Discorso di Papa Francesco sulle unioni civili e sul matrimonio

Discorso Papa Francesco sulle unioni civili e sul matrimonio

La Chiesa è “inscindibilmente connessa con la famiglia“, ha detto Papa Francesco nel proprio messaggio in occasione dell’inaugurazione dell’Anno giudiziario del Tribunale della Rota Romana: per mezzo del Tribunale della Famiglia, la Chiesa continua “a proclamare il disegno di Dio Creatore e Redentore sulla sacralità e bellezza dell’istituto familiare. Una missione sempre attuale, ma che acquista particolare rilevanza nel nostro tempo“.

L’intervento del Santo Padre viene al termine di un cammino sinodale di due anni, nel corso del quale la Chiesa tutta ha “potuto compiere, in spirito e stile di effettiva collegialità, un approfondito discernimento sapienziale“: è emerso, in modo chiaro e univoco che “non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione“.

La famiglia e la Chiesa, su piani diversi, concorrono ad accompagnare l’essere umano verso il fine della sua esistenza“, ha inoltre aggiunto il Santo Padre “E lo fanno certamente con gli insegnamenti che trasmettono, ma anche con la loro stessa natura di comunità di amore e di vita. Infatti, se la famiglia si può ben dire “chiesa domestica”, alla Chiesa si applica giustamente il titolo di famiglia di Dio. Pertanto «lo “spirito famigliare” è una carta costituzionale per la Chiesa: così il cristianesimo deve apparire, e così deve essere. È scritto a chiare lettere: “Voi che un tempo eravate lontani – dice san Paolo – […] non siete più stranieri né ospiti, ma concittadini dei santi e familiari di Dio” (Ef 2,19). La Chiesa è e deve essere la famiglia di Dio»“.

Proprio il fatto di essere tutti uniti in una famiglia, però, ci apre ad una seconda verità, ovvero “che quanti, per libera scelta o per infelici circostanze della vita, vivono in uno stato oggettivo di errore, continuano ad essere oggetto dell’amore misericordioso di Cristo e perciò della Chiesa stessa“.

La Chiesa, in conclusione, pur ribadendo che il “sogno” di Dio è “la famiglia, fondata sul matrimonio indissolubile, unitivo e procreativo“, è al contempo chiamata a mostrare l’indefettibile amore misericordioso di Dio verso le famiglie, in particolare quelle ferite dal peccato e dalle prove della vita“.

Avete già acquistato Papa Francesco News in edicola? Tenetene una copia sempre a portata di mano, così porterete sempre con voi le parole e le riflessioni di Papa Francesco, in ogni momento della giornata.

Share Button

Lascia il tuo pensiero con Giudea.com

21 Commenti

OSCAR JOSE MONTERO il 31 Gennaio 2016 alle 2:44 am.

