Il Pontefice all’udienza:” Non pregate come pappagalli”

Il Papa ha messo in evidenza come il mistero della preghiera del Padre Nostro contiene:  “Il primo passo di ogni preghiera cristiana,  entrare in un mistero: quello della paternità di Dio”.

Papa Francesco ha proseguito con la catechesi sul “Padre nostro”. Il primo passo di ogni preghiera cristiana è apertura a un mistero, quello della paternità di Dio. Non si può pensare di  pregare come i pappagalli. Occorre entrare nel mistero, nella consapevolezza che Dio è tuo Padre, oppure non preghi. Se io voglio pregare Dio,  mio Padre allora incomincio con il mistero,

Nella Chiesa Cattolica, il catechismo cosi dice: “La purificazione del cuore tocca le immagini paterne e materne, come si sono configurate nella nostra storia personale e culturale, e che influiscono sulla nostra relazione con Dio” .

“Per capire fino a che punto Dio è nostro padre, dobbiamo pensare alla figura dei nostri padri, ma, per quanto possibile, dobbiamo perfezionarla, purificarla. A questo punto – ha sottolineato il Pontefice che –  nessuno di noi ha avuto genitori perfetti, così come non saremo mai genitori perfetti o pastori perfetti”.

Il Santo Padre ha affermato: “Viviamo sempre le nostre relazioni d’amore sotto il segno dei nostri limiti e anche del nostro egoismo, per questo motivo sono spesso contaminati dai desideri di possesso o manipolazione degli altri. – Aggiungendo – “Così le dichiarazioni d’amore a volte si trasformano in sentimenti di rabbia e ostilità”.

 

Per questo motivo, ha continuato Francesco – quando parliamo di Dio come ‘padre’, mentre pensiamo all’immagine dei nostri genitori, soprattutto se ci hanno veramente amato, dobbiamo andare oltre. Uomini e donne hanno eternamente bisogno d’amore, cercano un luogo dove sono finalmente amati, ma non lo trovano. Quante amicizie e quanti amori delusi ci sono nel nostro mondo!”.

 

Papa Francesco ha anche richiamato l’attenzione sull’ambivalenza dell’amore umano, che definisce:”Capace di fiorire e vivere pienamente per un’ora al giorno, per poi appassire e morire immediatamente”.

 

Spesso – afferma il Pontefice – il nostro amore è una promessa difficile da mantenere, un tentativo che presto si esaurisce ed evapora, un po’ come quando al mattino sorge il sole e la rugiada della notte evapora. Quante volte abbiamo amato in modo così debole e intermittente? Tutti noi abbiamo avuto l’esperienza: abbiamo amato, ma poi quell’amore è scaduto o è diventato debole. Desiderosi di amare veramente, abbiamo scontrato con i nostri limiti, con la povertà delle nostre forze: incapaci di mantenere una promessa che nei giorni di grazia sembrava facile da realizzare”.

 

Tuttavia, –  continua Francesco durante l’udienza –  c’è un altro amore, quello del Padre che è nei cieli. Nessuno dovrebbe dubitare di essere il destinatario di quell’amore. Ci ama. Lui mi ama, potremmo dire. Anche se nostro padre e nostra madre non ci amavano, c’è un Dio in cielo che ci ama come nessun altro su questa terra. L’amore di Dio è costante”.

 

Perciò,  –  conclude Papa Francesco nella sua catechesi, – non abbiate paura! Nessuno di noi è solo. Anche se, purtroppo, il tuo padre terreno ti aveva dimenticato e tu avevi un rancore contro di lui, non ti è stata negata l’esperienza fondamentale della fede cristiana: quella di conoscere te stesso per essere figlio prediletto di Dio”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

Marianna il 20 Febbraio 2019 alle 7:20 pm.

Nonostante le privazioni avute nella Vita, non ho mai smesso di amare. Sono orgogliosa della mia Fede.

Rispondi

Maria Grazia Bonavigo il 20 Febbraio 2019 alle 3:42 pm.

Grazie Papa Francesco. È vero che è più difficile sentirsi amati quando non lo siamo stati dal padre e madre che ci hanno generato. Ma è altrettanto vero che il nostro vero Padre DIO ci AMA VERAMENTE ILLIMITATAMENTE dimostrandocelo in tutti i modi e le occasioni possibili. Sta a noi liberare il cuore da rabbia e rancore per determinate situazioni lasciando totalmente spazio dentro di noi al Suo AMORE che è LA VITA per noi❤

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.