Mettetevi in gioco con gli altri e con Dio, dando il meglio di voi stessi

Mettetevi in gioco con gli altri e con Dio, dando il meglio di voi

Educazione, sport e lavoro sono i tre pilastri indispensabili per crescere bene: così Papa Francesco, incontrando circa 7000 rappresentanti della Federazione Italiana Tennis, nella giornata di ieri, presso l’Aula Paolo VI, in Vaticano, ha messo in luce l’importanza dello sport per la formazione di giovani e giovanissimi, invitando gli atleti ad essere modelli e portatori di “valori umani” sani.

Il Pontefice ha ribadito il proprio pensiero, espresso già in più occasioni, per lo più incontrando associazioni e membri del mondo sportivo, di come lo sport sia una “esperienza educativa“: “oggi lo voglio ribadire – ha detto il Santo Padre gli sportivi presenti – lo sport è una strada educativa“, uno dei “pilastri fondamentali per i bambini, i ragazzi e i giovani“.

Complessivamente, poi, il Vescovo di Roma ha citato “l’educazione – scolastica e familiare –, lo sport e il lavoro” quali pilastri fondamentali per una corretta formazione dei giovani e giovanissimi: “su questi tre pilastri si cresce bene!  Quando ci sono tutti e tre, allora esistono le condizioni per sviluppare una vita piena e autentica – ha chiarito ulteriormente Papa Bergoglio – evitando così quelle dipendenze che avvelenano e rovinano l’esistenza”.

La Chiesa si interessa di sport perché le sta a cuore l’uomo, tutto l’uomo – ha dunque aggiunto – e riconosce che l’attività sportiva incide sulla formazione della persona, sulle relazioni, sulla spiritualità“. È proprio in questa chiave di lettura che l’atleta diventa un esempio da seguire, in quanto testimone di valori umani da seguire: “Voi atleti avete una missione da compiere: poter essere, per quanti vi ammirano, validi modelli da imitare. – ha quindi spiegato Papa Francesco – siete chiamati a dare buona testimonianza di valori umani, maestri di una pratica sportiva che sia sempre limpida e leale“, senza “imboccare scorciatoie come avviene nel caso del doping“.

Ha dunque concluso invitando gli atleti “a mettersi in gioco non solo nello sport – come già fate e con ottimi risultati –, ma nella vita, alla ricerca del bene, del vero bene, senza paura, con coraggio ed entusiasmo. – ha detto – Mettetevi in gioco con gli altri e con Dio, dando il meglio di voi stessi, spendendo la vita per ciò che dura per sempre e che vale davvero. Mettete i vostri talenti al servizio dell’incontro tra le persone, dell’inclusione, dell’amicizia“.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

3 Commenti

Filomena Ciavarella il 10 Maggio 2015 alle 9:59 am.

Donare il meglio di se’ a Dio, vedere nel volto degli altri il riverbero della Sua luce divina, anche nelle cadute, lottando con tutte le forze per leggere il positivo nella realta’.
Buona domenica Santo Padre

Rispondi

Marilena il 10 Maggio 2015 alle 6:51 am.

La vita si deve vivere come in palestra con molto impegno e dedizione all’altro si arriva al traguardo. Mi piace fare sport perche’ ti metti in gioco insieme agli altri e lavorando con fatica ottieni i risultati sperati, il corpo e’ il tempio dello Spirito Santo e prendersi cura di se stessi e degli altri e’ una carezza che facciamo a Dio. Seguendo la retta via e uno stile di vita sano si e’ in pieno vigore e sopratutto in grazia di Dio, al contrario gli stolti prendono vie tortuose e scorciatoie per arrivare prima ma incontrano la perdizione non la realizzazione. Col duro lavoro, la costanza e l’impegno del contadino una quercia mette radici forti e rigogliosa cresce per accogliere tra le sue fronde gli uccelli del celo, e pur esposta alle intemperie del tempo i suoi rami sono volti, perche’ le sue radici sono interrate bene,e riceve nutrimento e cura. Non così per chi non si radica nei valori veri e nella fede. Corpo sano mente sano. Che tutti noi seguendo uno stile di vita armonico e salutare possiamo essere testimoni e modelli da imitare per gli altri, che Gesù e Maria proteggano i giovani e tutte le persone operosi nella vita, e aiutino quanti si trovano nell’afflizione e nel dolore a scegliere di vivere bene e di seguire la via dell’amore per Dio e per gli altri. Buona giornata,siate misericordiosi come Gesù e aiutiamoci gli uni gli altri prendendoci per mano e rialzando lungo la via chi e’ caduto.

Rispondi

Ivana Barbonetti il 9 Maggio 2015 alle 4:35 pm.

DIO TI BENEDICA SANTO PADRE FRANCESCO, mi unisco alle tue richieste fatte agli sportivi,valide per tutti noi, invito tutti a unirci nella preghiera perche’ questo DONO avvenga in tutti NOI. Mettersi in gioco nella vita, alla ricerca del bene, del vero bene, senza paura, con coraggio e entusiasmo. Grazie Francesco.——–Ivana Barbonetti

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.