Dio bussa alla porta del nostro cuore e aspetta che gli apriamo

Continua con l’Udienza odierna nella Biblioteca del Palazzo apostolico la catechesi iniziata la settimana scorsa da Papa Francesco sulla preghiera e sulla sua importanza.

Continue reading “Dio bussa alla porta del nostro cuore e aspetta che gli apriamo”
Share Button

Non c’è cristianesimo senza misericordia, cerchiamo l’amore del Padre

All’Udienza, ancora forzatamente lontano dalla gente e trasmessa in streaming, Papa Francesco affronta la quinta delle Beatitudini, che recita: “ Beati i misericordiosi perché troveranno misericordia”, in cui c’è una “reciprocità del perdono”, tema ricorrente in tutto il Vangelo.

Continue reading “Non c’è cristianesimo senza misericordia, cerchiamo l’amore del Padre”
Share Button

Il Padre Nostro ci porta alle radici della nostra identità cristiana

Il Padre Nostro ci porta alle radici della nostra identità cristiana

L’omelia di oggi, durante la Santa Messa del mattino, è stata centrata sulla significato della parola “Padre” nella preghiera del cristiano: questa, ha spiegato Francesco, per il cristiano non è una parola vuota, ma al contrario svela le “radici della mia identità” cristiana perché essere figlio di Dio è proprio il cuore dell’identità cristiana. Continue reading “Il Padre Nostro ci porta alle radici della nostra identità cristiana”

Share Button

Il buon genitore aspetta, protegge, incoraggia e corregge i figli

Il buon genitore aspetta, protegge, incoraggia e corregge i figli

Nell’Udienza Generale di oggi, 4 febbraio 2015, Papa Francesco, continuando la propria catechesi sulla famiglia, in vista del Sinodo dei Vescovi di fine anno, ha parlato del “buon padre”: per essere dei buoni padri è necessario che il padre sia presente nella famiglia, che sia vicino alla moglie e che sia vicino ai figli nella crescita. Continue reading “Il buon genitore aspetta, protegge, incoraggia e corregge i figli”

Share Button

Coloro che hanno nemici nel cuore non riconoscono Dio Padre Nostro

padre nostroQuando prego, a chi prego? Con questa domanda inizia l’omelia del 20 giugno di Papa Francesco. E in effetti la domanda non é poi tanto banale. Diamo tanti nomi a Dio e alla fine rischiamo in qualche modo di perderci e non sapere più chi stiamo pregando. Il Dio Onnipotente infatti appare spesso lontano, distante. Il Dio cosmico dall’altro lato sembra molto moderno, molto new age.Così rischiamo di non sentire Dio. Continue reading “Coloro che hanno nemici nel cuore non riconoscono Dio Padre Nostro”

Share Button