Il Papa chiede una soluzione ai conflitti del mondo basato sulla fraternità

Urbi et Orbi 2014: pensiamo ai bambini uccisi da Erode di oggiPrima della Benedizione “Urbi et Orbi” rivolta alla città di Roma e al mondo, in questo giorno di Natale del 2018, il Santo Padre ha chiesto un Natale fraterno che pone fine ai diversi conflitti che affliggono molti popoli e nazioni.

Nella Piazza San Pietro, piena di fedeli, pellegrini e turisti, Papa Francesco, ha ricordato alcuni dei principali conflitti e crisi che ci sono nel mondo: il il conflitto israelo-palestinese, la guerra in Siria, la guerra in Yemen, la fame in Africa, le tensioni nella penisola coreana, la divisione sociale in Venezuela, la guerra in Ucraina e la violenza in Nicaragua.

Il Papa ha rivolto un ricordo particolare ai nostri fratelli e sorelle che celebrano la Natività del Signore in contesti difficili, se non ostili, specialmente dove la comunità cristiana è una minoranza, spesso vulnerabile o non considerata: “Possa il Signore concedere loro, e tutte le comunità di minoranza, la possibilità di vivere in pace e di riconoscere i propri diritti riconosciuti, in particolare la libertà religiosa “.

Francesco ha spiegato che:” la fraternità è il messaggio universale del Natale, perché il Bambino nato da Maria Vergine ,ci dice che Dio è un buon Padre e siamo tutti fratelli. Questa verità è alla base della visione cristiana dell’umanità “.

“Senza la fraternità che Gesù Cristo ci ha dato, i nostri sforzi per un mondo più giusto non andrebbero molto lontano, e anche i progetti migliori rischiano di diventare strutture senza spirito”.

Continua il Papa dicendo: “Il mio desiderio di un felice Natale è un desiderio di fraternità. Fraternità tra persone di ogni nazione e cultura. Fraternità tra persone con idee diverse, ma capaci di rispettare e ascoltare l’altro. Fraternità tra persone di diverse religioni. Gesù è venuto a rivelare il volto di Dio a tutti quelli che lo cercano “.

Quindi, “con la sua incarnazione, il Figlio di Dio ci dice che la salvezza avviene attraverso l’amore, l’accettazione e il rispetto per la nostra povera umanità, che tutti condividiamo in una grande varietà di gruppi etnici, lingue, culture …, ma tutti fratelli in umanità “.

Pertanto, sottolinea Papa Francisco: Le nostre differenze non sono un danno o un pericolo, sono una ricchezza”.

Nel testo integrale del messaggio “Urbi et Orbi” Papa Francesco dice i fedeli:

Cari fratelli e sorelle, Buon Natale!

A voi, fedeli di Roma, a voi, pellegrini e a tutti coloro che sono collegati da tutte le parti del mondo, rinnovo l’annuncio gioioso di Betlemme: “Gloria a Dio in cielo, e in terra pace a uomini buoni volontà “(Lc 2,14).

Come i pastori, che sono stati i primi ad arrivare alla grotta, abbiamo contemplato con stupore il segno che Dio ci ha dato, un bambino avvolto in fasce e sdraiato in una mangiatoia” (Lc 2,12). In silenzio, ci inginocchiamo e adoriamo. E cosa ci dice questo Bambino, che ci è nato dalla Vergine Maria? Qual è il messaggio universale del Natale? Ci dice che Dio è un buon padre e siamo tutti fratelli. Questa verità è alla base della visione cristiana dell’umanità. Senza la fraternità che Gesù Cristo ci ha dato, i nostri sforzi per un mondo più giusto non andrebbero molto lontano, e anche i progetti migliori rischiano di diventare strutture senza spirito.

Ecco perché il mio desiderio di un buon Natale è un desiderio di fraternità. Fraternità tra persone di ogni nazione e cultura. Fraternità tra persone con idee diverse, ma capaci di rispettare e ascoltare l’altro. Fraternità tra persone di diverse religioni. Gesù è venuto a rivelare il volto di Dio a tutti quelli che lo cercano.

E il volto di Dio si è manifestato in un concreto volto umano. Non è apparso come un angelo, ma come un uomo, nato in un tempo e in un luogo. Così, con la sua incarnazione, il Figlio di Dio ci dice che la salvezza avviene attraverso l’amore, l’accettazione e il rispetto per la nostra povera umanità, che tutti condividiamo in una grande varietà di gruppi etnici, lingue, culture … ma tutti fratelli in umanità.

Quindi, le nostre differenze non sono un danno o un pericolo, sono una ricchezza. Per quanto riguarda un artista che vuole realizzare un mosaico: è meglio avere tessere di molti colori disponibili, piuttosto che pochi.

L’esperienza della famiglia ci insegna: essendo fratelli e sorelle, siamo diversi l’uno dall’altro, e non sempre siamo d’accordo, ma c’è un legame indissolubile che ci unisce, e l’amore dei genitori ci aiuta ad amarci l’un l’altro. Lo stesso vale per la famiglia umana, ma qui Dio è il ‘padre’, il fondamento e la forza della nostra fraternità.

Possa questo Natale riscoprire i legami di fraternità che ci uniscono come esseri umani e legano tutti i popoli. Che consenta agli israeliani e ai palestinesi di riprendere il dialogo e intraprendere un cammino di pace che metterà fine a un conflitto che – per più di settant’anni – lacera la Terra scelta dal Signore per mostrare il suo volto d’amore.

