Aprire le porte delle chiese significa anche aprirle su Internet

Aprire le porte delle chiese significa anche aprirle su Internet

Internet può offrire maggiori possibilità di incontro” ha affermato il Papa Francesco nel messaggio per la XLVIII Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali “e di solidarietà tra tutti e questa è una cosa buona, è un dono di Dio“.

La bontà di internet, così come dei nuovi media, va però analizzata più nel dettaglio. Infatti il Pontefice ha ammesso che “esistono però aspetti problematici” e tra questo il principale è determinato dal fatto che “la velocità dell’informazione supera la nostra capacità di riflessione e giudizio“.

Il risultato che si ottiene è che l’eccessiva velocità “non permette un’espressione di sé misurata e corretta“. Il rischio è che la sovrabbondanza di informazioni di cui disponiamo ci porti a attingere unicamente alle fonti che ci interessano o che dicono quello che noi vogliamo sentirci dire, o che “corrispondono solo alle nostre attese e alle nostre idee, o anche a determinati interessi politici ed economici“.

L’eccessiva apertura diventa quindi fonte di una chiusura: “L’ambiente comunicativo può aiutarci a crescere o, al contrario, a disorientarci – ha affermato Bergoglio – Il desiderio di connessione digitale può finire per isolarci dal nostro prossimo, da chi ci sta più vicino“.

Va poi detto che internet genera una nuova forma di esclusione: “chi, per diversi motivi, non ha accesso ai media sociali, rischia di essere escluso“, di rimanere in disparte. Tutto questo non giustifica “un rifiuto dei media sociali” ma ci ricorda che “la comunicazione è, in definitiva, una conquista più umana che tecnologica“.

Papa Francesco ha quindi posto due domande fondamentali sulle quali riflettere per un corretto sviluppo umano delle comunicazioni sociali: “cosa ci aiuta nell’ambiente digitale a crescere in umanità e nella comprensione reciproca?

Dobbiamo recuperare il senso dell’ascolto ma anche il “senso di lentezza e di calma“. Per capire veramente gli altri dobbiamo imparare “a guardare il mondo con occhi diversi e ad apprezzare l’esperienza umana come si manifesta nelle varie culture e tradizioni“. La via per questo è l’ascolto poiché la persona esprime pienamente se stessa non quando è semplicemente tollerata, ma quando sa di essere davvero accolta“.

Con la seconda domanda il Pontefice ha invece chiesto “come allora la comunicazione può essere a servizio di un’autentica cultura dell’incontro?

Non basta passare lungo le “strade” digitali, cioè semplicemente essere connessi – ha spiegato Papa Francesco – occorre che la connessione sia accompagnata dall’incontro vero“. Anche in internet poiché “la rete digitale può essere un luogo ricco di umanità – ha continuato il Vescovo di Roma – non una rete di fili ma di persone umane“.

La rete è fatta di strade “affollate di umanità, spesso ferita: uomini e donne che cercano una salvezza o una speranza“. È infatti sempre più evidente, a poco a poco che la velocità della comunicazione apre scenari di esclusione, che “non possiamo vivere da soli, rinchiusi in noi stessi. Abbiamo bisogno di amare ed essere amati. Abbiamo bisogno di tenerezza“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

7 Commenti

Antoinette Falciani il 18 Ottobre 2014 alle 11:22 pm.

Please Father pray for me and all the sick people around the world. Pray that the Lord gives us the strength to go on!
Papa Francesco you are an inspiration to all of us to do better as Christians! You hug the children, the elderly and most of all the sick! We are proud to have you as our Pope! God bless!

Rispondi

Gennaro il 23 Aprile 2014 alle 7:45 pm.

Lei ha detto ai giovani: non lasciatevi rubare la Speranza e a me che non sono adulto mi hanno rubato la Speranza quando ero giovane. Ci sono state delle persone che mi hanno insegnato le malizie del mondo, quando era troppo giovane per capire quelle cose. A quei tempi ero solo un adolescente ma adesso che sono adulto ho capito le malizie che mi hanno insegnato da ragazzo per farmi perdere la Speranza, sono le stesse malizie che vedo tutti i giorni in televisione, in radio, su internet e sui giornali (tg, rg, quotidiani, tabloid, cronaca, dibattiti, talk show, reality show, spot pubblicitari, film, fiction, sceneggiati, soap opere, trasmissioni comiche e moltissimo altro). Molto spesso i particolari delle malizie delle quali ci parlano i mass media, vengono riprodotte su scala mondiale in modo tale che noi percepiamo la cattiveria anche dove la cattiveria non c’è. Questo è quello che penso, ma non sono del tutto convinto di quello che scrivo, perché è molto probabile che mi sbaglio…

In ogni caso gli argomenti (e soprattutto gli argomenti falsi) che hanno usato alcuni per farmi perdere la Speranza quando ero ragazzo, sono gli stessi che vedo tutti i giorni attraverso i media.

Rispondi

CECILIA il 27 Gennaio 2014 alle 11:11 pm.

GRAZIE A TUTTI E DUE I PAPI UNO PREGA XTUTTI UNO PARLA AI CUORI DI TUTTI IO RINGRAZIO PERCHè ORA MI SEMBRA DI CAPIRE DI PIù COSA VUOL DIRE GESù

Rispondi

Luciano il 27 Gennaio 2014 alle 5:15 pm.

padre santo,è l’unica volta che non mi sento di darle ragione.mi scusi, ma il mio lavoro mi porta a toccare con mano ogni giorno i disastri che crea internet .
Quante famiglie sono state distrutte, quanti ragazzi sono stati adescati, quanti si sono suicidati seguendo i consigli di internet?
A mio parere i danni sono superiori ai benefici…purtroppo

Rispondi

maria il 27 Gennaio 2014 alle 1:46 pm.

Per Papa Francesco un grazie di cuore per tutto l’Amore che ci sta donando la mia preghiera è per lui…un abbraccio papa Francesco

Rispondi

damiano il 25 Gennaio 2014 alle 7:41 pm.

and god bless all of us

Rispondi

damiano il 25 Gennaio 2014 alle 7:40 pm.

Grazie Santo Padre

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.