La famiglia non deve essere divisa o marginalizzata

La famiglia non deve essere divisa o marginalizzataNon possiamo ridurci a pensare che “la famiglia è più un problema che una risorsa per la società“, come appare addirittura dai dibatti tenuti presso Organizzazione delle Nazioni Unite, ha espresso il delegato del Papa presso l’ONU: la famiglia è il luogo «dove si impara a convivere nella differenza e ad appartenere ad altri» (Papa Francesco, Evangelii gaudium, n. 66)

Dobbiamo prendere atto che “la famiglia è la cellula fondamentale della società, nella quale le generazioni si incontrano, amano, educano, si sostengono reciprocamente e trasmettono il dono della vita” ha detto l’inviato del Pontefice e questo è sotto gli occhi di tutti, tanto che “nonostante le sfide passate o anche presenti” la famiglia rimane “di fatto, l’unità fondamentale della società umana“.

Eppure “tante forze che hanno cercato di eliminarla” ha ammesso il delegato “come reliquia del passato, o come ostacolo all’emancipazione dell’individuo, o alla creazione di una società più ugualitaria, libera e felice” ma nonostante ciò la famiglia continua a dare “prova di un vigore molto più grande“.

La famiglia, infatti è strettamente legata alla società da “vincoli vitali e organici“: famiglia e società sono una complementare all’altra “nella difesa e nella promozione del bene di ogni persona e dell’umanità“.

Infatti, a ben guardare, “la dignità e i diritti dell’individuo non vengono sminuiti dall’attenzione dedicata alla famiglia.  – ha detto – Al contrario, la maggior parte delle persone trae una protezione unica, nutrimento ed energia dinamica dall’appartenenza a una famiglia solida e sana”.

Allo stesso modo “è ampiamente dimostrato che il miglior interesse del bambino viene garantito in un ambiente familiare armonioso“.

È proprio per questo che la Santa Sede, per mezzo del suo delegato all’ONU, ha richiesto che la famiglia venga considerata “un’unità integra e integrale, che non deve essere divisa o marginalizzata. La famiglia e il matrimonio devono essere difesi e promossi non solo dallo Stato, ma anche dall’intera società – ha quindi concluso il rappresentante di Papa Francesco – Entrambi esigono l’impegno deciso da parte di ogni persona, poiché è a partire dalla famiglia e dal matrimonio che si può dare una risposta completa alle sfide del presente e ai rischi del futuro“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

9 Commenti

malikamente il 22 Luglio 2014 alle 9:42 pm.

Come mai, dunque, il Tribunale Ecclesiastico con estrema leggerezza separa ciò che Dio ha unito? Sarà il profumo del denaro? Confido in un suo rimedio e in suo sguardo a certe faccende…

Rispondi

VentanALaVida il 20 Luglio 2014 alle 2:32 pm.

Papa Francisco: Queremos compartir la Posibilidad de ayudar. Las Necesidades de Las Familias!!!

Rispondi

teodora il 18 Luglio 2014 alle 9:42 pm.

Commenti
teodora on luglio 18, 2014 at 8:22 pm.

Caro Papa Francesco,
Predicare solidarietà e praticare indifferenza è ancora più grave di chi l’indifferenza la pratica ma senza predicare solidarietà. Soprattuto se l’indifferenza è interessata da quattro spiccioli e rimane inerte di fronte a qualsiasi umana sofferenza e calamità.
L’amara esperienza la vivo personalmete e mi allontana sempre di più da quegli abiti, che da soli non possono impersonare proprio nulla di caritatevole e solidale.
Che Dio Ti dia la Luce per condurti nel posto giusto, prina che succeda l’irreparabile.
Troverò il modo per darTi indicazioni.

Rispondi

teodora il 18 Luglio 2014 alle 8:22 pm.

Caro Papa Francesco,
Predicare solidarietà e praticare indifferenza è ancora più grave di chi l’indifferenza la pratica ma senza predicare solidarietà. Soprattuto se l’indifferenza è interessata da quattro spiccioli e rimane inerte di fronte a qualsiasi umana sofferenza e calamità.
L’amara esperienza la vivo personalmete e mi allontana sempre di più da quegli abiti, che da soli non possono impersonare proprio nulla di caritatevole e solidale.
Che Dio Ti dia la Luce per condurti nel posto giusto, prina che succeda l’irreparabile.