Possa Gesù Bambino permettere all’amata e martirizzata Siria di tornare a trovare la fraternità dopo lunghi anni di guerra. Che la comunità internazionale compia uno sforzo deciso per trovare una soluzione politica che metterà da parte le divisioni e gli interessi costituiti in modo che il popolo siriano, specialmente coloro che hanno dovuto lasciare le proprie terre e cercare rifugio altrove, possano tornare a vivere in pace la tua patria

Penso allo Yemen, con la speranza che la tregua raggiunta attraverso la comunità internazionale possa finalmente alleviare così tanti bambini e popolazioni, stremati dalla guerra e dalla fame.

Penso anche all’Africa, dove milioni di persone sono rifugiate o sfollate e hanno bisogno di assistenza umanitaria e sicurezza alimentare. Possa il Bambino divino, re della pace, mettere a tacere le armi e far nascere una nuova alba di fraternità in tutto il continente, e benedire gli sforzi di coloro che si impegnano a promuovere percorsi di riconciliazione a livello politico e sociale.

Maggio Natale rafforza i legami fraterni che uniscono la penisola coreana e consentono di proseguire il percorso di riavvicinamento, e di raggiungere soluzioni condivise che garantiscano lo sviluppo e il benessere per tutti.

Possa questo momento di benedizione permettere al Venezuela di ritrovare l’armonia e che tutti i membri della società lavorino fraternamente per lo sviluppo del paese, aiutando i settori più deboli della popolazione.

Possa il Signore che nasce dare consolazione all’amata Ucraina, desiderosa di riconquistare una pace duratura che tarda ad arrivare. Solo con la pace, rispettosa dei diritti di ogni nazione, il paese può riprendersi dalle sofferenze subite e ristabilire condizioni dignitose per i cittadini stessi. Mi sento vicino alle comunità cristiane di quella regione, e chiedo che i rapporti di fraternità e amicizia possano essere intrecciati.

Possano gli abitanti dell’amato Nicaragua essere riscoperti di fronte a Gesù Bambino, in modo che le divisioni e le discordie non prevalgano, ma che tutti si sforzino di favorire la riconciliazione e di costruire insieme il futuro del paese.

Vorrei ricordare le persone che soffrono di colonizzazione ideologica, culturale ed economica, vedendo la loro libertà e identità lacerate, e soffrendo la fame e la mancanza di servizi educativi e sanitari.

Rivolgo un particolare ricordo ai nostri fratelli e sorelle che celebrano la Natività del Signore in contesti difficili, se non ostili, specialmente dove la comunità cristiana è una minoranza, spesso vulnerabile o non considerata. Possa il Signore concedere loro – e tutte le comunità di minoranza – di vivere in pace e vedere riconosciuti i propri diritti, in particolare la libertà religiosa.

Che il piccolo e freddo Bambino che contempliamo oggi nella mangiatoia protegge tutti i bambini della terra e ogni persona fragile, indifesa e scartata. Possano tutti ricevere pace e consolazione per la nascita del Salvatore e, sentendosi amati dall’unico Padre celeste, incontrarsi di nuovo e vivere come fratelli”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

5 Commenti

Sabrina il 3 gennaio 2019 alle 9:10 am.

Caro Papa. Sulla polemica che si è sollevata circa le Sue ultime battute, vorrei invitarLa a comportarsi Lei in prima persona con amore e giustizia verso Asia Bibi, che dopo essere stata assolta e continuata a perseguitare nel suo paese islamico, sta aspettando solo una Sua visita per essere salvata dalle grinfie di Satana. La cosa è sotto gli occhi di tutti da anni. Vuole per cortesia fare la Sua parte e andarsi a riprendere questa Cristiana? Non c’è altro tempo da perdere in inutili disquisizioni dialettico-politiche. C’è solo da organizzare un viaggio di andata per uno e di ritorno per due. Io e tutte le persone di animo vicino a Dio non accettiamo che questa donna, che non ha commesso alcun reato grave, sia vittima sella sua subcultura prima, e della nostra indifferenza, poi. La salvi subito! Altrimenti le Sue parole rivolte ai fedeli ‘che è meglio che si considerino atei piuttosto che cattivi Cristiani’ Le si ritorceranno contro. È Lei a dover dare per primo l’esempio.
Grazie per la cortese attenzione. Buon anno.

https://agensir.it/quotidiano/2018/10/31/asia-bibi-assolta-paul-bhatti-ammirazione-per-il-coraggio-dei-giudici-ora-speriamo-in-una-visita-del-papa/

Rispondi

Rosa Dalmiglio il 1 gennaio 2019 alle 7:44 am.

nell’era di internet il ruolo delle religioni nei media è importante, Papa Francesco con la riforma dei media in Vaticano apre le porte ad un Giornalismo di Pace, non solo per i cristiani ma per chi lavora al dialogo interreligioso, basta maestri, abbiamo bisogno di esempi concreti, sono nate come funghi le Università per la Pace sopratutto sul web.
servono fatti non solo richieste di soldi per i cristiani perseguitati, la PACE è un’ARTE e la Chiesa di ROMA è un MUSEO di PACE per tutti.

BUON ANNO-STOP alle GUERRE

Rispondi

Marianna il 25 dicembre 2018 alle 7:28 pm.

Basta con la guerra, la violenza, l’odio. STOP ✋

Rispondi

Ivana Barbonetti il 25 dicembre 2018 alle 5:14 pm.

MI unisco a questa intercessione-preghiera del Santo Padre–uniamoci tutti, comprendiamo che sara’ un “Buon Natale” quando nel nostro cuore c’e’ amore solidarieta’, aiuto concreto verso chi ha bisogno, indipendentemente della razza, religione, status sociale——Ivana Barbonetti-

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.