PER FAVORE l’amministratore di questo sito vi chiederà gentilmente di presentare questa nota per il nostro Papa Francisco . GRAZIE , GRAZIE …..
SEÑOR PAPA FRANCISCO, SOY DE VILLA GDOR. GALVEZ SANTAFE ARGENTINA, EL MOTIVO DE MI ESCRITURA ES POR UN MILAGRO SE HA DADO EN MI, TRATARE DE SER BREVE PERO IGUALMENTE ES LARGO, HACE 25 DÍAS QUE FALLECIÓ UN GRAN AMIGO DE TODA LA VIDA, SÚBITAMENTE, PASADOS 3 DÍAS EN LA TRANQUILIDAD DE MI PATIO, ORE POR EL ALMA DE EL Y LE PEDÍ SI PODÍA INTERCEDER POR MI SALUD QUE ESTA BASTANTE DETERIORADA, ENTRE LAS DOLENCIAS QUE TENGO EN EL CORAZÓN DE NACIMIENTO Y EN EL 2008 ME CAÍ MAL CARGANDO BOLSAS DE ALIMENTOS ME LESIONE MUY FEO LA CINTURA DEL LADO IZQUIERDO Y TRAVÉS DEL TIEMPO REPERCUTIÓ EN TODA LA PIERNA IZQUIERDA Y ERA TAN INTENSO EL DOLOR QUE ME OBLIGABA TOMAR CALMANTES MUY FUERTES DURANTE AÑOS TODOS LOS DÍAS PARA PARA PODER TERMINAR CADA DÍA DE MI VIDA SOLO DIOS Y YO SABEMOS EL DOLOR QUE PADECÍA DÍA TRAS DÍA Y MILAGROSAMENTE AL OTRO DÍA DE PEDIRLE A SERGIO COSTA MI AMIGO FALLECIDO QUE INTERCEDA POR MI ANTE DIOS ES QUE DESAPARECIÓ EL DOLOR POR COMPLETO SOLO TOME 3 O 4 ANALGÉSICOS EN 14 DÍAS CREO QUE MAS QUE NADA POR LA ADICCIÓN GENERADA POR TANTOS AÑOS DE MEDICAMENTOS POR MOMENTOS ME PARECE ESTAR VIVIENDO UN SUEÑO, VOLVER A CAMINAR SIN SUFRIR. SERGIO COSTA ERA UN MUCHACHO MUY MUY BUENO CON MUCHO AMOR AL PRÓJIMO, TODA SU VIDA VIVIÓ DE LA FUERZA DE UN SOLO BRAZO YA QUE EL IZQUIERDO AL NACER CON EL FORCE LE CORTARON LOS NERVIOS Y LOS TENDONES POR MUCHO TIEMPO FUE VENDEDOR DE JUGUETES AL POR MAYOR CON SU AUTO, Y PARA EL ERA UNA SATISFACCIÓN ESPECIAL EN DÍA DE REYES IR A ALGÚN HOGAR DE HUÉRFANOS A ENTREGAR JUGUETES A PESAR DE VIVIR CON LO JUSTO EN CUANTO A DINERO, EN 2001 LE FUE MAL CON LAS VENTAS Y DEICIDIO TERMINAR LA SECUNDARIA Y MAS LUEGO LA LICENCIATURA EN BELLAS ARTES, LE ENCANTABA DAR CLASES DE DIBUJO Y PINTURA A LOS CHICOS, PERO E AQUÍ LA INJUSTICIA CON SU PERSONA, 10 AÑOS APROXIMADAMENTE DANDO CLASES EN ESCUELAS PRIMARIAS Y JAMAS FUE NOMBRADO NI SIQUIERA PROFESOR INTERINO, SOLAMANTE TRABAJABA COMO SUPLENTE, LO CUAL NO LE PERMITE A SU VIUDA CONTAR CON UN PENSION, ES MUY MUY INJUSTO ESTA SITUACION. QUE POR LO MENOS LE HUBIESE PERMITIDO DEJAR UNA PENSIÓN A SU ESPOSA UTD. SABE, SON LAS TANTAS INJUSTICIAS DE NUESTRO PAÍS, PADRE BERGOGLIO NO PIDO QUE LO NOMBRE SANTO POR LO MIO, ES MAS SIENTO LA NECESIDAD DE ESCRIBIRLE, SOY UN PECADOR PADRE, PERO ESTE MUCHACHO ERA MUY MUY BUENO, Y SE FUE CON DIOS, SI UTD. PUEDE HACER ALGO PARA QUE SE RECONOZCA ALGO DE LA TRAYECTORIA DE EL PINTORMAGICO TAL COMO SE HACIA LLAMAR LE DEJO MI NUMERO DE CELULAR +54 034155086780 FIJO 03414983376. CORREO ELECTRÓNICO oscarmontero11@hotmail.com, EN CASO DE TENER SU RESPUESTA LE PASARÍA BIEN LOS DATOS DE LA FLIA DE MI AMIGO. PADRE FRANCISCO, AL MENOS DOS VECES REZE POR UTD. COMO SIEMPRE UTD. LO PIDE, Y REZE UTD. POR MI SALUD Y FLIA. GRACIAS Y AMEN.

Rispondi

Roberto Tarozzo il 29 Gennaio 2016 alle 1:09 pm.

