Seguire Gesù esclude rimpianti e richiede decisione

 

In occasione dell’Angelus di domenica 30 giugno 2019 il Santo Padre ha proposto il Vangelo di Luca nel racconto dell’ultimo viaggio di Gesù verso Gerusalemme, luogo nel quale ha compiuto la sua missione. Nel brano, ha detto Papa Francesco, “ci sono tre casi di vocazione che indicano quanto è richiesto a chi vuole seguire Gesù fino in fondo”.

Il primo personaggio “ ha indicato a noi suoi discepoli che la nostra missione nel mondo non può essere statica”, ha detto il Papa, sottolineando successivamente la necessità che il cristiano sia un itinerante.

Il secondo personaggio, dopo aver sentito la chiamata di Gesù chiede Lui il permesso di recarsi prima a seppellire suo padre ma si sente rispondere : “Lascia che i morti seppelliscano i loro morti”. Con tali parole, ha detto il Santo Padre, “Egli ha voluto affermare il primato dell’annuncio del Regno di Dio, anche su realtà apparentemente più importanti, come la famiglia”. L’urgenza di comunicare il Vangelo,infatti, richiede disponibilità e prontezza e non ammette ritardi.

Il terzo personaggio è colui che promette ed assicura che seguirà il Maestro, ma solo dopo essere andato dai parenti per congedarsi. Gesù gli risponde: “Nessuno che mette mano all’aratro e poi si volge indietro, è adatto per il regno di Dio”.

Le parole del Santo Padre a riguardo sono state che “seguire Gesù esclude rimpianti e richiede decisione”. Successivamente alla presentazione di questi tre personaggi tratti dal Vangelo di Luca, Papa Francesco ha sottolineato che Gesù ha posto tre importanti condizioni: itineranza, prontezza e decisione, fondamentali per divenire un discepolo.

Si tratta, a dire del Papa, di una scelta libera e consapevole che deve essere fatta per amore e non per fare carriera, per sentirsi importanti o acquisire un posto di prestigio.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

luigi crocco il 1 luglio 2019 alle 6:19 pm.

Eccellentissimo Papa Franceso fa sempre riferimento al grandi santi e apostoli del primo cristianesimo San Paolo san Pietro che lanciarono il vangelo o la dottrina di cristo a Roma e nel mondo ma oggi siamo circa 7 miliardi di persone che devono continuare a lottare per mantenere sul inquinamento le crisi economiche le guerre ecc il diritto ad esistere ma si ergono su un frastuono di voci che silenziano i principi dei 12 apostoli

Rispondi

flavio ferraris il 1 luglio 2019 alle 1:43 am.

Caro Papa,sono talmente deciso nel seguire le orme di Gesù,che in questo momento sto piangendo,non ho il potere di risvegliare la staticità di uomini con posizioni di prestigio,al concepire la bellezza del dare amore senza creare discepoli,perchè questi ultimi potrebbero essere solo umani.Mi scusi se il mio essere deciso si permette di darle un consiglio:”prima di pubblicare un sua riflessione,provi a farla leggere a un bambino di prima elementare,se capirà il suo scritto allora sarà reale.L’unico rimpianto che avrò è la sua non comprensione.Anche dopo 2019 anni non è mai troppo tardi.

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.