Papa Francesco nell’Udienza di oggi assicura: ”I 10 comandamenti sono l’autentica verità della vita umana”

Nell’Udienza di oggi mercoledì 28 novembre, il pontefice ha incoraggiato tutti ad avere un nuovo cuore in Cristo, in modo che il Decalogo smetta di essere condannato e diventi la vera verità della vita umana.

A causa del freddo, l’udienza generale si è tenuta nella Sala Paolo VI del Vaticano, dove il Santo Padre ha concluso il suo itinerario dei Dieci Comandamenti.

Il Papa ha incoraggiato tutti noi ad avere una vita autentica, “cioè un desiderio di amore, di gioia, di pace, magnanimità, benevolenza, gentilezza, di fedeltà, di mansuetudine e autocontrollo. Questo è l’atteggiamento positivo di un cuore che si apre con la forza dello Spirito Santo “.

Durante la sua catechesi, il Santo Padre ha ricordato che la gratitudine è la base del rapporto di fiducia e obbedienza perché Dio afferma Francesco: “Non chiede nulla prima di dare molto di più. Lui ci invita all’obbedienza per salvarci dall’inganno delle idolatrie che hanno così tanto potere su di noi “.

Papa Francesco ha osservato:”Cercare in effetti, l’auto-realizzazione negli idoli di questo mondo, svuota e ci rende schiavi, mentre ciò che ci dà la statura e la coerenza è il rapporto con Colui che, in Cristo, ci rende figli dalla sua paternità”.

Il Papa ha spiegato quale sia l’importanza di vivere un processo di benedizione e di liberazione, che è autentico riposo. Papa Francesco ha detto:”Questa vita liberata diventa il rifugio della nostra storia personale e ci riconcilia con ciò che abbiamo vissuto dall’infanzia al presente, rendendoci adulti e capaci di dare il giusto peso alle realtà e alle persone della nostra vita”.

E’ cossi che il Santo Padre sottolinea la necessità di possedere un cuore nuovo, in modo particolare attraverso i Dieci Comandamenti adempiuti da Gesù, come Lui lui insegna nel discorso della montagna. E ha aggiunto: “La vita descritta nel Decalogo è un grato, libero, autentico, benedetto, custode e amante della vita, fedele, generoso e sincero, noi, quasi senza rendercene conto, siamo davanti a Cristo. Il Decalogo è la sua radiografia, la descrive come un negativo fotografico che lascia apparire il suo volto, come nella Sacra Sindone “.

In questo senso, il Papa Francesco ha detto che è possibile scoprire il significato del perché “il Signore Gesù non è venuto ad abolire la legge, ma a realizzarla, a farla crescere, e mentre la legge secondo la carne era una serie di prescrizioni e proibizioni “.

E ha aggiunto che Grazie allo Spirito “questa stessa legge diventa vita, perché non è più una norma, ma la stessa carne di Cristo, che ci ama, ci cerca, ci perdona, ci conforta e nel suo Corpo ricompone la comunione con il Padre, perso da la disobbedienza al peccato che in Cristo, e solo in lui, il Decalogo smette di essere condannato e diventa la vera verità della vita umana “.

Il Papa ha concluso affermando: “ Se i desideri malvagi sono quelli che rovinano l’uomo, lo Spirito mette nei nostri cuori i suoi santi desideri, che sono il germe di una nuova vita. E la nuova vita, non è lo sforzo erculeo per essere coerente con la regola, ma la nuova vita è lo Spirito di Dio, che inizia a guidarci a dare i suoi frutti in una sinergia felice tra la nostra gioia di essere amati e la gioia di amarci “, Il pontefice ha infine concluso dicendo: “Ecco il Decalogo per noi Cristiani, contempla Cristo per aprirci per ricevere il suo cuore, per ricevere i suoi desideri, per ricevere il suo Santo Spirito”,

Share Button

Può interessarti anche:

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

1 Commento

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.