Se la nostra vita rinasce è davvero Natale

Nel corso dell’Udienza Generale di mercoledì 18 Dicembre 2019 il Santo Padre, concentrandosi sull’importanza di fare il presepe, ha ricordato che “se la nostra vita rinasce è davvero Natale”. Il presepe riesce a portare il Vangelo nei posti in cui si vive cioè nelle case, nelle scuole, nelle piazze, negli ospedali, nelle carceri e nei luoghi di lavoro.


Il Papa ha detto di essersi recato a Greccio, luogo in cui il primo presepe. “Fare il presepe è celebrare la vicinanza di Dio”, ha detto il Santo Padre, ed ha ricordato che si tratta di una maniera semplice ma allo stesso tempo molto efficace per prepararsi al Natale che si avvicina.


“Dio sempre è stato vicino al suo popolo ma quando si è incarnato è stato vicinissimo”, ha aggiunto ancora il Pontefice, sottolineando come il bambinello con le braccia aperte che mettiamo nei nostri presepi ricorda che Dio è venuto ad abbracciare la nostra umanità. E’ proprio questo il motivo per cui il Papa ha esortato tutti a mettersi davanti ad un presepe per poter parlare apertamente al di tutto ciò che ci sta a cuore e per riuscire a fare insieme a Lui il bilancio dell’anno che sta per concludersi.


Il pensiero del Santo Padre che è arrivato a tutti in maniera molto forte è stato che “Il presepe è più che mai attuale, mentre ogni giorno si fabbricano nel mondo tante armi e tante immagini violente, che entrano negli occhi e nel cuore. Il presepe è invece un’immagine artigianale di pace. Per questo è un Vangelo vivo”.


All’interno di un presepe vengono proposte delle scene quotidiane. Vediamo lavoratori, pastori con le pecore, i mugnai che ci indicano che Dio viene nella nostra vita concreta. Per questo è importante fare a casa un piccolo presepe, per ricordare che “Dio viene da noi”.


Il presepe è anche un invito un alla contemplazione che richiama l’importanza del sapersi fermare. “Solo se lasciamo fuori casa il frastuono del mondo ci apriamo all’ascolto di Dio, che parla nel silenzio. Il presepe è attuale, è l’attualità di ogni famiglia”.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

ROSA DALMIGLIO il 20 Dicembre 2019 alle 7:27 am.

nell’era della comunicazione Papa Francesco, richiama l’attenzione dei cristiani sul significato del PRESEPE
personalmente ho sempre preferito il PRESEPE, ora è mio nipote ad allestirlo, continua la tradizione, mentre la nonna riceve gli amici Buddhisti, Islamici, Ebrei e le minoranze Cinesi che difende da 27 anni

Rispondi

Ivana Barbonetti il 19 Dicembre 2019 alle 9:09 am.

Solo amando come ci Insegno’ Gesu’, la vita puo’ rinascere—una pianta senza acqua e luce,muore—la vita senza amore,relazioni sociali buone di dialogo, confronti sani, appiattisce, perde i colori, perde il senso del bello, vivere diventa una routine noiosa, si cerca nei posti sbagliati e distruttivi(notti bianche? alcool, droga per farcela tutta la notte svegli, svegli a che motivo?–riflettiamo e comprendiamo+viviamo quanto colora, da sapore alla vita, dire val la pena di vivere, nelle reali difficolta’ del mondo, ma uniti nella condivisione, rispettandoci, volendoci bene, ogni croce diventa piu’ leggera–Anche Gesu’ accetto’ l’aiuto del Cireneo—-Ivana Barbonetti

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.