Non esiste alcun peccato che Dio non possa perdonare!

Non esiste alcun peccato che Dio non possa perdonare!

Inizia oggi il terzo anno di pontificato di Papa Francesco e, per una particolare coincidenza, che però assume valore simbolico, ha inizio sempre oggi inizia l’iniziativa “24 ore per il Signore“, nel corso della quale le chiese di Roma, e quelle delle diocesi particolari che aderiranno, rimarranno aperte in modo ideale durante 24 ore per accogliere fedeli che volessero pregare e confessarsi.

L’inizio dell’iniziativa è per le ore 17.00, orario nel quale si terrà in Basilica Vaticana la celebrazione penitenziale, presieduta da Papa Francesco e che, come l’anno scorso, vedrà il papa confessare alcuni fedeli della propria diocesi.

È questo un appuntamento particolarmente caro al Pontefice, il quale, fin dal primo Angelus ha ribadito l’importanza della Misericordia: “non dobbiamo mai stancarci di chiedere la Misericordia, perché Dio non si stanca mai di perdonarci“. Così, anche ieri, nel corso di un incontro con alcuni partecipanti a un corso indetto dal Tribunale della Penitenzieria Apostolica, ha ricordato “non esiste alcun peccato che Dio non possa perdonare! Nessuno!“.

È proprio nel sacramento della Riconciliazione, infatti, che si “rende presente con speciale efficacia il volto misericordioso di Dio“, è nella Confessione, quando prendiamo atto e chiediamo perdono per i nostri peccati, che incontriamo la “tenerezza di Dio per gli uomini“.

Da qui l’attenzione specifica che il Santo Padre continua a mostrare verso questa parte fondamentale dell’annuncio cristiano, che è quello della misericordia di Dio, della tenerezza di Dio, dell’amore di che perdona di cui c’è tanto bisogno nella società moderna che vive un vuoto di valori e di speranza.

Del resto la scelta di Bergoglio, fatta due anni fa, di chiamarsi Francesco parla espressamente della volontà del Vescovo di Roma di porre i poveri al centro del suo ministero, intendendo per povertà non solo quella materiale, economica ma anche quella spirituale: sono poveri “tutte le persone violate nella loro dignità – ha ricordato Padre Lombardi – non solo dal punto di vista economico, ma anche dal punto di vista spirituale, della povertà di rapporti sociali e così via“.

L’esempio di Papa Francesco, con le “24 ore per il Signore” e l’invio che lo stesso Pontefice vuole darci, dunque, è di sfruttare questa occasione per affidarsi alla Misericordia di Dio, ritrovando l’abbraccio del Padre colmo di tenerezza nel sacramento della Riconciliazione.

Share Button

17 Commenti

Luca il 14 Marzo 2015 alle 6:43 am.

buongiorno la mia riflessione nasce quando recitando l’Atto di Dolore mi soffermo sulla frase ” PERCHE’ PECCANDO HO MERITATO I TUOI CASTIGHI”frase che personalmente trovo poco corretta in quanto DIO è AMORE INFINITO quindi descriverlo come dispensore di CASTIGHI trovo non sia una cosa giusta. Sarebbe da sostituire con” perché peccando ho tradito i tuoi consigli” o una frase che metta in evidenza il mio errore ma non che indichi DIO come un penalizzatore. Ringrazio per la disponibilità e porgo i più cari ed affettuosi saluti. Un’abbraccio a Papa Francesco. Grazie.

Rispondi

maria del huerto soria bravo de iramain il 14 Marzo 2015 alle 2:41 am.

Bellidimo

Rispondi

EZIO PALLANCA il 13 Marzo 2015 alle 9:38 pm.

Bellissime parole Caro Santo Padre io ci credo che Dio vuole che siamo filici dentro ma come fattio a passare nella Porta Santa se vivo a Savona e come pensionato non ho la possibilità di venire a Roma? caro Santo Padre Francesco I mi piace ricevere sempre le tue newsletter con Le Tue Riflessioni, che anche oggi ho ricevuto con tanto piacere. Santo Padre io prego Dio affinchè ci lasci Papa Francesco ancora per molti anni con tanta salute. Ciao Francesco mi hai cambiato moltissimo, una cosa solo da quando sei arrivato nei nostri cuori non riesco a saltare un asanta messa e tutte le domeniche somo a messa pregando anche Te.

Rispondi

Flora Curtis il 13 Marzo 2015 alle 9:20 pm.

This coming Easter April 2015 the children of Azariah (Roy) Curtis will be coming to Italy to retrace the War Tour of the 5th Canadian Field Ambulance B. Coy. Our Father while in Italy had an Audience with Pope Pius XII, with a group of French Canadian soldiers. Out of curiosity we were wondering if by any chance we could also meet you? This would so much make our trip full circle. Please respond if this is at all possible? Thank you for your consideration. Sincerely, Flora Curtis

Rispondi

patrizia zappalà il 13 Marzo 2015 alle 9:18 pm.

