Per tutti ci sarà il compenso che viene dalla giustizia divina per nostra fortuna!

“Nel Regno di Dio non ci sono disoccupati, tutti sono chiamati a fare la loro parte; e per tutti alla fine ci sarà il compenso che viene dalla giustizia divina – non umana, per nostra fortuna!”. Questo è il commento del Santo Padre sulla parabola dei lavoratori chiamati a giornata e raccontata da Gesù nel Vangelo odierno (Mt 20,1-16).

“Due sono gli aspetti del Regno di Dio che Gesù vuole comunicare: il primo, che Dio vuole chiamare tutti a lavorare per il suo Regno; il secondo, che alla fine vuole dare a tutti la stessa ricompensa, cioè la salvezza, la vita eterna”.

Ma la stessa ricompensa non è gradita a tutti i lavoratori che da sempre si impegnano: “Il padrone della vigna decide infatti di dare a tutti la stessa paga anche a quelli che hanno lavorato di meno (…) perché Gesù vuole aprire i nostri cuori alla logica dell’amore del Padre, che è gratuito e generoso”.

“Lasciarsi stupire e affascinare dai pensieri e dalle vie di Dio che come ricorda il profeta Isaia non sono i nostri pensieri e non sono le nostre vie” esorta il Santo Padre, perché spesso il pensiero dell’uomo è piegato dall’egoismo e dai tornaconti personali. I nostri sentieri non sono paragonabili alle strade del Signore che perdona con la sua misericordia.

Lo sguardo del Padrone con cui vede ognuno degli operai in attesa di lavoro è “pieno di attenzione e benevolenza” mentre li chiama ad andare a lavorare nella sua vigna. “È uno sguardo che chiama, che invita ad alzarsi, a mettersi in cammino, perché vuole la vita per ognuno di noi, vuole una vita piena, impegnata, salvata dal vuoto e dall’inerzia. Dio che non esclude nessuno e vuole che ciascuno raggiunga la sua pienezza. Questo è l’amore del nostro Dio, del nostro Dio che è Padre”.

Dopo Angelus, il Santo Padre cita il sacerdote missionario in Guatemala, Stanley Francis Rother, ucciso nel 1981 a soli 46 anni in “odium fidei” e beatificato per la sua opera evangelizzatrice e di promozione umana dei più poveri. “Il suo esempio eroico ci aiuti ad essere coraggiosi testimoni del Vangelo, impegnandoci in favore della dignità dell’uomo”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

1 Commento

simona il 25 Settembre 2017 alle 12:16 pm.

Il Signore è sempre buono e giusto con noi, operai della Sua vigna. Grazie Padre buono per aver impiegato anche me nella Tua vigna nonostante la mia povertà di doti e di fede.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.