1

La testimonianza è il nostro miglior consiglio ed educazione

La testimonianza è il nostro miglior consiglio ed educazione

All’Udienza Generale di oggi, Papa Francesco, continuando il proprio ciclo di catechesi sulle opere di misericordia ha parlato di due opere tra di loro strettamente connesse: consigliare e insegnare, che il catechismo cattolico indica come “consigliare i dubbiosi” e “insegnare agli ignoranti“. Continue reading “La testimonianza è il nostro miglior consiglio ed educazione”

Share Button
1

Pace è Perdono, Accoglienza, Collaborazione, Educazione

Pace è Perdono, Accoglienza, Collaborazione, Educazione

Nella giornata di oggi ritorniamo all’incontro di Assisi, tenutosi lo scorso 20 settembre 2016, per ripercorrere la meditazione di Papa Francesco rivolta ai rappresentanti delle Chiese, delle Comunità cristiane e delle Religioni. Il tema dell’incontro era il cammino comune verso la pace, anelito dell’umanita di fronte alla quale nessun uomo di buona volontà può rimanere indifferente. Continue reading “Pace è Perdono, Accoglienza, Collaborazione, Educazione”

Share Button
1

Educare le periferie in umanità, in intelligenza, in valori

Educazione cristiana: educare le periferie in umanità, in intelligenza, in valori

Al centro dell’intervento di Papa Francesco durante l’udienza ai partecipanti al Congresso Mondiale promosso dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica è stata proprio l’educazione, luogo di promozione dell’umanità, la quale non deve mai essere selettiva, ma inclusiva. Continue reading “Educare le periferie in umanità, in intelligenza, in valori”

Share Button
1

Non dobbiamo deludere i giovani: ascoltiamo le loro aspirazioni

Non dobbiamo deludere i giovani ascoltiamo le loro aspirazioni

Don Bosco ci insegna a non stare a guardare, ma a porsi in prima linea“, ha detto Papa Francesco in un messaggio inviato alla famiglia salesiana in occasione della ricorrenza dei duecento anni dalla nascita del fondatore: nonostante l’Italia e L’Europa siano cambiate, rispetto i tempi della predicazione di don Bosco, il cuore del messaggio salesiano è quanto mai attuale. Continue reading “Non dobbiamo deludere i giovani: ascoltiamo le loro aspirazioni”

Share Button
1

Mettetevi in gioco con gli altri e con Dio, dando il meglio di voi stessi

Mettetevi in gioco con gli altri e con Dio, dando il meglio di voi

Educazione, sport e lavoro sono i tre pilastri indispensabili per crescere bene: così Papa Francesco, incontrando circa 7000 rappresentanti della Federazione Italiana Tennis, nella giornata di ieri, presso l’Aula Paolo VI, in Vaticano, ha messo in luce l’importanza dello sport per la formazione di giovani e giovanissimi, invitando gli atleti ad essere modelli e portatori di “valori umani” sani. Continue reading “Mettetevi in gioco con gli altri e con Dio, dando il meglio di voi stessi”

Share Button
1

Chi incontra un cristiano percepisce qualcosa della bontà di Dio?

bontà di Dio

Chi ci incontra, chi incontra un cristiano, – domanda Papa Francesco – percepisce qualcosa della bontà di Dio, della gioia di aver incontrato il Cristo?” Questa domanda che il Pontefice rivolge ai Presuli della Conferenza Episcopale dei Paesi Bassi in verità è motivo di riflessione per ogni cristiano. Continue reading “Chi incontra un cristiano percepisce qualcosa della bontà di Dio?”

Share Button
1

E’ importante educare i nostri giovani al mutuo rispetto degli altri

mutuo rispettoNon si possono vivere legami veri con Dio, ignorando gli altri.” dice Papa Francesco. Il rapporto con l’altro é fondamentale per il nostro stesso rapporto con Dio, il quale ci ha collocato al centro della creazione e non al margine di essa o da soli.

In particolare San Francesco, il santo del quale Bergoglio ha deciso di portare il nome, é stato di esempio in questo speciale rapporto che ci deve legare con la creazione e con gli altri. Infatti il grande esempio di fede di San Francesco é proprio nell’amore verso Dio ed ogni altro essere umano, “al punto da essere chiamato «fratello universale». Egli ha amato, aiutato e servito i bisognosi, i malati e i poveri; si è pure preso grande cura della creazione.” commenta il Vescovo di Roma.

Per questo il Papa, nel messaggio ai mussulmani in occasione della fine del Ramadam, ovvero il mese dedicato principalmente al digiuno, alla preghiera e all’elemosina, invita a focalizzare la riflessione tra le due grandi religioni monoteiste nella “promozione del mutuo rispetto attraverso l’educazione.

Questo tema precisa Papa Francesco riguarda sia i cristiani che i mussulmani e vuole sottolineare che l’educazione é fondamentale per una adeguata comprensione dell’altro. Infatti il termine “mutuo” sta proprio a indicare che non é un qualcosa a senso unico ma un percorso che si compie assieme, nel medesimo cammino, uno in direzione dell’altro.

Il termine “rispetto” invece indica quel particolare atteggiamento di profonda stima che dobbiamo a quelle persone che consideriamo. Come parte fondamentale di questo atteggiamento ci sono dei valori fondamentali che siamo chiamati a rispettare nell’altro: essi sono “la sua vita, la sua integrità fisica, la sua dignità e i diritti che ne scaturiscono, la sua reputazione, la sua proprietà, la sua identità etnica e culturale, le sue idee e le sue scelte politiche.

Mutuo rispetto” significa dunque che dobbiamo pensare, parlare e scrivere dell’altro in modo rispettuoso, sempre e in qualsiasi occasione, evitando diffamazioni e critiche. In questo l’educazione gioca un ruolo fondamentale: é nelle famiglie e nelle scuole che si apprende il rispetto dell’altro. E’ nostro compito, sia come cristiani che come mussulmani, insegnare ai giovani a pensare e a parlare con rispetto dell’altro, particolarmente delle altre religioni e di chi le professa, evitando in qualsiasi modo di ridicolizzare, parlar male o ancor peggio di offendere le pratiche religiose e ancor più le convinzioni religiose altrui.

 

Share Button
1

La solidarietà: impariamo a condividere per arricchirci veramente

solidarietà cristianaChe bello essere accolti con amore, con generosità, con gioia!“, ha detto Papa Francesco rivolgendosi alle persone riunite presso la favela di Varginha.

So bene che quando qualcuno che ha bisogno di mangiare bussa alla vostra porta, voi trovate sempre un modo di condividere il cibo; come dice il proverbio, si può sempre ‘aggiungere più acqua ai fagioli’!“. Continue reading “La solidarietà: impariamo a condividere per arricchirci veramente”

Share Button