Rispondi

BARBARA BETTAZZI il 18 Luglio 2014 alle 10:24 am.

NONOSTANTE LE DIFFICOLTA’ CHE CI POSSANO ESSERE NELLE FAMIGLIE ,ESSE CI PERMETTANO DI FORGIARCI PER AFFRONTARE IL MONDO…PERCHE’ ANCHE QUANDO CONOSCIAMO LA SOFFERENZA POSSIAMO CAPIRE GLI ALTRI…QUANDO ESSI SOFFRANO…E MLAGRADO LE NOSTRE RABBIE DOVUTE ALLE NOSTRE SOFFERENZE…POI CI CALMIAMO E CAPIAMO UGUALMENTE QUANDO SOFFRANO GLI ALTRI…

Rispondi

Monica il 18 Luglio 2014 alle 5:55 am.

Parole sante del santo uomo di Dio Francesco .. Preghiamo perché possa essere così anche se oggi la diffidenza ci accompagna tanto Signore vieni in nostro aiuto!! Grazie grande Papa Francesco .. !

Rispondi

Franca il 17 Luglio 2014 alle 8:33 pm.

La famiglia armoniosa si è un ordine individuale e sociale, un tessuto prezioso per l’umanità. Per questo bisogna essere responsabili quando la ai sceglie. E dovrebbe essere aiutata e difesa dai governi in momenti difficili epocali. Secondo me dovrebbero pensare anche di riconoscere alle donne che vogliono seguire la sua famiglia un minimo di sussidio, così ci sarebbero più posti di lavoro.E poi i padroni che hanno le donne al lavoro non dovrebbero fare mobing a coloro che vogliono fare famiglia come succede spesso. La donna con la D maiuscola è una complementarietà dell’uomo. Non la sua schiava o serva o peggio di suo possesso. Qui c’è a mio avviso molto da educare a partire dalle scuole. L’emancipazione della donna non deve essere vista come una competizione , ma un diritto acquisito.
Però in realtà vediamo che i diritti acquisiti sono molto sminuire on tutti i campi. Siamo fuori dalla costituzione in certi versi. E per chi non è in grado di governare bene occorre un butta fuori. Non deve essere sempre il povero e la famiglia a ppagare gli errori e la crisi che i governi hanno creato. Santità ci aiuti.

Rispondi

jose Rafael Mauricio Gonzalez il 17 Luglio 2014 alle 8:00 pm.

Un saludo fraterno para su Santidad Papa Francisco. Somos una familia que nos denominamos Misionera,servimos a Dios en el Apartado Familiar del Encuentro Matrimonial de El Salvador desde el 2001, con nuestos hijos fuemos a vivir una experiencia de familias a la ciudad de guatemala y luego llevamos esta experiencia a nuestro pais, ahora lo se ha establecer en las diferents Diocesis y contamos diez comunidades de familias en perseverancia. La Sagrada familia de Nazaret nos ha concedido llevar esta linda experiencia a los paises de Guatemala, Honduras y recientemente a Republica Dominicana; pedimos a San Francisco que por su intercesion nos conceda salud y fortaleza para seguir con la mision de cultivar y practicar valores en familia, pero nuestros hijos le piden que en la clausura del ano de la familia nos conceda viajar al Vatican a dar gracias a la tumba de San Juan Pablo II y a una audiencia con Su Santidad Papa Francisco, solo Dios, la Santisima Virgen y San Francisco de Asis nos pueden conceder el favor que imploramos. Denos su bendicion Papa francisco. Atentamente Rafael,Gertrudis, Rafa, Sarai y Ester Familia Mauricio Marroquin Coordinadores Nacionales Apartado Familiar El Salvador.

Rispondi

paolina turtora il 17 Luglio 2014 alle 7:18 pm.

L unita`,l`armonia della famiglia e nella famiglia genera una societa` forte e salda,compatta e unita. Genera pace,comunione, solidarieta`. Grazie Papa

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.