Gli “alti prelati” sono rimasti all’età della pietra, se gli togli potere, e quindi denaro… gli crei difficoltà di respirazione. Fortunatamente le UNIONI CIVILI non si possono rallentare e tantomento cancellare. E’ bene che i grossi “papaveri” inizino a prendere coscenza di questo fatto.

Rispondi

teodora il 28 Gennaio 2016 alle 9:46 pm.

Il miracolo è avvenuto!!!!

Rispondi

teodora il 28 Gennaio 2016 alle 9:44 pm.

teodora il 28 gennaio 2016 alle 3:39 pm.
teodora il 28 gennaio 2016 alle 3:15 pm.
teodora il 28 gennaio 2016 alle 2:51 pm.

SCOMPARSI, anche se è rimasta provaI!!!!!!
Magari, per miracolo, ricompariranno! Tanto, nessuno vede, nessuno sa!
I chiarimenti, sani e leali, sono costruttivi.
Gl’incensamenti, meramenti adulanti, annebbiano.
Ma se è ciò che si preferisce, non si può che prenderne atto!
Un devoto, affettuoso saluto a Papa Francesco.

Rispondi

teodora il 28 Gennaio 2016 alle 3:39 pm.

Il silenzio non s’impone con dispendiosi “disfunzioni” tecnico-informatiche: ciò parla ancora più chiaro sulle imposizioni preferenziali. Accontentatevi pure di quanto preferite, ma tutto sarà accertato.
Admin, cosa succede?!!!!

Rispondi

teodora il 28 Gennaio 2016 alle 3:15 pm.

PRECISO:Desiderati “ultimi“ (per propri tornaconti) dalle tracotanze di chi T E R R I T O R I A L E N T E predica bene (per “mestiere”) e razzola male nella quotidiana realtà, sotto gli occhi e lo sconcerto della

Rispondi

teodora il 28 Gennaio 2016 alle 2:51 pm.

per quanto personalmente mi riguarda: nessun epiteto o frasi offensive. PUNTO
Al vanverare di presunte “Frustrazioni e insoddisfazioni”, senza avere la più pallida idea di cosa e di CHI si stia parlando, si faccia prevalere il buon senso di tacere. Lo Spirito Santo vigili e guidi TUTTI al sano discernimento e conseguenti comportamenti, rispettando le sofferenze, soprattutto se cagionate proprio da chi dovrebbe praticare verità e onestà: non solo predicarla come mera, astratta mansione retribuita.
E prima che si facciano ulteriori, gratuite congetture, nessun riferimento al Papa, dal quale ci si aspetta “attenzione alle necessità degli ultimi”. Desiderati “ultimi“ (per propri tornaconti) dalle tracotanze di chi predica bene (per “mestiere”) e razzola male nella quotidiana realtà, sotto gli occhi e lo sconcerto della comunità.
E’ chiaro?!

Rispondi

Luciana serrati il 28 Gennaio 2016 alle 5:55 am.

Mio caro Papa Francesco, io mi permetto di domandarLe scusa, per i fratelli o le sorelle, che sfogano le loro frustazioni e insoddisfazioni personali, rivogendoLe epiteti e frasi offensive…davvero immeritate e inopportune. Non voglio, nè mi sento, di giudicare alcuno…ma, mai, come in questo caso, sono certa che Lei affonderà le Sue mani nell’infinita misericordia del Signore…per perdonare chi ha ancora il cuore indurito dalla poca fede. Chi ama il Signore, realmente, non può non apprezzare e non elevare, giornalmente, il suo grazie a Dio, per averci donato un Papa così attento alle necessità degli ultimi…e chi sono gli ultimi? Tutti noi, che ci permettiamo di giudicare e sindacare quello che Lei, ispirato dallo Spirito Santo, fa e ci insegna ogni giorno, per avvicinarci sempre più alla Verità del Vangelo! Che Dio La protegga sempre più, nella Sua missione, che noi continueremo a supportare, lealmente, con amore e con infinita fiducia. Sia lode al Signore!

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.