A volte dimentichiamo la Parola di Dio e prendiamo la parola di moda

A volte dimentichiamo la Parola di Dio e prendiamo la parola di moda

Nella vita dobbiamo resistere alla tentazione di “venderla per andare verso una uniformità mondana“. E’ stato questo il tema della riflessione mattutina in Santa Marta di Papa Francesco, nella giornata di oggi sabato 17 gennaio 2014.

Il dono di essere figli di Dio, ha infatti precisato il Pontefice, non è un qualcosa che  si può vendere nel tentativo di uniformarsi ad una normalità proposta dal pensiero unico il cui scopo è quello di indurre a dimenticare la Parola del Signore e a vivere come se Dio non esistesse.

Tante volte, dimentichiamo la Parola di Dio, quello che ci dice il Signore – ha commentato il Vescovo di Roma – e prendiamo la parola di moda, no?, …, prendiamo quella, è più divertente!“. Si tratta della tentazione di voler seguire la parola della propria voglia, quella dettata dalle mode del momento, quella che ci insegna la via più semplice, quella che non va contro corrente.

Così facendo, proprio per non porci contro la corrente delle mode e dello spirito di questo mondo, finiamo con il vendere la nostra fede esattamente come fece più volte il popolo ebreo nell’Antico Testamento, come descrive la prima lettura del giorno laddove nel voler scegliere di auto-governarsi come tutti i popoli della terra “il popolo rigetta Dio: non solo non sente la Parola di Dio, ma la rigetta“.

È vero che il cristiano deve essere normale, come sono normali le persone“, conclude quindi il Pontefice “ma ci sono valori che il cristiano non può prendere per sé“. Dobbiamo chiedere la grazia al Signore di riuscire a superare i nostri egoismi: in particolare quello di voler fare come vogliamo noi dimenticando la Parola di Dio.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

10 Commenti

luca coscione il 4 Febbraio 2014 alle 9:11 pm.

la parola di dio ,non passa mai moda,altre cose e parole sono tutte cavolate .

Rispondi

Maria Grazia Panella il 5 Febbraio 2014 alle 2:05 am.

La parola di Dio è l’essenza del nostro vivere è la nostra gioia di vivere.
La maggior parte degli umani ha scelto però una parola che non gli permette di affrancarsi dalla bestia : ingordigia. Questa gli fa vendere tutto: i fligli, la moglie ed anche la propria coscienza.
Peccato!

Rispondi

Maria Grazia Panella il 20 Gennaio 2014 alle 9:02 pm.

Le parole del Papa mi aiutano ad aprire gli occhi, a vedere che spesso
scelgo un viottolo scosceso che mi allontana dalla via maestra.
Ringrazio Gesù .

Rispondi

ALFONSO PACILIO il 19 Gennaio 2014 alle 6:35 pm.

anche dopo una preghiera di gruppo aprire la SANTA BIBBIA e leggere la parola che ci viene data è una cosa meravigliosa

Rispondi

elsa antonuzzi il 18 Gennaio 2014 alle 6:55 pm.

noi non ascoltiamo ciò che ci dice il vangelo ,noi vogliamo essere il vangelo.

Rispondi

ernesta il 18 Gennaio 2014 alle 2:21 pm.

resistere alle tentazioni, questo e’ il difficile. saper perdonare, a volte e’ difficile.

Rispondi

Pierluigi il 18 Gennaio 2014 alle 12:25 am.

Mi benedica caro papa e preghi per me perché la mia famiglia si ricomponga all’insegna dell’amore della pace in questo momento difficile.
Che il buon Dio ascolti la mia parola e supplica,mi affido alle mani di nostro Signore Gesù

Rispondi

paolo miotti il 17 Gennaio 2014 alle 7:57 pm.

caro Francesco… mi piace ascoltarla… il suo parlare semplice ma profondo penetra nel cuore e germoglia…..
(qualcuno sta mettendo insieme tutte le sue omelie e discorsi per farne un bel libro ?)

Rispondi

ALFONSO PACILIO il 17 Gennaio 2014 alle 7:21 pm.

DIO Padre Onnipotente ti ringrazio per avermi donato la vita perdonami se a volte mi dimentico di Te però devi sapere che solo tu sei il mio SIGNORE

Rispondi

ALFONSO PACILIO il 19 Gennaio 2014 alle 6:25 pm.

Santo Padre le tue parole sono come bombe che colpiscono il profondo del cuore ringrazio DIO per averci donato un papa vero

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.