E’ difficile non fuggire dalla Croce che Gesù ci promette

non fuggireIn molti leggendo le parole di Papa Francesco riportate ieri avranno pensato che non è mica poi tanto facile portare con pazienza e gioia le umiliazioni. Ebbene pensate, ci dice oggi il Pontefice che è proprio così: neppure per i discepoli fu facile, ma soprattutto neppure per Gesù fu facile.

Nel commento al Vangelo, durante la messa quotidiana in Santa Marta, Papa Francesco affronta il tema della difficoltà per gli stessi Apostoli nell’accettare il cammino di Gesù: essi si aspettavano un futuro trionfante, come del resto chiunque si sarebbe atteso per il Figlio di Dio.

Invece la realtà, a cui Gesù più volte fa riferimento nel corso della sua vita è ben altra: l’attesa è per l’umiliazione più grande, la morte in croce. E’ questa una realtà che gelava i suoi discepoli che per lo più preferivano non capire piuttosto che capire cose che non volevano accettare. E così finivano pure per evitare di domandare ulteriori spiegazioni in merito.

Quanto ci fa notare Papa Francesco ricalca il vissuto di ogni persona: tante volte si preferisce non sentire, fingere di non capire piuttosto che accettare realtà amare.

Il Pontefice però prosegue oltre nella sua riflessione giungendo a dirci che “ Ma non solo i discepoli, non solo Pietro, lo stesso Gesù aveva paura della Croce!” Tuttavia mentre i discepoli potevano far finta di non capire, Gesù sapeva benissimo: “Lui non poteva ingannarsi, Lui sapeva.”

Ecco dunque che Papa Francesco ci parla di un Gesù profondamente umano che teme il suo destino, che ha paura della Croce sino a sudare sangue nella sera del giovedì antecedente la Sua crocefissione.

La differenza tuttavia tra Gesù e i discepoli, pur entrambi provando paura, non risiede nel fatto che Gesù sapesse la verità ma nel fatto che Gesù accetta la volontà del Padre: “Padre, toglimi questo calice. Si faccia la tua volontà!’.”

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

6 Commenti

Anna Bruni il 13 Novembre 2014 alle 9:24 pm.

Dobbiamo portare la nostra croce per guadagnarci il Paradiso come Gesù ci ha promesso.

Rispondi

Nicola Antonio de Liso il 30 Settembre 2013 alle 12:50 pm.

Gesù Cristo, dichiaratosi Messia e quindi il Figlio dell’Uomo che siede alla destra di Dio, e quindi condannato dagli ebrei scandalizzati, non poteva essere il vero Messia, in quanto il vero Messia, secondo la mentalità giudaica del I° secolo dopo Cristo, doveva non solo liberare Israele dagli occupanti romani, ma anche eliminare sulla faccia della terra la morte, il peccato, le malattie, cosa che non fece; anzi ognuna delle categorie citate aumentò considerevolmente dopo la morte di Gesù il Venerdì 7 aprile 30 d.C. Probabilmente la salma di Gesù venne trasferita di notte nei sotterranei del Tempio di Gerusalemme alle ore 3 di Domenica 9 aprile 30 d.C., da parte di Claudia Procula, moglie di Pilato, aiutata da servi e serve fidate. Un’urna di granito contenente le ossa di Gesù venne scoperta nel 1115 da parte dei cavalieri templari e portata in Francia nel 1119 circa, e poi portata in Italia.
Nicola Antonio de Liso Torino 30 settembre 2013
nicolaantonio.deliso@beniculturali.it
cell. 3450041888

Rispondi

vera martignone il 30 Settembre 2013 alle 9:18 am.

In questo mondo ognuno di noi ha la sua croce, più o meno pesante che sia, ma ce l’ha. Non bisogna mai piangersi addosso perché non servirebbe a nulla, anzi appesantirebbe ancor più la sofferenza. E’ sempre necessaria la forza per confidare in Dio, chiederGli aiuto sempre, perché Lui solo ci può aiutare a superare le situazioni più difficili! Gloria a Te o Signore, nell’Alto dei Cieli!.
Un caro saluto a Papa Francesco, il nostro Papa ADORABILE! Buona giornata.

Rispondi

luigi il 29 Settembre 2013 alle 8:10 pm.

La paura di Gesù mi da la forza di continuare giorno per giorno a cercare la sua presenza la dove la vita mi conduce

Rispondi

rosanna il 29 Settembre 2013 alle 10:51 am.

esatto

Rispondi

laura il 29 Settembre 2013 alle 6:29 am.

il vissuto dlla persona è importante perche’ ti fa capire come ogni giorno la sappiamo portare!Signore donami la forza di portare la mia croce ogni giorno!

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.