La madre Chiesa accarezza i suoi figli, dando tenerezza

La madre Chiesa accarezza i suoi figli, dando tenerezza

Quello in cui viviamo è un “mondo orfano“, nel quale si è diffuso un senso di orfanilità: il cristiano ha invece una certezza, quella di non essere orfano perché Gesù ci ha lasciato una madre, Maria, e la Chiesa, che ci accoglie come madre e ci perdona, come una madre sempre fa con i suoi figli, non rimanendo immobile su regole rigide ma aprendosi all’amore. È questo il tema dominante dell’omelia di Papa Francesco di oggi 15 settembre 2015, pronunciata durante la Santa Messa in Casa Santa Marta.

In questo tempo dove non so se è il principale senso ma c’è un grande senso nel mondo di orfanità, (è) un mondo orfano – ha detto il Pontefice commentando la Lettura del Vangelo (Gv 19, 25-27), il brano di oggi – ha un’importanza grande, l’importanza che Gesù ci dice: ‘Non vi lascio orfani, vi do una madre’. E questo anche è il nostro orgoglio: abbiamo una madre, una madre che è con noi, ci protegge, che ci accompagna, che ci aiuta, anche nei tempi difficili, nei momenti brutti”.

La Madre, cui Gesù ci ha affidato è Maria e anche “la Chiesa è madre. E’ la nostra ‘santa madre Chiesa’, che ci genera nel Battesimo, ci fa crescere nella sua comunità e ha quegli atteggiamenti di maternità, la mitezza, la bontà – ha commentato Bergoglio – la Madre Maria e la madre Chiesa sanno carezzare i loro figli, danno tenerezza. Pensare la Chiesa senza questa maternità è pensare a un’associazione rigida, un’associazione senza calore umano, orfana“.

È proprio questa la chiave che permette di comprendere appieno la Chiesa, pensare ad essa come una madre: “dove c’è maternità e vita c’è vita, c’è gioia, c’è pace, si cresce in pace. Quando manca questa maternità soltanto rimane la rigidità, quella disciplina, e non si sa sorridere. Una delle cose più belle e umane è sorridere a un bambino e farlo sorridere“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

11 Commenti

Antonietta il 16 Settembre 2015 alle 10:48 pm.

Grazie Madre Che con la tua bontà accogli le nostre supliche e guidi la nostra vita verso l’amore di tuo figlio Gesù.

Rispondi

Ivana Barbonetti il 16 Settembre 2015 alle 5:08 pm.

Preghiamo che MARIA ci presenti cosi al PADRE CELESTE per ottenere la SUA misericordia. GRAZIE MADRE MARIA——–Ivana Barbonetti.

Rispondi

eliana il 16 Settembre 2015 alle 1:16 pm.

Sommo Padre il vile denaro e sete di potere ha chiuso gli occhi nel 2005 a Milano a molti mentre ci uccidevano ; Oggi siamo ancora qua a dover dimostrare di respirare , questa é la vergogna di Roma di fronte al mondo io sono la Mamma di un bambino che ha perso tutto ,grazie ha questi vigliacchi che giocano con la vita altrui come nei video games con il benestare delle istituzioni e che non affermino il contrario perché ho anche registrazioni di persone illustri che affermano che il caso ha visto ben tre gradi di giudizio per i colpevoli , bene peccato che ne io ne mio figlio siamo informati . Al momento le dico che se decido di offendere accendendo una sigaretta é probabile che finisca a terra perché dio non vuole . Veda lei ! Le mio parole sembrano sprezzanti le manderei le foto delle denuncie e delle ferite sul mio corpo e su mio figlio ( del bimbo al 2007 in casa di suore) al rogo tutte e due se sono stata chiara e per di piu’ spiati continuamente e lei sa bene come Padre Santissimo . Il mio rispetto va a Dio e ai suoi uomini rispettosi ; Distinti Saluti

Rispondi

Nella il 15 Settembre 2015 alle 9:16 pm.

Senza la nostra Madre Celeste siamo orfani verissimo Papa Francesco io mi sono messa completamente nelle mani della nostra Madre celeste e confido il Lei… Ma quante lotte..

Rispondi

Filomena Ciavarella il 15 Settembre 2015 alle 7:50 pm.

OLa stella del mattino,
l’aurora del cielo,
dona tenerezza
come l’abbraccio
pregno d’amore
della Madre Celeste.
Tenero sguardo
diamantino,
piu’ prezioso
di mille corone d’oro.
Il potere fa la danza,
ma il Suo Amore
scioglie il gelido
sguardo della speranza
che geme al suo arido canto.
tenerezza materna,
infinita dolcezza,
si effonde nell’aere
per guarire le piaghe
del mio cuore,
del Cuore del creato.

Rispondi

angelo il 15 Settembre 2015 alle 7:25 pm.

e i padri oggi assenti nella famiglia????

Rispondi

teodora il 15 Settembre 2015 alle 6:55 pm.

Non occorrono ancora parole.
Se si è voluto recepire, si ravviseranno i risultati.
DIO VORRA’ CONDURRE A VERITA’ E GIUSTIZIA e preservare dal pericolo acclarato
Nessun miracolo: SOLO VERITA’.
Papa Francesco prego perché S’ INTERVENGA dove si può.
DOVE SI PUO’ (nel proprio ambito, soprattutto ecclesiastico), SI DEVE, per l’affermazione della VERITA’ –STRADA INDICATA DA CRISTO – e per debellare il pericolo, finchè si è in tempo.
Senza verità e dialogo, non v’è “TENEREZZA” che regga.

Rispondi

francesco de pascale il 15 Settembre 2015 alle 6:10 pm.

“Dolcissima Maria
Dolce Maria
dimentica i fiori
dipinti dal tempo
sopra il tuo viso,
e gli anni andati via
seduta ad aspettare
una lunga, lunga via
nessuno da incontrare…
Non voltarti piu
E ii giorno arriverà
vestito di poesia
ti parlerà di sogni
che non ricordavi piú,
e ti benedirà
dolcissima Maria
Dolce Maria
dagli occhi puliti
dagli occhi bagnati
è tempo d’andare:
è presto sentirai
profumo di mattino
e il tordo canterà
volandoti vicino…
non voltarti piú.
E qualcuno se vorrai
vestito di poesia
ti coprirà d’amore
senza chiederti di piú,
e t’accarezzerà
dolcissima Maria”

Rispondi

Dauro Tessitore il 15 Settembre 2015 alle 5:27 pm.

Maria è la madre che perdona sempre. La Chiesa a volte non si identifica con Maria e si comporta da madre che discrimina i propri figli, come nel mio caso. Sono un invitato alla Cena del Signore al quale la Chiesa proibisce il Pane della vita e il Calice della salvezza.

Rispondi

Valeria Burdon il 15 Settembre 2015 alle 4:47 pm.

Io credo che Gesu averebbe detto/dice/dira proprio queste parole: perdono, compassione e misericordia. Perche’ se no non fosse AMORE.
Padre Nostro fa che I nostri consacrati siano tutti santi. Amen

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.