L’umiltà è necessaria per ricevere la grazia di dare frutto e vita

ricevere la grazia

Come l’intervento di Dio può cambiare la nostra vita e come chiedere questo aiuto al Signore: questi i due temi conduttori della consueta riflessione mattutina che Papa Francesco ha svolto in Casa Santa Marta. Il Signore può cambiare le nostre vite ma perché avvenga questo dobbiamo essere umili: senza umiltà non riceveremo la grazia di dare frutto e dare vita.

L’umiltà è la base senza la quale l’intervento di Dio non ha luogo, spiega il Pontefice. Nel commentare le letture quotidiane Bergoglio fa notare come nulla sia impossibile per il Signore: la donna sterile diventa fertile grazie al suo intervento, il deserto composto di terra arida dove è impossibile la vegetazione si trasforma in una foresta.

Dio quando interviene con le sue mani ricrea il mondo ma è necessario essere coscienti di come si è affinché Dio possa intervenire. Così é per l’uomo. Il Signore interviene per rendere feconde le nostre vite anche quando sono sterili. E questa una sua promessa, ricorda Papa Francesco “Io posso dalla secchezza, dalla secchezza vostra, far crescere la vita, la salvezza! Io posso dall’aridità far crescere i frutti!

Tuttavia se è un dato certo che il Signore può intervenire, c’é bisogno anche di un intervento personale: ogni persona si deve chiedere “da parte nostra cosa facciamo?” Abbiamo due doveri, ci spiega il Pontefice: primo riconoscere la nostra aridità, riconoscere che la nostra vita non sta dando i frutti sperati; secondo chiedere che Dio intervenga così “Signore, io sono sterile, io non posso, Tu puoi. Io sono un deserto: io non posso, Tu puoi“.

Senza “l‘umiltà di dire al Signore: ‘Signore, sono sterile, sono un deserto’” non riusciremo mai ad essere fecondi, non riusciremo mai a “ricevere la grazia, la grazia di fiorire, di dare frutto e di dare vita.” ha concluso Papa Francesco.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

4 Commenti

loredana il 20 Dicembre 2013 alle 11:23 am.

la sterilità dell’animo, frutto dell’incoscienza,grazie alla consapevolezza si tramuta in giardino ricco di gemme ,germogli.Consapevolezza=umiltà=conoscere i nostri limiti e quindi avere fede ,fiducia in Dio

Rispondi

Olga il 19 Dicembre 2013 alle 10:27 pm.

Mi piace molto questo papa credo molto nel vangelo nel nostro Signore presto mi sposo e sono veramente felice anche se ci siamo conosciuti tardi ma io lo amo. Purtroppo non posso avere dei figli, non ho più l’età,,ho superato l 50 anni. Mi metto nelle mani del Signore ho molta fede ti chiedo caro Papa Francesco prega per noi, io Prego per te, grazie

Rispondi

serrelli massimo il 19 Dicembre 2013 alle 7:46 pm.

Signore Gesù grazie per papa francesco

Rispondi

Maria ORSINI il 19 Dicembre 2013 alle 7:42 pm.

Santo Padre vorre chiederle una preghiera affinché Dio mi renda meno sterile e arida nel dare agli altri il mio aiuto cerco sempre di farlo ma forse non è abbastanza . Io ho avuto tutto da Nostro SIgnore, tante cose belle tra cui due bravi figli e tante cose brutte che ho superato con la fede e il suo aiuto ora devo pregare anche per gli altri forse questo e il senso delle Vostre parole?

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.