamo missionari e portiamo l’annuncio del Regno, “il cuore si riempie di gioia. E questa espressione mi fa pensare a quanto la Chiesa gioisce, si rallegra quando i suoi figli ricevono la Buona Notizia grazie alla dedizione di tanti uomini e donne che quotidianamente annunciano il Vangelo: sacerdoti – quei bravi parroci che tutti conosciamo -, suore, consacrate, missionarie, missionari… – ha dunque concluso Papa Francesco – E mi domando – sentite la domanda -: quanti di voi giovani che adesso siete presenti oggi nella piazza, sentono la chiamata del Signore a seguirlo? Non abbiate paura! Siate coraggiosi e portare agli altri questa fiaccola dello zelo apostolico che ci è stata data da questi esemplari discepoli“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

4 Commenti

samuele il 14 Settembre 2016 alle 12:24 am.

Sto provando in tutti i modi a portare il Vangelo sul posto di lavoro, ma i risultati appaiono scarsi. Ho rinunciato alla carriera, ma non mi vuole sentire nessuno perché i colleghi devono pensare per forza agli aumenti di stipendio con i quali si devono comprare i cellullari e le borse firmate. Non so se tornerò pieno di Gioia come dice il Signore, tutto può succedere se Dio vuole, ma dentro di me ho perso la speranza.

Rispondi

patrizia albanese il 5 Luglio 2016 alle 10:49 am.

SI SEGUIRE IL SIGNORE VUOL DIRE ANCHE ESSERE SEMPLICI STARE IN PACE SIGNIFICA AMARE TUTTI , SIGNORE FAI CHE IO POSSA AMARE PERDONARE E SEGUIRTI SEMPRE

Rispondi

attilio il 4 Luglio 2016 alle 10:42 am.

Buona settimana, Papa Francesco, la speranza di un cambiamento, sara cinque stelle?
Ho forse sara Germania, ha cambiare, il nostro futuro, con + basi, sicurezza, salute, direttive, equilibrio, amore, sesso, vita, famiglia, spinta, fede, futuro!!!

Rispondi

Ivana Barbonetti il 4 Luglio 2016 alle 6:36 am.

Preghiamo che lo Spirito Santo mandi spirito di fortezza, di coraggio, a tutti ma in modo particolare ai giovani , per legge di natura iniziano il cammino che noi iniziammo, preghiamo di essere stati dei buoni “precursori” vivendo con coerenza gli insegnamenti evangelici, loro sono il “risultato” del nostro esempio.——Ivana Barbonetti.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.