Scontenti della vita perché non si accetta la salvezza

Scontenti della vita perché non si accetta la salvezza

Nella propria omelia di oggi Papa Francesco ha invitato i cristiani ad aprire il cuore alla salvezza, ma senza porre condizioni: una delle maggiori tentazioni a cui siamo sottoposti, ha infatti spiegato il Pontefice, è quella di crearci una salvezza su misura, a modo nostro, che ci aggradi, al posto di accettare lo “stile divino di salvezza“.

Tuttavia, vivere cercando il compromesso tra gli insegnamenti di Gesù e lo spirito del mondo porta le persone a vivere una certa insofferenza, uno scontento. “Anche noi fra i cristiani, quanti, quanti troviamo anche noi, ci troviamo noi un po’ avvelenati per questo scontento della vita. – ha commentato Bergoglio – Sì, davvero, Dio è buono, ma cristiani sì, ma… Cristiani sì, ma…

All’origine di questo scontento, ha spiegato il Papa, ci sono le “condizioni” che poniamo alla salvezza di Dio. Gesù in più riprese ha spiegato che per rinascere in Cristo bisogna accettare di perdere tutto: invece molti cristiani “sempre chiedono condizioni: «‘Sì, ma così!’. ‘Sì, sì, sì, io voglio essere salvato, ma per questa strada’»

In questo modo questi non “aprono il cuore alla salvezza e… così il cuore diviene avvelenato“. Tuttavia il mistero della Pasqua, che la Liturgia ricorda durante tutta la prossima settimana, ci insegna proprio che guardando il Crocefisso possiamo trovare sempre la salvezza: nel Crocefisso Gesù “prende su di sé il veleno, il peccato e viene innalzato“.

Da “questo tepore dell’anima, da questo essere cristiani a metà, ‘cristiani sì, ma…’“, da questo essere “scontenti, soltanto si guarisce guardando la Croce, guardando Dio che assume i nostri peccati: il mio peccato è lì“, nel crocefisso.

Impariamo dunque, durante questa Settimana Santa che inizia domenica, ad “accettare i momenti difficili“, le prove cui siamo sottoposti nella vita, come lo fu lo stesso Gesù e impariamo particolarmente ad “accettare lo stile divino di salvezza… accettare le vie per le quali il Signore mi porta avanti“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

9 Commenti

antonio il 25 Marzo 2015 alle 2:29 pm.

Salve Santo Padre come al solito le sue parole sono veramente SANTE,speriamo che arrivino al cuore di questi Preti Pascal Thuillier & Vescovo di Parigi Andrè,che comportandosi come dei offuscano,la volontà della Chiesa Cattolica,di essere portatrice di pace,umiltà,bontà e misericordia,infatti essi hanno prima ESORCIZZATO e poi PLAGIATO mia ZIA marchesa Yolande d’Argenge Lafue 92 enne(morta 19 febbraio 2011) DERUBANDOLA di MLN euro e imposessandosi della fondazione prima mettendo come presidente l’Abbè Pascal poi (dopo il nostro intervento a livello internazionale)mettendo presidente,l’avvocato Antoine Hinfray noto per gestire beni immobiliari(infatti MIA zia aveva diversi appartamenti)ma entrambi NON hanno i requisiti per tale incarico,LE abbiamo già scritto per un suo intervento in merito,ma NON la biasimiamo se NON ci ha risposto avendo LEI tanti problemi,Sia Lodato GESU’ Cristo,Olga Antonio Macchi Skype antoniomacchi

Rispondi

antonio il 25 Marzo 2015 alle 2:09 pm.

Salve Santo Padre come al solito le sue parole sono veramente SANTE,speriamo che arrivino al cuore di questi Preti Pascal Thuillier & Vescovo di Parigi Andrè,che comportandosi come dei offuscano,la volontà della Chiesa Cattolica,di essere portatrice di pace,umiltà,bontà e misericordia,infatti essi hanno prima ESORCIZZATO e poi PLAGIATO mia ZIA marchesa Yolande d’Argenge Lafue 92 enne(morta 19 febbraio 2011) DERUBANDOLA di MLN euro e imposessandosi della fondazione prima mettendo come presidente l’Abbè Pascal poi (dopo il nostro intervento a livello internazionale)mettendo presidente,l’avvocato Antoine Hinfray noto per gestire beni immobiliari(infatti MIA zia aveva diversi appartamenti)ma entrambi NON hanno i requisiti per tale incarico,LE abbiamo già scritto per un suo intervento in merito,ma NON la biasimiamo se NON ci ha risposto avendo LEI tanti problemi,Sia Lodato GESU’ Cristo,Olga Antonio Macchi Skype antoniomacchi

Rispondi

giacomo il 25 Marzo 2015 alle 1:52 pm.

