Cristo è rimasto sulla croce per salvarci

Cristo è rimasto sulla croce per salvarci

Gesù ci è sempre accanto, anche e soprattutto nei momenti più difficili della nostra vita. Così Papa Francesco, durante l’Udienza Generale di oggi, ha invitato a guardare la crocifissione dal punto di vista dei malfattori, condannati assieme a Gesù. Nel rimanere sulla croce “senza far nulla per salvarsi”, Dio si manifesta vicino ai peccatori per offrire la salvezza.

Le parole di Gesù sulla croce trovato il loro culmine nel perdono. L’evangelista Luca, infatti, racconta come i due malfattori crocifissi con Gesù si rivolgono a Lui con atteggiamenti diversi.

Il primo, dominato dall’angoscia che ciascun uomo prova prima della morte, lo insulta e non capisce come, essendo il Messia, possa rimanere in croce. Ma è proprio rimanendo e morendo sulla croce che Gesù ci salva, dando così testimonianza che la salvezza di Dio può raggiungere tutti gli uomini, anche nelle situazioni più estreme.

Il secondo malfattore, invece, mosso dal timore di Dio, riconosce il suo peccato, e confessa la sua colpa con assoluta fiducia nella bontà infinita e nella misericordia di Gesù. Gesù è proprio lì per essergli vicino, per andare a soddisfare l’esigenza di ogni uomo di non essere abbandonato, e  gli promette che oggi sarà con Lui in paradiso.

Così, nell’ora della Croce, Gesù rivela il compimento della sua missione di salvare i peccatori. Dall’inizio alla fine della sua vita, Gesù si è rivelato Misericordia, incarnazione definitiva e irripetibile dell’amore del Padre.

In questo Anno Giubilare della Misericordia vi invito ad avvicinarvi al Signore Gesù morto sulla croce per ciascuno di noi. – ha dunque concluso Papa Francesco nei saluti – Chiediamogli perdono per i nostri sbagli e la forza di ripartire abitati da una vita nuova. Dio vi benedica!

Queridos hermanos y hermanas:

Las palabras de Jesús en la cruz encuentran su culmen en el perdón. El evangelista san Lucas narra como los dos ladrones que fueron crucificados junto a Jesús se dirigen a él con actitudes distintas.

El primero, llevado por la angustia del hombre ante la muerte, lo insulta y no comprende que, siendo el Mesías, pueda quedarse en la cruz. Pero es precisamente quedándose y muriendo en la cruz donde Cristo nos salva, dando testimonio de que la salvación de Dios puede llegar a todos los hombres hasta en las situaciones más extremas.

El segundo ladrón, movido por el temor del Señor, reconoce su pecado, y confiesa su culpa con absoluta confianza en la infinita bondad y misericordia de Jesús. Jesús está precisamente allí para estar cerca, para salir al encuentro de la necesidad que tiene todo hombre de no ser abandonado, y le promete que hoy estará con él en el paraíso.

De este modo, en la hora de la Cruz, Jesús revela el cumplimiento de su misión de salvar a los pecadores. Desde el inicio hasta el final de su vida, Jesús se ha revelado Misericordia, encarnación definitiva e irrepetible del amor del Padre.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

Romualdo Magno il 6 Ottobre 2016 alle 4:20 pm.

UNA PRECISAZIONE:
Nel mio scritto “PERCHE’ GESU’, IL DIO INCARNATO, CI HA FATTO DONO DELLA SUA VITA ACCETTANDO LA SUA CROCIFISSIONE” quando scrivo “…..liberarci da ogni forma di schiavitù, anche da quella voluta dalle varie religioni, nei confronti dello stesso Dio.” ovviamente è da intendersi quel DIO che non è AMORE , ma è soltanto la rappresentazione delle aspirazioni degli uomini , in sintesi, il “DIO MAMMONA” e quindi non vuole certamente il BENE DELL’UOMO.

Rispondi

Romualdo Magno il 6 Ottobre 2016 alle 4:09 pm.

PERCHE’ GESU’, IL DIO INCARNATO, CI HA FATTO DONO DELLA SUA VITA ACCETTANDO LA SUA CROCIFISSIONE
(di Romualdo Magno)
La grandezza di nostro Padre Gesù, il Dio incarnato, e la dimostrazione del Suo grande incondizionato Amore sta proprio in questa Sua accettazione del supplizio della Croce e cioè provare Lui stesso la sofferenza umana e dimostrarci con la Sua risurrezione che l’Amore e più forte di ogni cosa anche della morte e quindi liberarci da ogni forma di schiavitù, anche da quella voluta dalle varie religioni, nei confronti dello stesso Dio.
Gesù liberandoci anche dalla paura della morte, ci ha reso uomini liberi in grado, attraverso l’estrinsecazione del Suo e del nostro Amore, di lottare per difendere gli oppressi e cercare di eliminare ogni forma di ingiustizia umana anche a costo del sacrificio della propria Vita.

Condivisione: 1

Rispondi

Maria Giulia il 29 Settembre 2016 alle 10:11 pm.

Vero Santo Padre, Cristo è stato crocifisso per salvarci…..da chi? Dai giudici rotali corrotti come A.T. ?
Ma ho i miei dubbi che le mie numerose lettere che le ho inviato le siano pervenute…..
Mi permetta di abbracciarla fraternamente.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.