Dobbiamo imparare dal Vangelo come si fa la lotta contro il Diavolo

Dobbiamo imparare dal Vangelo come si fa la lotta contro il Diavolo

Dobbiamo imparare dal Vangelo come si fa la lotta contro il Diavolo perché il Diavolo esiste, anche nel XXI secolo! È questo il messaggio che Papa Francesco ha espresso nel corso dell’omelia del mattino in Casa Santa Marta.

La vita del cristiano si caratterizza come una lotta, una continua lotta contro il male che tenta il cristiano in quanto non vuole la nostra santità né tantomeno che venga diffuso l’annuncio del Vangelo.

Così se osserviamo la vita di Gesù ci rendiamo conto che “è stata una lotta. Lui è venuto a vincere il male, a vincere il principe di questo mondo, a vincere il demonio“. Allo stesso modo in cui lo è stato Gesú, anche il cristiano viene tentato tanto che lo stesso Gesú ci ha avvertito che se vogliamo seguirLo fino in fondo “dobbiamo conoscere bene questa realtà“.

Infatti, ha affermato il Pontefice, “anche noi siamo oggetto dell’attacco del demonio, perché lo spirito del Male non vuole la testimonianza cristiana, non vuole la nostra santità, non vuole che noi siamo discepoli di Gesù“.

Per evitare questo dobbiamo prendere esempio proprio dal Vangelo, laddove Gesú stesso ci insegna la strada per riconoscere le tentazioni del Demonio e per allontanarsene.  All’inizio la tentazione appare come un seduzione. È  la vera e propria tentazione che una volta riconosciuta e respinta si fa più forte. Del resto, ha rammentato il Papa, “quando il demonio è respinto, gira e cerca alcuni compagni e con questa banda, torna“. Così quella che era un piccola tentazione, torna e non solo tenta noi ma giunge a contagiare gli altri: essa “cresce anche coinvolgendo altri“.

Così per esempio possiamo avere una prova concreta di come funziona la tentazione del Male: “pensiamo ad una chiacchiera” essa inizia in forma individuale e nasce dal fatto che “io ho un po’ di invidia per quella persona, per l’altra“. Questa tentazione che prima è dentro di noi sentiamo che vuole uscire, che dobbiamo condividerla e così “cerca di crescere e contagia un altro e un altro“.

Infine il terzo stadio della tentazione del Male è il giustificarsi. Cosí “quando, nel nostro cuore, sentiamo qualcosa che finirà per distruggere” dobbiamo stare attenti “perché se non fermiamo a tempo quel filo d’acqua, quando crescerà” ha concluso Bergoglio “e contagerà sarà una marea tale che soltanto ci porterà a giustificarci male“.

Share Button

15 Commenti

Salvatore Nicoloso il 14 Aprile 2014 alle 5:10 am.

Carissimo Papa Francesco, La ringrazio immensamente per le sue precise illuminazioni e per il suo preziosissimo e benevolo appoggio.
Con grande stima e gratitudine Le invio un affettuoso abbraccio !!!
(Salvatore Nicoloso).

Rispondi

luca coscione il 14 Aprile 2014 alle 4:29 am.

il signore ,e colui ,che puo sconfiggere ,il diavalo.

Rispondi

Bruno il 14 Aprile 2014 alle 6:20 am.

IL SIGNORE NON PUO SCONFIGGERE IL DEMONIO.IL DEMONIO NON ESISTE.IL DEMONIO ESISTE NELLA MENTE DEI POVERI CATTOLICI ROMANI. SE VEDI IL DEMONIO SALUTAMELO.CIAO BRUNO, FAI ATTENZIONE CHE IL DEMONIO NON TI MANGI LE UOVA DI PSQUA.

Rispondi

BRUNO il 13 Aprile 2014 alle 7:36 pm.

IL VANGELO NON E IL PROBLEMA. IL PROBLEMA SONO I PAPI E I CARDINALI.

Rispondi

BRUNO il 13 Aprile 2014 alle 5:49 pm.

Dobbiamo imparare dal Vangelo come si fa la lotta contro il Diavolo
LA BIBBIA E LA PAROLA DI DIO. IL VANGELO E LA PAROLA DELLA CHIESA CATTOLICA.NELLA RELIGIONE CATTOLICA SI TROVA IDOLATRIA DI OGNI TIPO , E NELLA RELIGIONE CATTOLICA SI TROVA ANCHE IL DEMONIO.

Rispondi

olivia nasoni il 13 Aprile 2014 alle 3:46 pm.

RIVELAZIONE DI GESU’ AL POPOLO:IO SONO VOCE DI UNO CHE GRIDA NEL DESERTO;preparate la via del”signore” ——————————————————————————————————————*** COLUI CHE TOGLIE I PECCATI DAL MONDO!

Rispondi

Giuseppe il 13 Aprile 2014 alle 10:02 am.

Gentile Sig. Bruno. Lei è la prova scientifica dell’esistenza del diavolo. Infatti, lo scopo principe del diavolo è… far credere alla gente che non esiste. Quindi Lei è stato intrappolato da satana. Però… fa capolino in queste pagine, non per unire, ma per dividere, oltre che per offendere. Non è che per caso…

Se il maligno vuoi allontanare, recita una bella AVE MARIA ed immediatamente scompare.

Ave o Maria, piena di grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

Grazie France’, per troppo tempo si è taciuto su questo argomento. Ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Ciao guaglju’ 🙂

Rispondi

evelina mocci il 13 Aprile 2014 alle 6:41 am.

mi rendo conto di quanto sia vero tutto questo e mi rendo conto di quanto sia difficile ogni giorno tutto questo,solo con una profonda fede e fiducia verso Gesù e soltanto con il suo aiuto possiamo cercare di seguire la sua parola.Solo se veramente tu vuoi puoi riuscire a stare con lui che ti ama perché Gesù ci ha dato la libertà di scegliere,questo è l’atto d’amore più grande che neanche un genitore riesce a fare.Io mi sento piccola come una formica e chiedo ogni giorno a Gesù di perdonarmi per il coraggio che non ho di comportarmi come un vero cristiano e spero di finire la mia vita terrena avendo almeno una volta tirato fuori questo coraggio testimoniando così il mio piccolo grazie a Gesù.

Rispondi

Bruno il 13 Aprile 2014 alle 6:35 am.

http://www.papafrancesco.net/dobbiamo-imparare-dal-vangelo-come-si-fa-la-lotta-contro-il-diavolo/
FRANCESCO IL DIAVOLO NON ESISTE,NEMMENO I BAMBINI LO CREDONO
FRANCESCO CAMBIA MESTIERE

Rispondi

ciro pagano il 13 Aprile 2014 alle 7:16 am.

..a te t’ha già fregato alla grande…

Rispondi

christa pescollderungg il 13 Aprile 2014 alle 5:07 am.

Un aiuto x ogni giorno

Rispondi

rosaria il 12 Aprile 2014 alle 10:22 pm.

……….si quando quel filo si riesce più a fermare ………altrimenti la giustificazione ha il sopravvento …..

Rispondi

Lascia un commento

La tua e-mail non sarà pubblicata. Campi obbligatori *

È possibile utilizzare i seguenti codici HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.