I sogni degli anziani sono fonte di ispirazione per i giovani

I sogni degli anziani sono fonte di ispirazione per i giovani

Papa Francesco, in una lettera indirizzata al presidente della Conferenza episcopale argentina,  mons. José Maria Arancedo, resa pubblica oggi dalla Sala Stampa Vaticana, e scritta in occasione della festa dei 200 anni dell’indipendenza argentina, manifesta la propria vicinanza prima di tutto “a coloro che più soffrono“.

Questi, sottolinea Francesco, sono “i figli più trafitti della patria“, indicando, nel proseguo della lettera come l’uso del termine figli non sia casuale, visto che la patria è una madre. E, del resto, come la propria madre biologica, neppure la patria si può vendere né tantomeno la si vende.

Ecco dunque, che il primo pensiero del Pontefice è quello di assicurare la propria vicinanza ai “malati, quelli che vivono nell’indigenza, i carcerati, coloro che si sentono soli, quelli che non hanno lavoro e patiscono ogni tipo di bisogno, coloro che sono o sono stati vittime della tratta, del traffico di esseri umani e dello sfruttamento di persone, i minori vittime di abuso e tanti giovani che soffrono che soffrono a causa della piaga della droga“.

Quindi l’orizzonte del Santo Padre si è allargato, includendo, gli anziani, necessari per il paese in quanto dotati della “memoria della storia“: a questi Bergoglio chiede il coraggio di sognare, di continuare a sognare, “superando questa “cultura dello scarto” che a livello mondiale ci viene imposta“. Il sogno, infatti, a cui guarda Bergoglio, è quello di una “Patria Grande, quella che sognarono San Martín e Bolívar“.

Ai giovani, inoltre, il Papa chiede “di non mettere in pensione la loro esistenza nell’immobilismo burocratico nel quale vengono accantonate tante proposte, carenti di illusioni ed eroismo“. Anziani e giovani, memoria e futuro servono uno all’altro: “abbiamo bisogno dei loro sogni” degli anziani, in quanto questi sono “fonte di ispirazione” per i giovani. E al contempo abbiamo bisogno del dinamismo dei giovani perché gli anziani continuino a sognare.

Per questo grande sogno, questa realtà che “ci unisce in una famiglia di ampi orizzonti e lealtà fraterna. Per questa Patria Grande“, ha dunque espresso il Pontefice, “preghiamo anche oggi nella nostra celebrazione: che il Signore la custodisca, la renda più forte, più fraterna e la difenda da ogni tipo di colonizzazione“.

Con tali auguri, esprimo a tutti gli argentini la mia vicinanza e la certezza della mia preghiera“, ha concluso Francesco, “Chiedo a Dio, nostro Padre e Signore, che benedica la nostra Patria, benedica tutti noi; e alla Vergine di Luján che, come madre, ci custodisca nel nostro cammino. E, per favore, non ti dimenticare di pregare per me“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

5 Commenti

Isabella il 9 Luglio 2016 alle 11:05 pm.

***!!!!grazie….Mi ha dato,mi ha consolato rileggere della profezia di Gioele..Il sabato,mi serve un aiuto emotivo in piu’,perche’ generalmente lo passo chiusa,e il Cielo lo sa e,stasera addirittura mi ha voluto sorprendere,almeno io l’ho vissuto cosi’,con una mossa vincente con me. E’ che amo enormemente i suoni della natura,quasi piu’ dell’arpa che sto ascoltando adesso alla radio(dev’essere una sinfonia di Mahler…)e come dicevo,all’improvviso in orario sballato e col buio,per la prima volta quest’estate,si sono messe a cantare le cicale!…Una delle “carezze”famose,di cui hai detto cosi’ bene tu*Io adoro i rumori,che per me sono suoni, della natura. Quando ho letto Laudato si’,e’ stato come se qualcuno,tu,mi avesse dato un pugno allo stomaco ahah,bello pero’ !Anche troppo. Mi manca enormemente il contatto con la natura,ma ringrazio DIO di avermi dato una sensibilita’ alta per goderne,tanto che,alla minima occasione sono come ..un cane da tartufo!! Un altro po’ e sto agli ultrasuoni e agli ultravioletti,insomma,frequento volentieri le alte frequenze….Scrivo scemenze,ma ti voglio parlare,e’ un contatto,e faccio come gli indiani d’america,con i segnali di fumo ti dico che esisto….Quante parole per dirti : ciao!
Isabella

Rispondi

Borel Fasanella il 9 Luglio 2016 alle 6:48 pm.

