Il lavoro di Gesù oggi è quello di pregare per noi e per la Chiesa

Il lavoro di Gesù oggi è quello di pregare per noi e per la Chiesa

Gesù, ha detto Papa Francesco nell’omelia quotidiana in Casa Santa Marta, “non guarda se uno ha la faccia brutta o la faccia bella: ama“, ama tutti senza distinzione e tra questi tutti “non c’è nessuno importante secondo i criteri del mondo: è gente comune“.

Gesù, ha spiegato il Pontefice, non è venuto per i giusti, non è venuto per le persone importanti né per i potenti: Gesù è venuto per tutti, per tutti coloro che “sono peccatori”. Infatti “Gesù ha scelto i peccatori. Sceglie i peccatori. – ha detto Bergoglio – E questa è l’accusa che gli fanno i dottori della legge, gli scribi: ‘Va a mangiare con i peccatori, parla con le prostitute….’.

Questo si spiega solo se pensiamo allo smisurato amore che ha Gesù per noi: “queste sono cose di amore! – ha detto – L’amore non guarda se uno ha la faccia brutta o la faccia bella: ama! E Gesù fa lo stesso: ama e sceglie con amore“.

Ed è il Signore stesso che ci ha lasciato detto questo, attraverso “quella parabola delle nozze del figlio: quando gli invitati non sono venuti, cosa fa il padrone di casa? – ha chiesto il Vescovo di Roma agli astanti – Invia i suoi servi: ‘Andate e portate a casa tutti! Buoni e cattivi’, dice il Vangelo. Gesù ha scelto tutti!

E anche oggi, Gesù ci continua a dimostrare questo Suo amore infinito: difatti “Lui è davanti al Padre in questo momento, pregando per noi. E questo deve darci coraggio! – ha commentato Bergoglio – Perché nei momenti difficili di difficoltà o di bisogno e di tante cose, dobbiamo pensare: ‘Ma Tu stai pregando per me. Prega per me. Gesù prega per me il Padre!’.

Questo di Gesù, il fatto di pregare per noi “è il suo lavoro di oggi“: “dal primo momento Gesù prega: ha pregato quando era in terra – ha quindi concluso Papa Francesco – e continua a pregare adesso per ognuno di noi, per tutta la Chiesa“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

4 Commenti

Marilena il 10 Settembre 2014 alle 10:07 am.

In questo tempo così difficile per l’umanità dove tutti i valori e i principi sembrano stravolti e’ molto incoraggiante e confortante pensare che Gesù non ci lascia mai soli ma che preghi il Padre celeste affinché regni la pace e l’ordine. Abbiamo tutti bisogno di trovere una guida e pregando insieme di seguire il sentiero che Gesù ha preparato per ognuno di noi. Senza piu confusione ne timore affidiamoci a Dio e pregando con lui non patiremo confusione in eterno, ma saremo liberati dalla schiavitù delle guerre e dall’oppressione dei nostri molti peccati. Buona giornata.

Rispondi

Giuseppina il 10 Settembre 2014 alle 8:01 am.

Caro Papa Francesco,grazie a queste parole noi possiamo confidare nella Misericordia Divina,e non sentirci emarginati e non amati da Dio.Cristo prega per noi.

Rispondi

Franca il 9 Settembre 2014 alle 6:49 pm.

Gesù e venuto ad insegnarci fra le tante cose: come Amare!
Amore non convenzionale, ma incondizionato per la vita, il creato, tutto,attraverso il dono, il rispetto, il sentimento sublimato all’ennesima potenza per abbracciare il valore lo scopo l’essenza della vita. Ma l’uomo nella sua bramosia e sete di potere non lo ha mai accettato questo insegnamento…allora… come oggi.
Solo gli umili e puri comprendono e accettano gli insegnamenti di Gesù perché non temono di essere dettoronizzati si accontentano della grande lori ricchezza interiore, che è nella traiettoria luminosa di Gesù.

Rispondi

claudia il 9 Settembre 2014 alle 5:42 pm.

Vero!!!
NON SOLO, lui prega per noi, ma mettendoci nelle sue sante piaghe, mentre prega fa vedere al Padre, quanto caro è stato il prezzo pagato per ciascuno di noi.
E quando sbagliamo, insieme a Maria, ci giustifica e perora la ns causa.
Che Fratello!!! Che Mamma!!!
W Dio W GESÙ W MARIA e lo Spitito Santo
Francesco Dios te bendiga y la Virgen te cuide

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.