Lo “scontento” dei cristiani avviene perché si ignora il progetto di Dio nei nostri confronti. Un Dio che tramite le alleanze ci vuole soci nell’eternità. Soci di minoranza , ma soci di partecipare a godere per sempre dell’immenso , purchè rispettiamo l’alleanza dettata da Gesù che si basa sulla remissione dei peccati e sull’accettazione della croce. Ebbene questo progetto dovrebbe farci esaltare e renderci felici per tutto il tempo della vita.

Rispondi

enza il 25 Marzo 2015 alle 12:18 pm.

ogni giorno prego per superare e accettare i momenti difficili cercando di guarire la mia anima e poter ottenere il perdono e la salvezza imparando ad accettare le vie del Signore.La mia strada è ancora lunga ma la mia speranza cresce ogni giorno da quando ogni giorno sono a conoscenza delle omelie del Santo Padre prego per Lui così come Lui prega per tutti noi, Lui è riuscito con le sue parole e il suo modo di fare di risvegliare la mia e la coscienza e quella di tante altre persone.Grazie di tutto.

Rispondi

GIANFRANCA il 25 Marzo 2015 alle 8:26 am.

QUANTO CI FA RIFLETTERE QUELLO CHE DICE IL PAPA!!! COME E’ DIFFICILE NELL’……ESSERE DELLA VITA……SEGUIRE CON CRISTO LA VOLONTA’ DEL
PADRE SEGUIRE CRISTO SULLA VIA DEL CALVARIO.

Rispondi

roberto rossi il 25 Marzo 2015 alle 8:04 am.

Si il papa ha ragione ma noi siamo costretti ad osservare le regole della società in cui siamo inseriti e le regole che ci impone il mondo del lavoro. Non le condividiamo ma dobbiamo sottostare a loro per sopravvivere quindi siamo frustrati e scontenti.che lo spirito santo ci aiuti ad andare avanti nelle difficoltà

Rispondi

Marilena il 25 Marzo 2015 alle 5:47 am.

La grazia di Dio Padre e’ grande, Benetto sia Dio perche’ ogni giorno guida i nostri passi e ci da sostegno e gioia. Grazie Santo Padre per donarci la salvezza del Padre, attraverso le sue parole impariamo la speranza e percepiamo nei cuoi che Gesù vuole il suo popolo capace di amare e di perdonare. Se tutti stiamo uniti nel Padre e con il Padre il nostro piede non potrà vacillare. Perche’ Egli rialza il suo servo dalle cadute. Siamo speranzosi nella benevolenza e misericordia infinita di Dio e saremo salvi. La dolcezza e la mitezza non abbandoni mai i servi di Dio e il cuore affinché tutti possiamo essere redenti e purificati dal Padre che di amore infinito ama il mondo. amen. Oggi e’ un nuovo giorno offriamolo a Dio e con pazienza e forza viviamolo. Santa Madre aiutaci nel cammino di fede per imparare ad amare il tuo Figliolo di un amore puro e preservato dal male. Buona giornata.

Rispondi

Franca il 25 Marzo 2015 alle 3:36 am.

Io però caro Papa, non sono contenta nemmeno vedere Gesù in croce senza colpe. Già allora il popolo ha scelto Barabba. Perché solo i più piccoli e i più buoni i più onesti nella storia hanno, devono soccombere l’arroganza, la cattiveria, del potere ingiusto e malsano? C’è bisogno di una inversione del sistema sbagliato
se vogliamo trovare giustizia e salvezza come Dio vorrebbe.

Rispondi

Odalis Lugo Insaurralde il 25 Marzo 2015 alle 12:43 am.

Santo Padre que Dios ilumine su camino.
Nuestra Señora lo guie siempre.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.