Buona& molto Benedetta serà:

Grazie dal nome Divino de Dio per cueste pensieri che invita a tutti noi habete del Amore per tutti l’ anziani .

Anche cuesto che a scrito Sua Santità Il Caro Papa Francesco I , per cuelle tutte LE Sue parole verso l’Argentina,per che oggi 9 Giuglio Si celebra il 200 Centenario de la Loro festa patria,Di cuelle Bello paese.

Saluti pieno d’amiceza fraternale,Ogni giorni preghiendo per Il tenero ,gentile Papa FrancescoI, & per tutti me cari Fratello & Sorelle ,sopra tutto per la gente malatta,poveri & cuelle chi anno molte bisogno AMÈN!

Rispondi

Isabella il 9 Luglio 2016 alle 1:02 pm.

***Buon pranzo?!!Buon tutto***E’ proprio vero,che ognuno da’ cio’ che ha,e un dare vero e’ solo con l’anima..e dall’anima esce solo se prova gioia nel darsi….cioe’…l’anima non fa finta,il cervello si’!Granitica mia convinzione!!ahah! Io non faccio giochini di parole,per fare l’interessante,mai,e’ il mio solito filo,che tiro e che ho sempre in mano,o meglio,che mi ritrovo fra le mani per Divina Provvidenza! E’ che Lei,la provvidenza, vuole che io capisca tutto quello che posso. E posso se cresco nell’amare…se smetto di amare e mi chiudo,non smetto di capire,perche’ DIO “ha dato e non si e’ pentito”,ma capisco meno,molto meno. Tutte queste parole…quando si sta di fronte ci si spiega con uno sguardo,un sorriso,una risata fatta bene,dandosi la mano,..in silenzio poi,mi sa che e’ il massimo,e’lui il grande chiacchierone. Basta,dopo tutte queste parole di niente,ti dico,mangia e bevi gioia,vita,quello che ti mando senza scriverlo.
Buon pomeriggio,DIO e’ con te*******************************
Isabella

Rispondi

Celia Iniesta il 9 Luglio 2016 alle 11:04 am.

Buenos días, Padre.

Bendita la luz de Dios que alumbra mi camino, regalándome su alegría para que sea compartida, con aquellos que más la necesitan.

Bendito sea Papa Francisco , que Dios le envíe a su espíritu la fuerza necesaria. La armonía divina que existe en su alma misericordiosa se siente por aquellos que lo admiran, lo siguen , y aprenden de sus palabras . Yo le aseguro que tiene usted a Dios muy contento. ¿ Por qué ? Pues es sencillo como la verdad de Dios; Cuando una persona hace Todo, da Todo, por la causa de Dios, El Espíritu Santo lo llena de gracia divina , lo protege y lo protegerá hasta el día en el que Dios lo recibirá allá en su reino. Porque Dios nos espera, a aquellos que lucharon por mantener la Paz y la armonía en los corazones. Creame en este caso no es profecía, ni suposiciones e intuiciones, es la verdad. Lo he visto. Nadie me hará cambiar de opinión, nadie puede decirme lo que yo viví. Es mi verdad. Tan increíble como cierta. No dude , usted verá a Dios, pues Dios lo admira, es tan increíblemente humilde el Señor, que hace estremecer el amor tan grande que nos tiene.
Buen día, y que vivan los abuelos y abuelas de este mundo, son la esencia de la sabiduría en la Tierra.

Rispondi

Ivana Barbonetti il 9 Luglio 2016 alle 8:16 am.

Chi si dimentica di pregare per Te, Santo Padre, si dimentica di pregare Dio e ringraziarLo per il Dono di Te e di Benedetto, siete il mio esempio da seguire ora su questa terra, guardando quanto mi circonda se non ci foste Voi non so se avrei la forza di continuare, sono anziana anch’io, una vita di lotte per sostenere il rispetto e uguaglianza di tutti gli esseri umani, ci credevo, oggi continuo a crederci e a lottare perché seguo quanto TU FAI e quanto FA’ BENEDETTO, nella semplicita’, senza prosopopea, esibizionismo e “sfruttamento” della Vostra posizione, altrimenti avrei mollato.–GRAZIE Ivana Barbonetti.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.