Come il Padre sposò il Popolo di Israele, così Cristo sposò il suo popolo

Come il Padre sposò il Popolo di Israele, Cristo sposo il suo popolo

Il matrimonio, non solo quello tra due coniugi ma soprattutto quello tra Cristo e la Chiesa, è stato al centro della riflessione mattutina di Papa Francesco, nella Messa celebrata a Casa Santa Marta oggi 28 febbraio 2014.

Troppe volte, ha detto Papa Francesco, nel pensare al matrimonio, nel parlare del matrimonio cadiamo nella casistica. Questa però, confessa il Pontefice, è una vera e propria “trappola” poiché “dietro la casistica, dietro il pensiero casistico, sempre c’è una trappola“.

E anche nelle Letture vediamo questa trappola, quando chiedono a Gesù “‘Ma è lecito fare questo? Ripudiare la propria moglie?’” Proprio dalla risposta di Gesù, però, dobbiamo imparare come porci: Gesù “dalla casistica va al centro del problema e qui va proprio ai giorni della Creazione”.

Papa Francesco, sull’esempio di Gesù, invita ad allargare l’orizzonte, ad elevarsi al di sopra del caso concreto o della singola problematica scoprendo così il matrimonio non è solo l’unione in una sola carne di un uomo e una donna ma anche icona dell’unione tra Cristo e la Chiesa.

Cristo è sposato, Cristo era sposato, aveva sposato la Chiesa, il suo popolo” spiega il Vescovo di Roma “Come il Padre aveva sposato il Popolo di Israele, Cristo sposò il suo popolo“. E questa storia di amore tra Dio e il Popolo di Dio inizia proprio con la creazione.

Per questo la casistica crea tanto dolore nel matrimonio, perché si finisce con il condannare quegli episodi “quando questo lasciare il padre e la madre e unirsi a una donna, farsi una sola carne e andare avanti e questo amore fallisce“.

In questi casi dobbiamo essere vicini a queste persone, ha concluso Papa Francesco, camminare insieme a loro con il loro dolore e non condannarli. L’imperativo deve essere quello di “camminare con loro! E non fare casistica con la loro situazione“.

Anzi questi fallimenti devono essere di monito per la Chiesa a vigilare affinché non fallisca l’Amore sponsale per eccellenza: quello di Cristo con la Chiesa, con tutti noi; “non si può capire Cristo senza la Chiesa – ha ribadito Papa Francesco – e non si può capire la Chiesa senza Cristo. Questo è il grande mistero del capolavoro della Creazione‘.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

12 Commenti

Carmine il 1 Marzo 2014 alle 2:00 pm.

Sono un uomo adulto ma nonostate si vede a occhio nudo che sono una persona affidabile, sono sempre stato rifiutato dal femminile che al posto di mirare su di me ha preferito mirare alla buona professione, al successo personale, al marito con i soldi e non mi ha tenuto in considerazione soprattutto perché dopo tutto quello che aveva fatto con gli altri uomini non si sentiva degna di fidanzarsi con me. C’è troppa leggerezza su questo argomento, se ne parla troppo, se ne parla troppo bene, si dice che è una cosa normale e sopratutto nessuno dice la verità in merito.

Rispondi

Maria Grazia Panella il 4 Marzo 2014 alle 5:48 pm.

Hai fatto una analitica introspezione di come sei veramente? C’è troppa negatività verso gli altri nel tuo parlare. Le donne della preistoria sceglievano il loro uomo ”a fiuto” , riconoscendo subito quello che era da prendere in considerazione quello che invece doveva essere respinto: il procedimento è ancora valido malgrado tutto.
Prova a pensare diversamente. Vedo tante brave ragazze scegliere dei ragazzi che possono offrire solo il loro buon carattere, la loro simpatia, il loro amore senza business.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.