Siamo figli della Chiesa e la Madre Chiesa ci santifica, col suo amore

Siamo figli della Chiesa e la Madre Chiesa ci santifica, col suo amore

Come è possibile che la Chiesa sia Santa quando a comporla siamo noi, che siamo tutti peccatori? È questa la questione che Papa Francesco ha trattato stamane, venerdì 9 maggio 2014, nel corso dell’omelia in Casa Santa Marta.

La Chiesa, spiega il Pontefice, “è la sposa di Gesù Cristo e Lui la ama” ed è proprio grazie a questo immenso amore che “Lui la santifica“. Ma come Gesù santifica la Chiesa, continua Bergoglo: “la santifica ogni giorno col suo sacrificio eucaristico, perché la ama tanto“. È questo che permette questo apparente controsenso, ovvero che “noi siamo peccatori, ma lei è santa“.

Anzi, continua a spiegare il Vescovo di Roma, noi beneficiamo di questa opera di santificazione di Gesù: infatti “anche noi ci santifichiamo con questa appartenenza alla Chiesa… con i Sacramenti del suo Sposo“.

Tutti siamo santificati, anche se tra noi “il Signore sceglie alcune persone per far vedere meglio la santità” e questi sono quelli che chiamiamo Santi, e che la Chiesa identifica come esempi di vita, come persone che hanno camminato sulle orme di Gesù. Ma il fatto che il Signore scelga i Santi serve anche a “far vedere che è Lui che santifica, che nessuno santifica se stesso, che non c’è un corso per diventare santo…la santità è un dono di Gesù“.

E cosa hanno di comune tutti i grandi Santi, riflette il Pontefice: il diminuirsi, il farsi piccoli, il lasciarsi diminuire fino all’umiliazione. Pensiamo a San Paolo “il grande, quello che era andato in tutto il mondo, …finisce la sua vita…una mattina sono andati da lui 3-4-5 soldati, lo hanno portato via e gli hanno tagliato la testa. Semplicemente!

Così anche Giovanni Paolo II “il grande guerriero di Dio, il grande atleta di Dio finisce così: annientato dalla malattia, umiliato come Gesù. – conclude Papa Francesco – Questo è il percorso della santità dei grandi. Anche è il percorso della nostra santità“: lasciare che Gesù cresca nei nostri cuori per diminuire noi stessi.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

7 Commenti

FILIPPO il 10 Maggio 2014 alle 2:54 pm.

La presenza dei santi rappresenta la follia che Dio ha per l’umanita.

Rispondi

FILIPPO il 10 Maggio 2014 alle 2:54 pm.

La presenza dei santi rappresenta la follia che Dio ha per l’umanita.

Rispondi

olivia.nasoni il 10 Maggio 2014 alle 12:32 pm.

GIOVANNI7,50 “mai un uomo ha parlato come parla QUEST’UOMO!”—————————-QUESTO PIANETA CORRE GROSSI RISCHI,E’ L’ UMANITA’ STESSA A PROCURARLI. . .IL CIELO CONTINUA A GUARDARE. . .MA PER QUANTO ANCORA?

Rispondi

olivia.nasoni il 10 Maggio 2014 alle 4:01 am.

CONOSCI LE LEGGI DEL MONDO E INSEGNAMI A TENERNE CONTO,IO AVRO’ CURA DI TE, MA E’ PIU’ DIFFICILE CURARE ME. . .ANCHE SE A VOLTE BASTA VIVERE CON AMORE!

Rispondi

cristina il 9 Maggio 2014 alle 11:06 pm.

yo santo padre le doy gracias a DIO por hace 20 año me sostiene mi pobre columna.gracias por los mensaje que da es una muy buena enseñansa para todos. dios lo vendiga y seguire rezando por usted papa Francisco

Rispondi

Vincenza il 9 Maggio 2014 alle 10:35 pm.

Grazie Papa Francesco per il dono di questa riflessione che ci aiuta a meditare!

Rispondi

Vincenza il 9 Maggio 2014 alle 10:34 pm.

Grazie papa Francesco per il dono di questa riflessione!

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.