La parola di Dio non è incatenata, è inarrestabile

Con l’udienza generale di stamane di Papa Francesco, che si è tenuta nell’Aula Paolo VI davanti a una folla di circa 7000 persone, si conclude il ciclo dedicato alla riflessione sugli Atti degli Apostoli, catechesi iniziata a maggio del 2019.

Il brano preso in esame è quello dell’arrivo di Paolo a Roma. Il viaggio dell’apostolo mostra che “le rotte degli uomini, se vissute nella fede, possono diventare spazio di transito della salvezza di Dio attraverso la Parola […]”

Giunto a Roma prigioniero, gli è stata data la possibilità di abitare da solo in una casa. E proprio come la casa dell’apostolo Paolo in cui egli ha potuto, pur essendo “ai domiciliari”  accogliere chi vi si recava per  parlare del Regno di Dio, così la Chiesa è aperta a tutti i cuori che la ricercano, pure “perseguitata, fraintesa, incatenata, mai si stanca di accogliere con cuore materno ogni uomo e ogni donna per annunciare loro l’amore del Padre che si è reso visibile in Gesù”. Questa la bellissima similitudine del Papa.

Che continua il suo discorso facendo notare che Paolo ha parlato a chi lo ascoltava della promessa della salvezza, perchè la morte e resurrezione di Cristo mostrano il compimento delle promesse al popolo eletto. E vi è riuscito perchè anche se impossibilitato a muoversi, a uscire di casa, la “parola non è incatenata ma pronta a lasciarsi seminare a piene mani dall’apostolo”.

E allora l’esortazione di Papa Francesco è che anche noi ci facciamo messaggeri della Parola, facendo in modo che “lo Spirito ravvivi in ciascuno di noi la chiamata ad essere evangelizzatori coraggiosi e gioiosi. Renda capaci anche noi come Paolo di impregnare le nostre case di Vangelo e di renderle cenacoli di fraternità, dove accogliere il Cristo vivo che viene incontro a noi in ogni uomo e in ogni tempo”

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

Emanuele Carioti il 18 Gennaio 2020 alle 6:04 pm.

Vero!!! E che bello vedere Papà Francesco con la manina del Salutatore Kristian Paoloni, simbolo di pace e fraternità.

Rispondi

luigi il 17 Gennaio 2020 alle 11:42 am.

caro Papa Francesco la parola del vangelo di DIO viene ascoltata da 500 milioni di cittadini europei e da altri cristiani nel mondo invece chi è contrario al cristianesimo violenta, uccide tortura ecc i cristiani inermi che predicano la parola di Dio . Non sembra una bella cosa soprattutto quando per un motivo o l’altro non si possono difendere

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.