La Resurrezione, impressa nel Vangelo, si imprima anche nei nostri cuori

La Resurrezione impressa nel Vangelo si imprima anche nei nostri cuori

Lasciamo che questa esperienza, impressa nel Vangelo, si imprima anche nei nostri cuori e traspaia nella nostra vita“. Durante il messaggio prima della preghiera mariana del Regina Coeli del lunedì dopo Pasqua 2014, Papa Francesco, come più volte ha fatto anche durante le omelie e gli interventi pubblici del proprio Pontificato, ha invitato i cristiani a essere esempi viventi del Vangelo.

Il cristiano deve avere il profumo di Cristo: tutto nel cristiano… i gesti, gli sguardi, i pensieri, le parole, gli atteggiamenti devono trasparire la luce del Cristo Risorto, devono essere illuminati dalla Luce del Vangelo.

Senza ipocrisia, con semplicità e umiltà, poiché non è una esperienza estetica, non è un “maquillage” dice il Pontefice, ma questa esperienza che “viene da dentro“, è frutto di quanto prova “un cuore immerso nella fonte di questa gioia, come quello di Maria Maddalena, che pianse per la perdita del suo Signore e non credeva ai suoi occhi vedendolo risorto“.

Per tutta questa settimana continuiamo a scambiarci l’augurio pasquale “Cristòs anèsti! – Alethòs anèsti!” ovvero “Cristo è risorto! – E’ veramente risorto! … come se fosse un unico giorno” ha aggiunto il Pontefice “è il grande giorno che ha fatto il Signore“, un giorno che supera le classiche barriere del tempo, che si dilata oltre le 24 ore in cui “il sentimento dominante che traspare dai racconti evangelici della Risurrezione è la gioia piena di stupore“, stesso sentimento che deve guidare le nostre vite così come guida la Liturgia della Chiesa in questi giorni.

Lasciamo che lo stupore gioioso della Domenica di Pasqua – ha quindi nuovamente esortato Papa Francesco – si irradi nei pensieri, negli sguardi, negli atteggiamenti, nei gesti e nelle parole” trasformandoci così noi stessi in testimoni della resurrezione di Cristo.

Chi fa questa esperienza diventa testimone della Risurrezione, perché in un certo senso è risorto lui stesso, è risorta lei stessa. – ha quindi concluso Bergoglio – Allora è capace di portare un “raggio” della luce del Risorto nelle diverse situazioni umane: in quelle felici, preservandole dall’egoismo e rendendole più belle; in quelle dolorose, portando serenità e speranza“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

6 Commenti

Gianni il 22 Aprile 2014 alle 5:58 pm.

Nessun altro Papa è stato mai così diretto , credibile e coinvolgente, spero che il suo carisma ed entusiasmo con l’aiuto dello S.S. trasformi la nostra vita e la vita della chiesa che ne ha davvero tanto bisogno, preghiamo per questo, un forte abbraccio a Papa Francesco.

Rispondi

Tonino il 22 Aprile 2014 alle 4:10 pm.

Ti ringraziamo, Papa Francesco per averci fatto capire che anche noi siamo ipocriti anche se ne eravamo inconsapevoli, ti ringraziamo perché ci hai fatto scoprire che anche noi siamo superbi e abbiamo poca Fede nel Risorto, perché siamo stati ingannati dal maligno che ci ha fatto credere che la croce era un’ingiustizia e noi che abbiamo abboccato al tranello siamo diventati ipocriti. Di tutto questo noi ti ringraziamo di cuore, perché ci hai aiutato a combattere noi stessi in un momento molto delicato della Quaresima. Tuttavia ci rimane difficile testimoniare il Vangelo là dove gli interessi economici potrebbero farci perdere il posto lavoro, perché il mondo non perdona a noi cristiani gli stessi errori che fanno gli altri, perché il demonio è intelligente e riesce a farci cadere nei suoi tranelli. Ci fa piacere ricevere dei complimenti ogni tanto, ma forse sbagliamo a essere troppo severi con noi stessi, forse siamo troppo regolari e disciplinati, ma non lo facciamo per essere ammirati, forse sbagliamo, ma lo facciamo per nuotare contro corrrente.

Ringraziamo il Signore per la Gioia che ci ha dato con Papa Francesco che è arrivato al momento giusto e ci sta cambiando la vita, ci sta facendo diventare più dolci, ci sta facendo dimenticare i rancori per le cose passate perché lui è davvero efficacie, Papa Francesco è un bravo Padre e un lodevole esempio di vita cristiana per tutti noi.

Rispondi

Edith Novêmia Delanhese il 22 Aprile 2014 alle 2:16 am.

As palavras do papa Francisco nos trazem esperança de um mundo melhor. Reconhecemos através delas, o seu grade coração, como o de Jesus que possuía um PROFUNDO AMOR ao ter contato com o povo. Somos agradecidos a Deus por ter nos mandado o Papa Francisco.

Rispondi

olivia nasoni il 21 Aprile 2014 alle 7:48 pm.

SONO STANCHISSIMA,LASCIO TUTTO E CORRO DA TE,RICEVO LA TUA LUCE E LA TUA ENERGIA;QUESTO ” NEL TEMPO PRESENTE,LA VITA ETERNA NEL TEMPO CHE VERRA'”————————————————– SO DARE ENERGIA MA NE HO BISOGNO,IN QUESTO SCAMBIO,BACIO IL TUO CROCEFISSO E TI AUGURO LA BUONANOTTE*ti mando UNA STELLA*

Rispondi

Stefano il 21 Aprile 2014 alle 7:18 pm.

Vorrei ringraziare il papa per la bella Pasqua che abbiamo trascorso a Roma in questi 3 giorni.
Un piccolo desiderio: le guardie svizzere dovrebbero prendere lezione di gentilezza dal NS Papa. Grazie. Noi preghiamo per Francesco tutti i giorni.

Rispondi

Estela del Rosario Arévalo il 21 Aprile 2014 alle 2:29 pm.

PARA QUIEN LEE ESTOS MENSAJES .FELICES PASCUAS .
QUE CRISTO VIVA EN EL CORAZÓN DE TODOS LOS QUE CREEMOS QUE ÉL ES LA RESURRECCIÓN Y LA VIDA .
BENDICIONES DE NUESTROS PAPA , PARA QUE REINE EL BIEN EN NUESTRA TIERRA .
GRACIAS .

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.