Papa all’udienza: a Natale accogliamo le sorprese di Gesù

“Il Natale apporta cambiamenti inaspettati alla vita e se vogliamo vivere il Natale dobbiamo aprire i nostri cuori, essere pronti alle sorprese, cioè un cambiamento inaspettato della vita” questa l’esortazione di Papa Francesco

Lo ha detto durante l’udienza generale di mercoledì 19 dicembre nella Sala Paolo VI del Vaticano, dedicata al Natale.

Il Santo Padre ha ricordato che tra sei giorni sarà Natale e ha avvertito che la pubblicità incoraggia le persone a scambiarsi nuovi regali per dare sorprese. Francesco mette in discussione se questa è la festa che piace a Dio: “Qual è il Natale che vorrebbe, quali doni e sorprese?” ha incoraggiato i fedeli a ricordare il primo Natale della storia pieno di sorprese per ” scopri i sapori di Dio. ”

Continuando la catechesi il Papa ha spiegato che “il Natale celebra l’inaudito di Dio, o meglio, celebra un Dio senza precedenti”. In questo modo, il Natale è il benvenuto alle sorprese del Cielo.

“Il Natale inaugura una nuova era, in cui la vita non è programmata, ma data; dove non vivono per se stessi, in base ai loro gusti, ma a Dio; e con Dio, perché a Natale Dio, è il Dio con noi, vive con noi, cammina con noi “, ha affermato.

Il Santo Padre ha ricordato come “il Natale è la vendetta dell’umiltà sull’arroganza, la semplicità sull’abbondanza, il silenzio sul ruggito, la preghiera sul ‘mio tempo’, su Dio su di me”.

Il Pontefice ha esortato a vivere il Natale: “Come Gesù, vieni per noi nel bisogno, e scendi a coloro che hanno bisogno di noi” e ha aggiunto che è necessario seguire l’esempio di Maria e San Giuseppe. Come Maria: fiduciosa, docile a Dio … come Giuseppe: alzati per fare ciò che Dio vuole, anche se non è secondo i nostri piani”.

San Giuseppe nel Vangelo non parla mai, non c’è una parola di San Giuseppe nel Vangelo e il Signore parla in silenzio, parla nel sogno”,

Ha detto il Santo Padre:” San Giuseppe non parla mai, non c’è una parola di San Giuseppe nel Vangelo – e ha aggiunto – il Natale è preferiscono Silenzio della voce di Dio ai rumori del consumismo “.

Mantenere il silenzio, il Papa ha invitato questo Natale a “tacere davanti alla mangiatoia”. “Prendete un po ‘di tempo, vede davanti alla mangiatoia, rimanere in silenzio e sentire, vedere la sorpresa,”

Alla fine, il Santo Padre ha messo in guardia dal commettere un errore a Natale che non dovrebbe essere “solo una bella festa tradizionale, dove siamo al centro e non Lui”. Per favore, non facciamo un Natale banale”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

2 Commenti

Marianna il 20 Dicembre 2018 alle 8:42 pm.

Bambin Gesù sei il Re.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.