La confessione caro papa francesco penso insieme alla eucarestia sono i doni più preziosi che il cristiano ha avuto da Cristo che molto spesso ci accostiamo senza pensare che immenso amore ha per noi …tanto da donare il suo corpo e il suo sangue .,.nella confessione poi dovremmo noi tutti pensare che sia presente nel sacerdote e che nella sua infinita misericordia ci perdona ma pensando anche che egli legge i nostri cuori e quindi con cuore davvero ravveduto ci dà la sua assoluzione ..Caro Padre sai stasera durante la via Crucis nella mia parrocchia pensavo a quanti non lo amarono e a quanti non lo continuano ad amare a cercare cose vane Il parroco ha tenuto una omelia davvero colma di spirito è prego incessantemente quanto sia difficoltosa faticosa la vostra missione e ogni vostro aiuto vale quanto un diamante Grazie a Dio e Suo Figlio che vi colmi di grazie infinite e vi protegga una santa notte

Rispondi

Lino Cuomo il 13 Marzo 2015 alle 7:54 pm.

Santita, La auguro un buon inizio per il terzo anno dell Suo pontificato e prego a Dio di dare a Lei tutta la salute che ha bisogno per continuare la Sua missione su questa terra.
La chiedo la Sua benedizzione su tutta la mia famiglia.
Buon Onomastico.
Lino Cuomo. Malta.

Rispondi

teodora il 13 Marzo 2015 alle 7:14 pm.

VOGLIO SPERARE CHE INSIEME AL PERDONO DIO RENDA CAPACE CHI HA FATTO DEL MALE ANCHE di RAVVEDERSI E RIPARARE.
Ci si confessa davanti a Dio sempre, in ogni attimo della giornata, e si chiede sostegno per affrontare e risolvere quanto si patisce.
Ma quanti accedono al confessionale a cuor leggero, con l’autoconvincimento di essere nel giusto o di presumere cos’è e cosa non è peccato, nella persuasione che, tanto, Dio perdona tutto.
Dio perdona chi si ravvede e smette di cagionare male.
Purtroppo quanta superbia ed egoismo impedisce a molti di vedere al di là dei propri interessi, sentendosi comunque “a posto con la coscienza”, solo perchè, magari, si frequenta la Parrocchia o si salvano le apparenze.

Rispondi

Iosa Franco il 13 Marzo 2015 alle 6:22 pm.

“non esiste alcun peccato che Dio non possa perdonare! Nessuno!“. Queste le Vostre autorevoli parole. Una frase molto ma molto più forte ed incisiva di molte altre che hanno come contenuto “il perdono”. Io sono ritenuto peccatore imperdonabile, perché unito una seconda volta in matrimonio solamente civile, mentre la precedente mi vedeva unito anche con matrimonio religioso. Non mi lamento e per quanto sia pronto a chiederlo, non lamento il perdono per me. Per le scelte fatte, riconosco di non esserne degno. Ciò che più mi angustia è che alla mia attuale Moglie, venga addossato il MIO peccato e non possa avvicinarsi ai sacramenti, ne possa partecipare ad altre liturgie. Ora, con molta umiltà mi chiedo, quale valore ha la Vostra frase? A quale Ministro della Chiesa mi posso rivolgere perché le Vostre Sante Parole trovino applicazione nella Sostanza? Mi rendo conto che, anche dopo 30 anni, non ci sono le condizioni per ottenere un annullamento del matrimonio da parte della chiesa, e questo mi “condanna al perenne peccato” e con me Condanna mia moglie. Con dovuta Reverenza Iosa Franco ==

Rispondi

BARBARA BETTAZZI il 13 Marzo 2015 alle 5:23 pm.

CARO PAPA FRANCESCO…, GRAZIE PER IL TUO AMORE A TUTTI NOI ….E AL MONDO INTERO…..NESSUN LUOGO O PERSONA ESCULSO…., IO CERCAVO DI RIBADIRE CHE IL PERDONO DI DIO NON E’ UN – GIOCO DI ARRENDEVOLEZZA- OME PENSANO MOLTI MALVAGI PER NATURA…., PERCHE’ : DIO PERDONA CHI VUOLE ESSERE PERDONATO. PERCHE’ CHI NON VUOLE E PROSEGUE NELLA MALVAGITA’ NON SI ACCORGE NEPPURE DELLA BELLEZZA DELL’AMORE CHE DIO – ESPRIME- NELLA SUA MAGNIFICIENZA DI CREATIVITA’, GIOIA, ETERNA LUCE ANCHE QUANDO CI SONO LE TENEBRE INTORNO…..

Rispondi

Luciana il 13 Marzo 2015 alle 4:38 pm.

e allora vuol dire che l’inferno e il paradiso sono un’invenzione dantesca, lasciamo che si ammazzino le persone, lasciamo che si rubi, ecc. ecc.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.