Sappiamo il significato della carezza ma ne abbiamo perso il senso

Sappiamo il significato della carezza ma ne abbiamo perso il senso

La fede senza la misericordia ,così come l’elemosina senza la carità, non serve a nulla. È stato questo il tema centrale della riflessione mattutina di Papa Francesco a Casa Santa Marta, culminata nella domanda, rivolta ai presenti: “Io mi vergogno della carne di mio fratello, di mia sorella?

Prendendo ad esempio proprio le parole di Gesù rivolte contro l’atteggiamento di osservanza formale della legge, in particolare del digiuno, il Pontefice ribadisce come il cristianesimo non sia una regola che va applicata senza ricorrere all’anima, non è una lista di precetti da osservare: intendere il cristianesimo in questo modo porta all’ipocrisia poiché ci si riveste di una maschera di buona condotta che nasconde un cuore privo di misericordia, vuoto di carità.

Così spiega Papa Francesco, trasformare il cristianesimo in una pura etica, in una serie di formalità come andare in chiesa, digiunare, fare l’elemosina equivale a rifiutare “quel dono di amore“, espressione dell’amore del Padre, che è proprio Gesù.

Il “digiuno che vuole il Signore“, spiega il Santo Padre, lo troviamo descritto già dal profeta Isaia nella prima lettura: si tratta di “dividere il pane con l’affamato, introdurre in casa i miseri senza tetto“, “vestire uno che vedi nudo“. Questo è il rispetto delle formalità che vuole Dio, è un “digiuno che si preoccupa della vita del fratello, che non si vergogna – lo dice Isaia stesso precisa Bergoglio – della carne del fratello“.

Così anche noi dobbiamo domandarci, “quando io do l’elemosina, lascio cadere la moneta senza toccare la mano?” O ancora “quando io do un’elemosina, guardo negli occhi di mio fratello, di mia sorella?

Sono questi piccoli gesti, come quello di andare a trovare una persona quando è ammalata, o il salutarla con tenerezza, che distinguono una rispetto formale dei precetti, da un rispetto misericordioso degli stessi. Non bisogna “vergognarsi della carne di nostro fratello: è la nostra carne! – ha quindi concluso Papa Francsco – Come noi facciamo con questo fratello, con questa sorella, saremo giudicati“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

5 Commenti

Estela del Rosario Arévalo il 4 Aprile 2014 alle 12:31 pm.

PERDÓN SANTO PADRE .Hice un comentario injusto porque no había leído con detenimiento su homilía . y las injusticias que vivimos diariamente nos hace poco reflexivos .
persone nuevamente , sus palabras son ciertas .y muy apropiada dar sin amor , sin sentimiento de misericordia y si amor a nuestros hermanos es hasta obsceno y cruel.
DIOS ME PERDONE POR HABER INTERPRETADO MAL .
GRACIAS A QUIEN LO,LEE Y PERDÓN .

Rispondi

Estela del Rosario Arévalo il 3 Aprile 2014 alle 1:32 pm.

A QUIEN LEA ESTE MENSAJE Y SE LO TRANSMITA A SU santidad.
Basta DE CARIDAD .LA VERDADERA MISERICORDIA ESTA EN DARLE A CADA UNO LO QUE LE CORRESPONDE.SI TRABAJAMOS , UN SALARIO JUSTO QUE NOS PERMITA VIVIR DIGNAMENTE .PARA ESO HAY QUE HABLAR CLARO DESDE EL PODER DE LA IGLESIA .BASTA DE 30 FAMILIAS RICAS Y EL RESTO TRABAJANDO COMO ESCLAVOS PARA AUMENTAR SUS RIQUEZAS .SI ESTO NO SE CUMPLE ,YO ESTOY SEGURA QUE DIOS SE ENOJARÁ Y MUCHO .
GRACIAS .UN ABRAZO .

Rispondi

ILARIO MAIOLO il 10 Marzo 2014 alle 7:56 am.

La fede senza la misericordia ,così come l’elemosina senza la carità, non serve a nulla.
Grazie, Santità!

Rispondi

stefania boffelli il 8 Marzo 2014 alle 10:29 am.

la carezza è un belllissimo segno specie se ti viene fatta dalla persona amata se poi te la fa papa francesco ti porterà fortuna per tutta la vita
boffellistefania@infinito.it

Rispondi

micaela coletti il 7 Marzo 2014 alle 8:14 pm.

Come Presidente del Comitato Sopravvissuti Vajont esopravvissuta alla tragedia ho scritto parecchie volte a Papa Francesco ma non abbiamo mai ricevuto mai una risposta. Non sapevo che anche per il Papa ci fossero persone di serie A e di serie Z! Micaela Coletti 3398195144

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.