Il peccato ci invecchia dentro! Ci invecchia presto!

Il peccato ci invecchia dentro! Ci invecchia presto!

Il sì di Maria ha aperto la strada a Dio fra noi“, ha ricordato Papa Francesco durante l’Angelus di oggi: “è un grande sì“, “è un sì pieno, totale, per tutta la vita, senza condizioni” che ci ricorda che “anche per ciascuno di noi c’è una storia di salvezza fatta di sì e di no“. Continua »

Share Button

Omaggio alla Statua dell’Immacolata Concezione

omaggio-alla-statua-dellimmacolata-concezione Continua »

Share Button

Angelus Domini 8 dicembre 2016

Angelus Domini 8 dicembre 2016 Continua »

Share Button

La speranza cristiana ci fa vedere oltre i problemi

La speranza cristiana ci fa vedere oltre i problemi

Concluso il ciclo di catechesi sulla misericordia, Papa Francesco, durante l’Udienza Generale di oggi ha iniziato un nuovo ciclo, questa volta centrato sulla speranza cristiana. Questa, che non va confusa con l’ottimismo, non delude mai: essa è “quella virtù cristiana che noi abbiamo in dono dal Signore e che ci fa vedere oltre i problemi, i dolori, le difficoltà, oltre i nostri peccati; e ci permette di ammirare la bellezza di Dio“. Continua »

Share Button

La nostra umanità si arricchisce molto se stiamo con gli altri.

preghierapoveri Continua »

Share Button

Udienza Generale 7 dicembre 2016

udienza generale 7 dicembre 2016 Continua »

Share Button

In ognuno di noi c’è sempre qualcosina delle pecore smarrite

In ognuno di noi c'è sempre qualcosina delle pecore smarrite

Papa Francesco, durante la omelia del mattino, ha centrato la propria riflessione sulla figura di Giuda, l’apostolo che ha tradito Gesù, pecorella smarrita per eccellenza, sottolineando come in ognuno di noi ci sia “sempre qualcosina, piccolina o non tanto piccolina, delle pecore smarrite” e per questo non dobbiamo condannare chi sbaglia, ma comprenderli e condurli sulla via del pentimento, come fu per Giuda che, nel momento della sua morte, dice il Vangelo, era pentito del peccato commesso. Continua »

Share Button

Consegnamo i nostri peccati al Signore e ci farà uomini nuovi

Consegnamo i nostri peccati al Signore e ci farà uomini nuovi

Papa Francesco, durante la omelia di oggi, commentando la Prima Lettura nella quale il Profeta Isaia ci parla del rinnovamento, ha sottolineato come l’opera di Gesù sia proprio quella di crearci uomini e donne nuovi, purché abbiamo la capacità di riconoscere i nostri peccati e le nostre debolezze, di dare loro un nome e di consegnarle così al Signore, in modo sincero, affinché ri-crei ognuno di noi da peccatore a giusto. Continua »

Share Button